Esce di carcere dopo 36 anni per un furto di 50 dollari

| Alvin Kennard era stato condannato all’ergastolo nel 1983 sulla base della legge “dei tre colpi”, che prevedeva la massima pena dopo tre reati. Una norma ormai decaduta che un giudice ha deciso di applicare al suo caso

+ Miei preferiti
È un’America che si interroga sui meccanismi della propria giustizia, quella che in questi giorni commenta l’incredibile vicenda di Alvin Kennard, un uomo di colore che un giudice ha scagionato dopo 36 anni di carcere. La sua colpa: aver rubato 50,75 dollari dalla cassa di una panetteria perché aveva fame. Arrestato e processato, è entrato in galera nel 1983, a 22 anni, accompagnato da una condanna all’ergastolo. Da allora, la famiglia e gli amici si battono contro una pena ritenuta ingiusta e sproporzionata, e la soluzione è arrivata quando un giudice ha aperto le porte del carcere di Donaldson, a Bessemer, in Alabama. La condanna, era in realtà perfettamente coerente con l’Habitual Felonby Offender Act, un passaggio di una legge ormai decaduta che prevedeva l’ergastolo al quarto reato commesso, e Kennard aveva accumulato altre tre condanne per furto con scasso ed era in libertà condizionata.

Una legge che è stata modificata e ammorbidita all’inizio del nuovo millennio, ma senza retroattività, lasciando Alvin Kennard a scontare il carcere a vita. E così sarebbe stato senza l’intervento di David Carpenter, un giudice a cui è capitato sotto mano il fascicolo di Alvin Kennard, restando colpito per la severità della condanna per un furto di pochi dollari.

Alla lettura della sentenza, la famiglia, gli amici e l’avvocato di Alvin, Carla Crowder, sono balzati in aria saltando di gioia, mentre lui è rimasto sbigottito e incredulo, perché ormai era rassegnato a non assaporare mai più la libertà. “Voglio solo aggiungere che mi dispiace per quello che ho fatto, ora ho intenzione di ricominciare da dove avevo interrotto, 36 anni: ho intenzione di riprendere il mio vecchio mestiere di falegname”.

Galleria fotografica
Esce di carcere dopo 36 anni per un furto di 50 dollari - immagine 1
Esce di carcere dopo 36 anni per un furto di 50 dollari - immagine 2
Stati Uniti
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi
Chicago, sparatoria al funerale
Chicago, sparatoria al funerale
Nessuna vittima ma 14 feriti per quella che doveva essere una strage: Trump minaccia di inviare le truppe federali per riportare l’ordine, ma il sindaco dice di no
New York, in aumento i casi di violenza
New York, in aumento i casi di violenza
Una preoccupante impennata di sparatorie, morti e feriti nella Grande Mela, ormai ex città “più sicura d’America”. Fra le cause povertà, disoccupazione e rabbia