Fa sesso con il fidanzatino della figlia

| Una donna del Tennessee trova in un ragazzino di 14 anni l’oggetto del desiderio. Ne nasce una relazione morbosa andata avanti per più di un anno, che ora la legge sta per punire

+ Miei preferiti
Sei uomini e sei donne, la giuria del tribunale penale della Sumner Clounty, in Tennessee, hanno ascoltato allibiti la testimonianza di un ragazzo di 17 anni. Dal dicembre del 2016 all’ottobre dell’anno successivo, il giovane ha avuto una relazione con Jamie Tice, 38 anni, madre di quattro figli, fra cui la fidanzatina del ragazzo diventato l’oggetto del desiderio di sua madre. Secondo la vittima, un arco di tempo sufficiente per 50 incontri e almeno 20 notti complete passate insieme. All’inizio era consenziente, ha ammesso il ragazzo, ma quando ha tentato di tirarsi indietro, la donna non ha esitato a minacciarlo di raccontare tutto a sua figlia, con cui il ragazzo continuava ad avere una storia d’amore decisamente più tenera.

Quando la notizia è diventata di dominio pubblico, Jamie Tice ha preso fiato ed è andata a casa del ragazzo, per raccontare tutto ai genitori.

ma in Tennessee la legge parla chiaro: l’età del consenso è fissata a 18 anni, e la donna sapeva perfettamente l’età del giovane, che all’inizio della relazione era un quattordicenne. Quanto basta per rispondere di stupro e abuso sessuale su minore.

I due si sono conosciuti frequentano la “Metro Christian Academy” e sarebbe nata “subito una fortissima attrazione sessuale”, ha raccontato Jamie Tice alla giuria, sempre più esterrefatta. Buona parte degli incontri si sarebbe svolto proprio in chiesa, e nel processo è spuntato anche qualche testimone che afferma di aver capito o addirittura visto qualcosa di anomalo.

Per il procuratore Ron Blanton si tratta di “Un caso insolito in cui una donna decide di avere relazione sessuale con il fidanzatino della figlia”. Dopo la condanna, il 22 marzo prossimo arriverà la sentenza: Jamie Tice rischia da due a quattro anni.

Stati Uniti
Trump concede la grazia a Roger Stone
Trump concede la grazia a Roger Stone
Consigliere politico di lungo corso dallo stile spietato, è stato graziato da presidente per l’inchiesta sul “Russiagate”. Il 14 luglio sarebbe dovuto entrare in cella per scontare 3 anni e 4 mesi di reclusione
«Ho visto i sex-tape di Ghislaine Maxwell»
«Ho visto i sex-tape di Ghislaine Maxwell»
Un ladro da cui la coppia comprava gioielli da donare alle giovani vittime, svela di aver visto materiale video scottante che incastrerebbe celebrità e politici d’alto livello mentre facevano orge con minori
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
La Corte Suprema ha obbligato il presidente a presentare le sue dichiarazioni dei redditi, ma ha anche sancito che resteranno segrete fin dolo le elezioni. È il primo candidato della storia a cui riesce l’impresa
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Nel 1993, a 18 anni, aveva ucciso un uomo mentre tentava di rubargli un camion per fuggire con la fidanzata. L’esecuzione era stata rinviata per la pandemia
Scomparsa una star di «Glee»
Scomparsa una star di «Glee»
Per la conferma ufficiale della morte manca ancora il corpo, ma secondo la polizia non ci sono speranze: Naya Rivera - la cheerleader Santana Lopez della serie televisiva – è scomparsa nelle acque di un lago artificiale in California
Trump fra scuole, libri e polemiche
Trump fra scuole, libri e polemiche
La candidatura di Kanye West, l’ordine di riaprire le scuole, i libri che lo mettono in cattiva luce, la pandemia che avanza inesorabile: la settimana “impossibile” del presidente
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Stephen Cooper, ripreso in una delle più celebri foto della tragedia di New York, è stato sopraffatto dal coronavirus in Florida, dove aveva scelto di vivere
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore