Florida: nell’inferno del “Pervert Park”

| Un’inchiesta del “Sun” ha svelato l’esistenza di un’area per case mobili e camper dove si concentrano pedofili e criminali di ogni tipo. La paura degli abitanti del quartiere e i controlli della polizia

+ Miei preferiti
All’apparenza, dall’esterno, il “Palace Mobile Park” di St. Petersburg, in Florida, sembra uno dei tanti sobborghi americani pieni di camper, roulotte e case mobili dove sopravvivono intere famiglie e gente che trova da vivere attraversando periodi bui. Ma il soprannome – “Pervert Park” – toglie ogni dubbio: con 130 fra pedofili e predatori sessuali non sorvegliati, è uno dei posti più pericolosi di tutta l’America. Descritto come un “focolaio di droga e prostituzione”, ospita 100 criminali sessuali di età compresa tra i 25 e i 91 anni, che pagano 375 dollari al mese per condividere roulotte malandate e bagni in comune.

I crimini dei residenti vanno dalla pornografia infantile all’adescamento di minori online, fino alle molestie sui propri figli. Alcuni di loro hanno subito abusi durante l’infanzia e ammettono di aver fatto lo stesso, mentre altri insistono sul fatto di essere laureati o normali padri di famiglia vittime di grossolani errori giudiziari.

Il quartiere circostante è noto per essere uno dei paradisi dello spaccio e della prostituzione, ma è anche il luogo di residenza di anziani e giovani famiglie che vivono nel terrore di avere come vicini di casa criminali sessuali liberi di andare e venire a loro piacimento, con l’unico obbligo di non avvicinarsi a meno di 1.000 metri da una scuola.

Destara Anderson, mamma di tre ragazze di 15, 10 e 9 anni, vive a pochi metri dal Palace Park, e ha scoperto la realtà solo un anno dopo essersi trasferita nella sua modesta casa con il marito, le figlie e la suocera, costretta sulla sedia a rotelle. “Un collega di lavoro me ne ha parlato e sono rimasta scioccata: ho vietato ai miei figli di giocare in giardino. Lo sceriffo locale tiene d’occhio la situazione, ci sono poliziotti alla fermata dell’autobus prima e dopo la scuola, e distribuiscono volantini ogni volta che al Pervert Park arriva un nuovo delinquente”. Sarah Walls, una pensionata che vive a un isolato dal parco, aggiunge: “Ci sono prostitute che sfilano su e giù per la strada a qualsiasi ora, ed è pieno di droga. Vivo qui da cinque anni, ma voglio andarmene”.

Alcuni dei residenti del Palace Park indossano braccialetti e cavigliere elettroniche imposte dal tribunale o sono tenuti a presentarsi regolarmente alla polizia come parte delle condizioni per la libertà vigilata, ma per il resto sono liberi. Il sito web del parco recita: “Forniamo un luogo sicuro ai criminali sessuali che escono di galera, per iniziare il reinserimento nella società. Disponiamo di alloggi sicuri a prezzi accessibili, offrendo al tempo stesso una guida e numerosi servizi per aiutare un individuo al ritorno ad una vita normale. Nella nostra storia, nessuno dei residenti è mai stato condannato per un nuovo reato sessuale”.

Una portavoce della polizia di St. Petersburg ha confermato che non sono previste misure particolari per il Palace Park: “Ogni volta che una persona viene registrata come criminale sessuale ci sono restrizioni su dove può vivere. I molestatori sessuali hanno un agente di sorveglianza e sono monitorati attraverso i tribunali, ma la polizia non viene coinvolta a meno che non sia stato commesso un crimine o sia in corso un reato. Questo è il modo in cui è impostato il sistema, e di più non possiamo fare”.

Douglas Baldwin, uno dei gestori dell’area, ha assicurato che il parco è generalmente “tranquillo” e il tasso di criminalità molto basso: “Siamo diventati una sorta di rifugio semplicemente perché il resto della società preferisce mettere la testa sotto la sabbia. In termini di droga e prostitute, se le becchiamo vengono sfrattate subito: non siamo recintati e volendo chiunque potrebbe entrare di nascosto, ma cerchiamo di evitarlo. La tendenza della gente è di pensare che queste persone non possano vivere qui e dovrebbero andarsene, ma dimenticano di rispondere ad una domanda: dove? A meno che non si decida di condannare a morte chiunque abbia subito una condanna, una soluzione va trovata. Posso aggiungere solo una cosa: la stragrande maggioranza dei nostri ospiti non sono più le stesse persone di prima”.

Galleria fotografica
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 1
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 2
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 3
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 4
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 5
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 6
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 7
Stati Uniti
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024
Gli strateghi della battaglia di Trump
Gli strateghi della battaglia di Trump
Secondo il “Washington Post”, Rudy Giuliani e Steve Bannon guiderebbero il “dream team” del presidente con l’obiettivo di ritardare quanto più possibile la certificazione finale dei risultati elettorali per delegittimare Biden
Trump: i giorni della vendetta
Trump: i giorni della vendetta
Poche ore fa, con un Tweet, il presidente ha licenziato il capo della cybersecurity, dopo aver liquidato il Segretario alla Difesa Mark Esper. E altre due teste potrebbero saltare a breve: i direttori della CIA e dell’FBI
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Dallo scandalo emerso dopo un’inchiesta del “NY Times”, si è aperta una voragine che ha letteralmente travolto la più antica organizzazione scoutistica del mondo. Ma secondo gli esperti è solo la punta dell’iceberg