Esce di carcere dopo 36 anni per un furto di 50 dollari

| Alvin Kennard era stato condannato all’ergastolo nel 1983 sulla base della legge “dei tre colpi”, che prevedeva la massima pena dopo tre reati. Una norma ormai decaduta che un giudice ha deciso di applicare al suo caso

+ Miei preferiti
È un’America che si interroga sui meccanismi della propria giustizia, quella che in questi giorni commenta l’incredibile vicenda di Alvin Kennard, un uomo di colore che un giudice ha scagionato dopo 36 anni di carcere. La sua colpa: aver rubato 50,75 dollari dalla cassa di una panetteria perché aveva fame. Arrestato e processato, è entrato in galera nel 1983, a 22 anni, accompagnato da una condanna all’ergastolo. Da allora, la famiglia e gli amici si battono contro una pena ritenuta ingiusta e sproporzionata, e la soluzione è arrivata quando un giudice ha aperto le porte del carcere di Donaldson, a Bessemer, in Alabama. La condanna, era in realtà perfettamente coerente con l’Habitual Felonby Offender Act, un passaggio di una legge ormai decaduta che prevedeva l’ergastolo al quarto reato commesso, e Kennard aveva accumulato altre tre condanne per furto con scasso ed era in libertà condizionata.

Una legge che è stata modificata e ammorbidita all’inizio del nuovo millennio, ma senza retroattività, lasciando Alvin Kennard a scontare il carcere a vita. E così sarebbe stato senza l’intervento di David Carpenter, un giudice a cui è capitato sotto mano il fascicolo di Alvin Kennard, restando colpito per la severità della condanna per un furto di pochi dollari.

Alla lettura della sentenza, la famiglia, gli amici e l’avvocato di Alvin, Carla Crowder, sono balzati in aria saltando di gioia, mentre lui è rimasto sbigottito e incredulo, perché ormai era rassegnato a non assaporare mai più la libertà. “Voglio solo aggiungere che mi dispiace per quello che ho fatto, ora ho intenzione di ricominciare da dove avevo interrotto, 36 anni: ho intenzione di riprendere il mio vecchio mestiere di falegname”.

Galleria fotografica
Esce di carcere dopo 36 anni per un furto di 50 dollari - immagine 1
Esce di carcere dopo 36 anni per un furto di 50 dollari - immagine 2
Stati Uniti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti
Barack Attack
Barack Attack
Obama scende in campo attaccando Trump senza mai nominarlo: “Non fa neanche finta di governare”. La replica del presidente: “Dovrebbe andare in galera insieme a Biden”. Uno scontro infuocato
Hackerato lo studio legale dei vip americani
Hackerato lo studio legale dei vip americani
I pirati informatici sono riusciti a impossessarsi di 756 GB di dati di diverse celebrità del mondo dello spettacolo, compreso il nome più importante: Donald Trump. Chiesto un riscatto di 42 milioni di dollari: l'FBI indaga
L’ultimo azzardo di Trump: riaprire per vincere
L’ultimo azzardo di Trump: riaprire per vincere
È convinto che sia necessario far ripartire l’economia anche mettendo in conto migliaia di morti. Un azzardo che potrebbe portarlo dritto verso la rielezione, o nel baratro
NY, l’orologio della morte dedicato a Trump
NY, l’orologio della morte dedicato a Trump
Si tratta di un’installazione artistica creata dal regista Eugene Jarecki: mostra in tempo reale quante vite umane si sarebbero potute salvare con una risposta più tempestiva
Saturday Night Virus
Saturday Night Virus
L’ultima follia americana sono i “Covid-party” delle feste in cui persone sane si mescolano ad altre infette, nella speranza di essere contagiate e sviluppare volontariamente l’immunità di gregge
NY: vacanze gratis per 4.000 dipendenti di un ospedale
NY: vacanze gratis per 4.000 dipendenti di un ospedale
Migliaia di medici, infermieri e assistenti dell’ospedale epicentro della lotta dell’America contro il coronavirus premiati per il duro lavoro