Florida: dove i prof avranno la Colt

| Il governatore Ron DeSantis ha firmato il provvedimento che autorizza il personale scolastico a portare in classe armi da fuoco, a patto di aver frequentato un corso di addestramento

+ Miei preferiti
Secondo Ron DeSantis, governatore della Florida, c’è un solo modo per combattere la piaga dei mass-murder scolastici, coloro che fanno irruzione in una scuola e quando gli riesce provocano una strage di innocenti. La sua soluzione l’ha sottoscritta qualche ora, autorizzando le scuole pubbliche dello Stato americano di armare gli insegnanti. Una decisione che ha immediatamente alzato le polemiche in tutto il Paese, maturata – ha detto il governatore – dopo la strage del 14 febbraio 2018 alla “Majoriy Stoneman Douglas High School” di Parkland, costata la vita a 17 persone.

Il provvedimento autorizza il personale scolastico a frequentare corsi per imparare l’uso delle armi da fuoco, che dopo 144 ore di formazione potranno tranquillamente portare in classe, anche se con la supervisione della direzione scolastica. In tanti, da ogni angolo d’America, hanno ribattuto che combattere le armi aggiungendo altre armi non potrà mai essere la soluzione al problema. Ma sono in pochi a stupirsi: Ronald Dion DeSantis, per tutti “Ron”, è sempre stato uno strenuo difensore del possesso delle armi da fuoco. Laureato in legge si era arruolato in marina partecipando a diverse missioni in Iraq, prima di avere un incarico nella bade di Guantanamo. Tornato alla vita civile si è candidato nelle file dei Repubblicani, schierandosi apertamente dalla parte di Donald Trump, soprattutto quando il presidente aveva ribadito lo stesso concetto: l’unico modo per eliminare i mass murder è armare gli insegnanti.

Stati Uniti
La lobby delle armi va sciolta
La lobby delle armi va sciolta
La procuratrice generale di New York, che indaga da tempo sulla NRA, accusandola di corruzione e appropriazione indebita
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica