Fa sesso con il fidanzatino della figlia

| Una donna del Tennessee trova in un ragazzino di 14 anni l’oggetto del desiderio. Ne nasce una relazione morbosa andata avanti per più di un anno, che ora la legge sta per punire

+ Miei preferiti
Sei uomini e sei donne, la giuria del tribunale penale della Sumner Clounty, in Tennessee, hanno ascoltato allibiti la testimonianza di un ragazzo di 17 anni. Dal dicembre del 2016 all’ottobre dell’anno successivo, il giovane ha avuto una relazione con Jamie Tice, 38 anni, madre di quattro figli, fra cui la fidanzatina del ragazzo diventato l’oggetto del desiderio di sua madre. Secondo la vittima, un arco di tempo sufficiente per 50 incontri e almeno 20 notti complete passate insieme. All’inizio era consenziente, ha ammesso il ragazzo, ma quando ha tentato di tirarsi indietro, la donna non ha esitato a minacciarlo di raccontare tutto a sua figlia, con cui il ragazzo continuava ad avere una storia d’amore decisamente più tenera.

Quando la notizia è diventata di dominio pubblico, Jamie Tice ha preso fiato ed è andata a casa del ragazzo, per raccontare tutto ai genitori.

ma in Tennessee la legge parla chiaro: l’età del consenso è fissata a 18 anni, e la donna sapeva perfettamente l’età del giovane, che all’inizio della relazione era un quattordicenne. Quanto basta per rispondere di stupro e abuso sessuale su minore.

I due si sono conosciuti frequentano la “Metro Christian Academy” e sarebbe nata “subito una fortissima attrazione sessuale”, ha raccontato Jamie Tice alla giuria, sempre più esterrefatta. Buona parte degli incontri si sarebbe svolto proprio in chiesa, e nel processo è spuntato anche qualche testimone che afferma di aver capito o addirittura visto qualcosa di anomalo.

Per il procuratore Ron Blanton si tratta di “Un caso insolito in cui una donna decide di avere relazione sessuale con il fidanzatino della figlia”. Dopo la condanna, il 22 marzo prossimo arriverà la sentenza: Jamie Tice rischia da due a quattro anni.

Stati Uniti
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024
Gli strateghi della battaglia di Trump
Gli strateghi della battaglia di Trump
Secondo il “Washington Post”, Rudy Giuliani e Steve Bannon guiderebbero il “dream team” del presidente con l’obiettivo di ritardare quanto più possibile la certificazione finale dei risultati elettorali per delegittimare Biden
Trump: i giorni della vendetta
Trump: i giorni della vendetta
Poche ore fa, con un Tweet, il presidente ha licenziato il capo della cybersecurity, dopo aver liquidato il Segretario alla Difesa Mark Esper. E altre due teste potrebbero saltare a breve: i direttori della CIA e dell’FBI
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Dallo scandalo emerso dopo un’inchiesta del “NY Times”, si è aperta una voragine che ha letteralmente travolto la più antica organizzazione scoutistica del mondo. Ma secondo gli esperti è solo la punta dell’iceberg