Florida: dove i prof avranno la Colt

| Il governatore Ron DeSantis ha firmato il provvedimento che autorizza il personale scolastico a portare in classe armi da fuoco, a patto di aver frequentato un corso di addestramento

+ Miei preferiti
Secondo Ron DeSantis, governatore della Florida, c’è un solo modo per combattere la piaga dei mass-murder scolastici, coloro che fanno irruzione in una scuola e quando gli riesce provocano una strage di innocenti. La sua soluzione l’ha sottoscritta qualche ora, autorizzando le scuole pubbliche dello Stato americano di armare gli insegnanti. Una decisione che ha immediatamente alzato le polemiche in tutto il Paese, maturata – ha detto il governatore – dopo la strage del 14 febbraio 2018 alla “Majoriy Stoneman Douglas High School” di Parkland, costata la vita a 17 persone.

Il provvedimento autorizza il personale scolastico a frequentare corsi per imparare l’uso delle armi da fuoco, che dopo 144 ore di formazione potranno tranquillamente portare in classe, anche se con la supervisione della direzione scolastica. In tanti, da ogni angolo d’America, hanno ribattuto che combattere le armi aggiungendo altre armi non potrà mai essere la soluzione al problema. Ma sono in pochi a stupirsi: Ronald Dion DeSantis, per tutti “Ron”, è sempre stato uno strenuo difensore del possesso delle armi da fuoco. Laureato in legge si era arruolato in marina partecipando a diverse missioni in Iraq, prima di avere un incarico nella bade di Guantanamo. Tornato alla vita civile si è candidato nelle file dei Repubblicani, schierandosi apertamente dalla parte di Donald Trump, soprattutto quando il presidente aveva ribadito lo stesso concetto: l’unico modo per eliminare i mass murder è armare gli insegnanti.

Stati Uniti
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia