Florida: nell’inferno del “Pervert Park”

| Un’inchiesta del “Sun” ha svelato l’esistenza di un’area per case mobili e camper dove si concentrano pedofili e criminali di ogni tipo. La paura degli abitanti del quartiere e i controlli della polizia

+ Miei preferiti
All’apparenza, dall’esterno, il “Palace Mobile Park” di St. Petersburg, in Florida, sembra uno dei tanti sobborghi americani pieni di camper, roulotte e case mobili dove sopravvivono intere famiglie e gente che trova da vivere attraversando periodi bui. Ma il soprannome – “Pervert Park” – toglie ogni dubbio: con 130 fra pedofili e predatori sessuali non sorvegliati, è uno dei posti più pericolosi di tutta l’America. Descritto come un “focolaio di droga e prostituzione”, ospita 100 criminali sessuali di età compresa tra i 25 e i 91 anni, che pagano 375 dollari al mese per condividere roulotte malandate e bagni in comune.

I crimini dei residenti vanno dalla pornografia infantile all’adescamento di minori online, fino alle molestie sui propri figli. Alcuni di loro hanno subito abusi durante l’infanzia e ammettono di aver fatto lo stesso, mentre altri insistono sul fatto di essere laureati o normali padri di famiglia vittime di grossolani errori giudiziari.

Il quartiere circostante è noto per essere uno dei paradisi dello spaccio e della prostituzione, ma è anche il luogo di residenza di anziani e giovani famiglie che vivono nel terrore di avere come vicini di casa criminali sessuali liberi di andare e venire a loro piacimento, con l’unico obbligo di non avvicinarsi a meno di 1.000 metri da una scuola.

Destara Anderson, mamma di tre ragazze di 15, 10 e 9 anni, vive a pochi metri dal Palace Park, e ha scoperto la realtà solo un anno dopo essersi trasferita nella sua modesta casa con il marito, le figlie e la suocera, costretta sulla sedia a rotelle. “Un collega di lavoro me ne ha parlato e sono rimasta scioccata: ho vietato ai miei figli di giocare in giardino. Lo sceriffo locale tiene d’occhio la situazione, ci sono poliziotti alla fermata dell’autobus prima e dopo la scuola, e distribuiscono volantini ogni volta che al Pervert Park arriva un nuovo delinquente”. Sarah Walls, una pensionata che vive a un isolato dal parco, aggiunge: “Ci sono prostitute che sfilano su e giù per la strada a qualsiasi ora, ed è pieno di droga. Vivo qui da cinque anni, ma voglio andarmene”.

Alcuni dei residenti del Palace Park indossano braccialetti e cavigliere elettroniche imposte dal tribunale o sono tenuti a presentarsi regolarmente alla polizia come parte delle condizioni per la libertà vigilata, ma per il resto sono liberi. Il sito web del parco recita: “Forniamo un luogo sicuro ai criminali sessuali che escono di galera, per iniziare il reinserimento nella società. Disponiamo di alloggi sicuri a prezzi accessibili, offrendo al tempo stesso una guida e numerosi servizi per aiutare un individuo al ritorno ad una vita normale. Nella nostra storia, nessuno dei residenti è mai stato condannato per un nuovo reato sessuale”.

Una portavoce della polizia di St. Petersburg ha confermato che non sono previste misure particolari per il Palace Park: “Ogni volta che una persona viene registrata come criminale sessuale ci sono restrizioni su dove può vivere. I molestatori sessuali hanno un agente di sorveglianza e sono monitorati attraverso i tribunali, ma la polizia non viene coinvolta a meno che non sia stato commesso un crimine o sia in corso un reato. Questo è il modo in cui è impostato il sistema, e di più non possiamo fare”.

