Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»

| Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri

+ Miei preferiti
Finalmente, Anthony Fauci ha deciso di togliersi qualche sassolino di troppo dalle scarpe. In un’intervista a cuore aperto rilasciata al “New York Times”, l’ormai celebre immunologo di origini italoamericane a capo del “National Institute of Allergy and Infectious Diseases”, racconta i battibecchi, le differenze di vedute e le durissime pressioni a cui era sottoposto durante i mesi trascorsi a capo della task force della Casa Bianca nell’era dell’amministrazione Trump.

Usando un’espressione idiomatica tipica dello slang americano, Fauci sapeva di essere percepito e apostrofato come “Una puzzola al picnic”, modo gergale per definire una presenza poco gradita, che nessuno vuole. I rapporti tra l’immunologo e Trump non sono stati semplici fin dall’inizio, ammette Fauci: “Nel periodo della prima emergenza che stava toccando in maniera profonda il nord-est provavo a ripetergli che la situazione era grave e preoccupante, e lui mi rispondeva “Non mi sembra che vada così male”. E peggio ancora andava quando il presidente si lanciava in spiegazioni di rimedi che aveva sentito chissà dove e da chi: tentavo di rispondergli che non c’era alcuna evidenza scientifica e lui replicava di essere certo dell’efficacia. Spesso, il presidente mi chiamava al telefono per rimproverarmi, chiedendomi il vero motivo di tanto disfattismo, per lui avremmo dovuto avere un approccio più positivo”.

È uno sfogo che più volte Fauci interrompe precisando di avere profondo rispetto per la carica del presidente degli Stati Uniti, ma anche della fermezza con cui si rifiutava di avallare decisioni e posizioni controverse. “Una volta Peter Navarro, un consigliere di Trump, mi ha affrontato a muso duro citando 25 studi secondo cui l’idrossiclorochina funzionava egregiamente. Quella volta la situazione si è fatta parecchio tesa”.

Il reporter del NYC gli ricorda le tante volte in cui dalla Casa Bianca giungevano voci che lo davano prossimo al licenziamento, ma Fauci serafico risponde: “Non ho mai pensato che volesse farlo davvero: era solo Donald Trump che giocava a fare Donald Trump. Non ho mai nemmeno pensato di presentare le mie dimissioni malgrado mia moglie – che è una persona assai saggia – spesso mi abbia consigliato di farlo, ma quando replicavo dava ragione a me: non potevo andarmene, avrei creato un vuoto nel Paese, senza qualcuno disposto a raccontare la verità, perché avevano tutti la tendenza a minimizzare e a ripetersi l’un l’altro che le cose andavano bene. Spesso ero costretto a interromperli per ricordare che il virus era una questione molto seria. La cosa che mi ha più preoccupato sono state le tante minacce verso di me e la mia famiglia: chiamavano i miei figli a casa, dimostrando di sapere dove abitavano e un giorno nella posta ho ricevuto una busta:  aprendola una polvere bianca mi è schizzata addosso. E stata subito analizzata e per fortuna non era nulla di nocivo, ma è stata un’esperienza ugualmente spaventosa”.

Articoli correlati
Stati Uniti
Seconda accusa di molestie per Cuomo
Seconda accusa di molestie per Cuomo
Il New York Times rivela che un’altra ex assistente accusa il governatore dello Stato di NY molestie sessuali. Mentre l’FBI indaga sul numero di morti falsato durante la prima ondata della pandemia
Ritrovati i cani di Lady Gaga
Ritrovati i cani di Lady Gaga
A riconsegnarli alla polizia, sani e salvi, sarebbe stata una donna estranea alla vicenda. Proseguono le indagini, mentre il dog-sitter è ancora grave in ospedale
Trump pianifica futuro e vendette
Trump pianifica futuro e vendette
Fra una partita a golf e un mandato di comparizione, l’ex presidente starebbe tramando per prendersi il partito repubblicano e lanciare se stesso e suo figlio Donald Jr alla conquista della politica americana
Suicida John Geddert, ex coach della nazionale USA
Suicida John Geddert, ex coach della nazionale USA
Sommerso dalle denunce per violenze e abusi, e al centro di un’indagine, l’ex allenatore 63enne della nazionale americana di ginnastica femminile si è tolto la vita
La brutta avventura di Tiger Woods
La brutta avventura di Tiger Woods
Il grande campione di golf si sta riprendendo dall’intervento chirurgico a cui è stato sottoposto dopo un grave incidente automobilistico. La polizia al lavoro per chiarire la dinamica dell’accaduto, che non ha coinvolto altri veicoli
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
Strana spianata all’indagine su finanziamenti illeciti di un procuratore distrettuale di New York. Per l’ex presidente si tratta di una sonora sconfitta: finora era sempre riuscito a nascondere l’entità del suo impero
Arrestata la moglie di El Chapo
Arrestata la moglie di El Chapo
L’ex reginetta di bellezza Emma Coronel Aispuro, 31 anni, è accusata di aver introdotto negli Stati Uniti ingenti quantitativi di droga. La donna era tenuta da tempo sotto stretta sorveglianza dall'FBI
Il peso di 500.000 morti
Il peso di 500.000 morti
Una cifra impressionante, che costringe Biden e Fauci a trattenere l’ottimismo: la corsa al vaccino è iniziata, ma quello che potrebbe accadere con le nuove varianti toglie il sonno
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
La famiglia di un ex agente di polizia svela una lettera secondo cui l’FBI e il Dipartimento di Polizia di New York sarebbero i veri mandanti dell’omicidio del leader dei diritti civili
Disastro aereo sfiorato a Denver
Disastro aereo sfiorato a Denver
Esplode uno dei motori di un Boeing in fase di decollo, seminando detriti metallici in una zona abitata. Nessuna conseguenza per le 241 persone a bordo