Esce di carcere dopo 36 anni per un furto di 50 dollari

| Alvin Kennard era stato condannato all’ergastolo nel 1983 sulla base della legge “dei tre colpi”, che prevedeva la massima pena dopo tre reati. Una norma ormai decaduta che un giudice ha deciso di applicare al suo caso

+ Miei preferiti
È un’America che si interroga sui meccanismi della propria giustizia, quella che in questi giorni commenta l’incredibile vicenda di Alvin Kennard, un uomo di colore che un giudice ha scagionato dopo 36 anni di carcere. La sua colpa: aver rubato 50,75 dollari dalla cassa di una panetteria perché aveva fame. Arrestato e processato, è entrato in galera nel 1983, a 22 anni, accompagnato da una condanna all’ergastolo. Da allora, la famiglia e gli amici si battono contro una pena ritenuta ingiusta e sproporzionata, e la soluzione è arrivata quando un giudice ha aperto le porte del carcere di Donaldson, a Bessemer, in Alabama. La condanna, era in realtà perfettamente coerente con l’Habitual Felonby Offender Act, un passaggio di una legge ormai decaduta che prevedeva l’ergastolo al quarto reato commesso, e Kennard aveva accumulato altre tre condanne per furto con scasso ed era in libertà condizionata.

Una legge che è stata modificata e ammorbidita all’inizio del nuovo millennio, ma senza retroattività, lasciando Alvin Kennard a scontare il carcere a vita. E così sarebbe stato senza l’intervento di David Carpenter, un giudice a cui è capitato sotto mano il fascicolo di Alvin Kennard, restando colpito per la severità della condanna per un furto di pochi dollari.

Alla lettura della sentenza, la famiglia, gli amici e l’avvocato di Alvin, Carla Crowder, sono balzati in aria saltando di gioia, mentre lui è rimasto sbigottito e incredulo, perché ormai era rassegnato a non assaporare mai più la libertà. “Voglio solo aggiungere che mi dispiace per quello che ho fatto, ora ho intenzione di ricominciare da dove avevo interrotto, 36 anni: ho intenzione di riprendere il mio vecchio mestiere di falegname”.

Galleria fotografica
Esce di carcere dopo 36 anni per un furto di 50 dollari - immagine 1
Esce di carcere dopo 36 anni per un furto di 50 dollari - immagine 2
Stati Uniti
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”