Douglas Baldwin, uno dei gestori dell’area, ha assicurato che il parco è generalmente “tranquillo” e il tasso di criminalità molto basso: “Siamo diventati una sorta di rifugio semplicemente perché il resto della società preferisce mettere la testa sotto la sabbia. In termini di droga e prostitute, se le becchiamo vengono sfrattate subito: non siamo recintati e volendo chiunque potrebbe entrare di nascosto, ma cerchiamo di evitarlo. La tendenza della gente è di pensare che queste persone non possano vivere qui e dovrebbero andarsene, ma dimenticano di rispondere ad una domanda: dove? A meno che non si decida di condannare a morte chiunque abbia subito una condanna, una soluzione va trovata. Posso aggiungere solo una cosa: la stragrande maggioranza dei nostri ospiti non sono più le stesse persone di prima”.

Galleria fotografica
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 1
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 2
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 3
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 4
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 5
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 6
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 7
Stati Uniti
Amy Dorris, l’ex modella
che accusa Trump di molestie
Amy Dorris, l’ex modella<br>che accusa Trump di molestie
Dopo 23 anni di silenzio, ha raccontato l’aggressione dell’allora tycoon nella suite agli US Opend i Tennis del 1997. “Lo dovevo alle mie figlie, che stanno diventando donne”
La Boeing colpevole degli incidenti del 737 Max
La Boeing colpevole degli incidenti del 737 Max
Un rapporto dettagliato inchioda il colosso aeronautico, accusato di aver creato un “culmine di errori, leggerezze, difetti e cattiva gestione”. Sotto accusa anche l’ente aeronautico americano
Trump in California: «Con gli incendi non c’entra il climate change»
Trump in California: «Con gli incendi non c’entra il climate change»
Il presidente in visita alle zone martoriate della West Coast, non perde occasione per rimbrottare i governatori e negare l’evidenza scientifica. Biden all’attacco
Samantha Cohen, la ragazzina che piaceva a Trump
Samantha Cohen, la ragazzina che piaceva a Trump
Figlia maggiore di Michael Cohen, l’ex avvocato personale del tycoon, ha raccontato un episodio in cui Trump era rimasto colpito dal suo fisico da quindicenne
Agguato a Los Angeles: una taglia sull’aggressore dei due agenti
Agguato a Los Angeles: una taglia sull’aggressore dei due agenti
Una task force della polizia al lavoro per dare volto e nome all’aggressore di due vice sceriffi ricoverati in fin di vita. L’ira di Trump che chiede “pena di morte”
L’ennesimo ritratto di Trump, impietoso
L’ennesimo ritratto di Trump, impietoso
Esce “Rage” (Rabbia), secondo libro che Bob Woodward dedica alla figura del presidente. Questa volta ha raccolto 18 interviste sufficienti per mostrare un modo di fare confuso, improvvisato e immerso nel culto di se stesso
Tredicenne autistico ferito dalla polizia
Tredicenne autistico ferito dalla polizia
È successo a Salt Lake City, dove Linden Cameron è stato ferito a colpi d’arma da fuoco da due agenti, intervenuti dopo una chiamata della madre, che non riusciva a calmarlo
Trump contro il Pentagono
Trump contro il Pentagono
“Non mi amano, perché pensano solo a fare la guerra”: durissimo affondo del Presidente contro il Dipartimento della Difesa. L’ultimo atto di una guerra di nervi che va avanti da tempo
Michael Cohen: tutti gli inganni di Donald Trump
Michael Cohen: tutti gli inganni di Donald Trump
L’ex avvocato personale del presidente ha dato alle stampe un volume, l’ennesimo, dedicato all’ingombrante figura del presidente. Il ritratto impietoso di un “corrotto, imbroglione, razzista, truffatore, predatore e bugiardo”
La spia della CIA che si è uccisa nel giardino di casa
La spia della CIA che si è uccisa nel giardino di casa
Anthony Schinella, alto ufficiale dei servizi segreti, si è tolto la vita a poche settimane dalla pensione. Per la moglie, che ha trovato attrezzature da bondage, viveva con tormento la sua omosessualità e le responsabilità del suo lavoro