Esecuzione capitale in Alabama

| Il detenuto Nathaniel Woods è stato giustiziato per l’omicidio di tre agenti di polizia nel 2004. In tanti, compreso il complice, hanno insistito fino alla fine sull’innocenza dell’uomo

+ Miei preferiti
Alle 21:01 ora locale, nella notte in Italia, il medico legale ha dichiarato la morte di Nathaniel Woods, giustiziato in un penitenziario dell’Alabama. A nulla sono valsi gli appelli, le petizioni e le raccolte firme: poche ore prima, il governatore Kay Ivey si è rifiutato di rimandare ancora una volta il rinvio dell’esecuzione, così come ha fatto la Corte Suprema degli Stati Uniti respingendo la richiesta degli avvocati, che in extremis avevano espresso preoccupazioni sull’iniezione letale. Diversi attivisti per i diritti civili, tra cui Martin Luther King III e Bart Starr Jr. hanno chiesto al governatore di commutare la sentenza, ma il procuratore generale Steve Marshall ha definito giusta la condanna alla pena capitale.

Woods, 42 anni, non ha voluto rilasciare alcuna dichiarazione. Era stato condannato a morte nel 2005 per omicidio, al termine di un processo assai controverso in cui perfino il co-imputato, Kerry Spencer, anche lui condannato a morte, aveva dichiarato che Woods era innocente. Spencer ha ammesso di aver sparato a tre agenti nel 2004, mentre tentavano di fare irruzione nell’appartamento in cui dormiva. Un quarto agente è rimasto gravemente ferito, ma è sopravvissuto.

Nathaniel Woods con quelle morti non c’entrava nulla: è scappato quando sono scoppiati gli spari: “Non sapeva che avrei sparato”. Parlando al telefono dal braccio della morte nella prigione di Holman, Kerry Spencer ha raccontato che la notte degli omicidi lui e Woods avevano già avuto uno scontro con due agenti di polizia. Avevano in mente di tornare a casa una volta che gli agenti avessero finito il turno perché non volevano incontrarli di nuovo. “Quando mi sono svegliato c’era un elicottero che volava sopra il tetto della casa: mi sono alzato e ho afferrato un fucile. Siamo spacciatori, vendiamo droga, e devi sempre avere un fucile con te, notte e giorno”.

Spencer sente dei rumori provenire da un’altra stanza: guarda fuori dalla finestra e vede le auto della polizia. “Di colpo a poca distanza da me ho visto le figure di due poliziotti con le armi spianate: avevo il fucile in mano, ho pensato che mi avrebbero sparato, e ho aperto il fuoco. Quando hai un’arma puntata addosso, non importa se sono poliziotti o meno, pensi solo a sparare per primo, perché sai che qualcuno resterà a terra. Quando ho aperto il fuoco, Nate è ha fatto un balzo come se lo avessero colpito, poi è scappato dalla finestra. È un bravo ragazzo, non è un assassino: la ragione per cui Nate era laggiù è perché aveva bisogno di soldi”.

La notte del 17 giugno 2004, gli agenti della polizia di Birmingham Charles Bennett, Harley Chisholm III, Carlos Owen e Michael Collins hanno fatto irruzione nell’appartamento di Kerry Spencer per arrestarlo: qualcuno li aveva avvisati che Woods e Spencer erano armati e spacciavano crack ad almeno 100 clienti al giorno.

Quando sono arrivati i soccorsi, Bennett è stato trovato fuori dalla porta d’ingresso, con una vasta ferita alla testa, mentre Chisholm e Owen erano all’interno, entrambi colpiti alla schiena. Tutti e tre erano morti. Gli investigatori hanno rintracciato Spencer nella proprietà di un vicino, mentre Woods era seduto sotto un portico, con due proiettili calibro 22 in tasca.

“Sebbene Woods non fosse l’assassino, non era certo un passante innocente”. Basandosi in parte sulla testimonianza di 39 persone, Woods è stato condannato per quattro capi d’accusa di omicidio: tre per aver ucciso intenzionalmente un agente di polizia in servizio e uno per l’omicidio di due o più persone. La giuria ha votato 10-2 in favore della pena di morte.

I parenti e i sostenitori di Woods si sono radunati all’esterno del Campidoglio, a Montgomery, per chiedere la grazia. “Siamo affranti per quello che è successo quel giorno, e non auguriamo a nessuna famiglia di vivere quel che stiamo vivendo noi, ma il punto fondamentale è che Nathaniel non ha avuto alcuna parte nelle azioni di Kerry Spencer”. In una lettera, Martin Luther King III, il figlio dell’icona dei diritti civili, ha supplicato Ivey di usare il suo potere per fermare l’esecuzione di “un uomo molto probabilmente innocente. Uccidere quest’uomo afroamericano, il cui caso sembra essere stato fortemente mal gestito dai tribunali, potrebbe produrre un precedente di ingiustizia irreversibile”. Ma non c’è stato niente da fare.

Galleria fotografica
Esecuzione capitale in Alabama - immagine 1
Esecuzione capitale in Alabama - immagine 2
Esecuzione capitale in Alabama - immagine 3
Stati Uniti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi