Ex sacerdote pedofilo ucciso in Nevada

| Il nome di John Capparelli era finito fra i 188 sacerdoti accusati di molestie sessuali nella diocesi del New Jersey. Non aveva mai pagato le sue colpe davanti alla giustizia, ma qualcuno si è vendicato

+ Miei preferiti
John Capparelli pensava che il tempo fosse galante, almeno con lui. Aveva 70 anni, era stato un prete e un’insegnante, ma soprattutto un pedofilo che in vita sua aveva abusato di almeno due dozzine di adolescenti. Ordinato nel 1980, aveva prestato servizio a North Bergen, Summit, Westfield, Kenilworth e Ridgewood: nel 1992 era stato cacciato, ma accuse sul suo conto erano continuate uscire anche negli anni successivi. Decine di ragazzi lo accusavano di molestie, violenze, palpeggiamenti e di averli costretti a posare per foto pornografiche. Il suo nome era finito nell’elenco dei 188 sacerdoti e diaconi accusati di abusi sessuali stilata dalle diocesi cattoliche del New Jersey. E non solo non era mai stato costretto a rispondere davanti alla legge delle sue colpe, ma incredibilmente, nel 2011 era stato assunto nuovamente in un liceo pubblico di Newark, dove aveva continuato a molestare i tanti giovani che il mestiere gli metteva davanti agli occhi. 

Andato in pensione, costretto dall’età più che dalla voglia, Capparelli ha pensato fosse opportuno togliersi di mezzo: si era trasferito a Henderson, un piccolo centro del Nevada, certo di essere al riparo dalle ombre del suo passato. 

Non era così: il suo corpo senza vita è stato trovato nella cucina della piccola abitazione di due stanze in cui viveva. Ucciso da un colpo di pistola alla gola che non gli ha lasciato scampo. La polizia, che ritiene la morte risalga almeno al 6 marzo scorso, quando Capparelli non si è presentato ad una cena con un amico, ha aperto un fascicolo per omicidio.

Uno dei suoi accusatori, Rich Fitter, ha affermato di essere stato avvicinato in un doposcuola organizzato dal sacerdote nella contea di Union County, dove gestiva anche un club di wrestling e lotte nel fango per cui reclutava giovani atletici. Quando Fitter ha deciso di allontanarsi, la reazione del prete sarebbe culminata nella violenza carnale. Alla notizia della morte di Capparelli, Rich Fitter ha commentato: “Una parte di me è furiosa, perché non avrò mai le scuse dall’uomo che mi ha violentato, ma il mondo senza di lui in circolazione è un posto decisamente migliore”.

Galleria fotografica
Ex sacerdote pedofilo ucciso in Nevada - immagine 1
Stati Uniti
Per le strade di un’America
distrutta dalla pandemia
Per le strade di un’America<br>distrutta dalla pandemia
Gli allarmi delle strutture ospedaliere, migliaia di persone in fila per ricevere aiuti alimentari, gli impresari di pompe funebri al collasso. Diario da un Paese in cui il peggio deve ancora arrivare
«State a casa», raccomanda il sindaco di Austin (dal Messico)
«State a casa», raccomanda il sindaco di Austin (dal Messico)
Steve Adler, primo cittadino della città texana, ha esortato i suoi concittadini a non uscire di casa mentre volava a Cabo San Lucas con un jet privato. E non è il solo….
L’era Trump si chiude con un’inchiesta per tangenti
L’era Trump si chiude con un’inchiesta per tangenti
Secondo alcuni documenti rivelati dalla CNN, il presidente era pronto alla clemenza in cambio di tangenti. Prima di andarsene, Trump pensa alla "grazia preventiva" per i figli
Si dimette Scott Atlas, il medico negazionista
Si dimette Scott Atlas, il medico negazionista
Consigliere di Trump per la pandemia dallo scorso agosto, si è sempre detto favorevole all’immunità di gregge rifiutando tutto il resto. La comunità scientifica americana soddisfatta per le dimissioni
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità