Esecuzione capitale in Alabama

| Il detenuto Nathaniel Woods è stato giustiziato per l’omicidio di tre agenti di polizia nel 2004. In tanti, compreso il complice, hanno insistito fino alla fine sull’innocenza dell’uomo

+ Miei preferiti
Alle 21:01 ora locale, nella notte in Italia, il medico legale ha dichiarato la morte di Nathaniel Woods, giustiziato in un penitenziario dell’Alabama. A nulla sono valsi gli appelli, le petizioni e le raccolte firme: poche ore prima, il governatore Kay Ivey si è rifiutato di rimandare ancora una volta il rinvio dell’esecuzione, così come ha fatto la Corte Suprema degli Stati Uniti respingendo la richiesta degli avvocati, che in extremis avevano espresso preoccupazioni sull’iniezione letale. Diversi attivisti per i diritti civili, tra cui Martin Luther King III e Bart Starr Jr. hanno chiesto al governatore di commutare la sentenza, ma il procuratore generale Steve Marshall ha definito giusta la condanna alla pena capitale.

Woods, 42 anni, non ha voluto rilasciare alcuna dichiarazione. Era stato condannato a morte nel 2005 per omicidio, al termine di un processo assai controverso in cui perfino il co-imputato, Kerry Spencer, anche lui condannato a morte, aveva dichiarato che Woods era innocente. Spencer ha ammesso di aver sparato a tre agenti nel 2004, mentre tentavano di fare irruzione nell’appartamento in cui dormiva. Un quarto agente è rimasto gravemente ferito, ma è sopravvissuto.

Nathaniel Woods con quelle morti non c’entrava nulla: è scappato quando sono scoppiati gli spari: “Non sapeva che avrei sparato”. Parlando al telefono dal braccio della morte nella prigione di Holman, Kerry Spencer ha raccontato che la notte degli omicidi lui e Woods avevano già avuto uno scontro con due agenti di polizia. Avevano in mente di tornare a casa una volta che gli agenti avessero finito il turno perché non volevano incontrarli di nuovo. “Quando mi sono svegliato c’era un elicottero che volava sopra il tetto della casa: mi sono alzato e ho afferrato un fucile. Siamo spacciatori, vendiamo droga, e devi sempre avere un fucile con te, notte e giorno”.

Spencer sente dei rumori provenire da un’altra stanza: guarda fuori dalla finestra e vede le auto della polizia. “Di colpo a poca distanza da me ho visto le figure di due poliziotti con le armi spianate: avevo il fucile in mano, ho pensato che mi avrebbero sparato, e ho aperto il fuoco. Quando hai un’arma puntata addosso, non importa se sono poliziotti o meno, pensi solo a sparare per primo, perché sai che qualcuno resterà a terra. Quando ho aperto il fuoco, Nate è ha fatto un balzo come se lo avessero colpito, poi è scappato dalla finestra. È un bravo ragazzo, non è un assassino: la ragione per cui Nate era laggiù è perché aveva bisogno di soldi”.

La notte del 17 giugno 2004, gli agenti della polizia di Birmingham Charles Bennett, Harley Chisholm III, Carlos Owen e Michael Collins hanno fatto irruzione nell’appartamento di Kerry Spencer per arrestarlo: qualcuno li aveva avvisati che Woods e Spencer erano armati e spacciavano crack ad almeno 100 clienti al giorno.

Quando sono arrivati i soccorsi, Bennett è stato trovato fuori dalla porta d’ingresso, con una vasta ferita alla testa, mentre Chisholm e Owen erano all’interno, entrambi colpiti alla schiena. Tutti e tre erano morti. Gli investigatori hanno rintracciato Spencer nella proprietà di un vicino, mentre Woods era seduto sotto un portico, con due proiettili calibro 22 in tasca.

“Sebbene Woods non fosse l’assassino, non era certo un passante innocente”. Basandosi in parte sulla testimonianza di 39 persone, Woods è stato condannato per quattro capi d’accusa di omicidio: tre per aver ucciso intenzionalmente un agente di polizia in servizio e uno per l’omicidio di due o più persone. La giuria ha votato 10-2 in favore della pena di morte.

I parenti e i sostenitori di Woods si sono radunati all’esterno del Campidoglio, a Montgomery, per chiedere la grazia. “Siamo affranti per quello che è successo quel giorno, e non auguriamo a nessuna famiglia di vivere quel che stiamo vivendo noi, ma il punto fondamentale è che Nathaniel non ha avuto alcuna parte nelle azioni di Kerry Spencer”. In una lettera, Martin Luther King III, il figlio dell’icona dei diritti civili, ha supplicato Ivey di usare il suo potere per fermare l’esecuzione di “un uomo molto probabilmente innocente. Uccidere quest’uomo afroamericano, il cui caso sembra essere stato fortemente mal gestito dai tribunali, potrebbe produrre un precedente di ingiustizia irreversibile”. Ma non c’è stato niente da fare.

Galleria fotografica
Esecuzione capitale in Alabama - immagine 1
Esecuzione capitale in Alabama - immagine 2
Esecuzione capitale in Alabama - immagine 3
Stati Uniti
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda