Florida: nell’inferno del “Pervert Park”

| Un’inchiesta del “Sun” ha svelato l’esistenza di un’area per case mobili e camper dove si concentrano pedofili e criminali di ogni tipo. La paura degli abitanti del quartiere e i controlli della polizia

+ Miei preferiti
All’apparenza, dall’esterno, il “Palace Mobile Park” di St. Petersburg, in Florida, sembra uno dei tanti sobborghi americani pieni di camper, roulotte e case mobili dove sopravvivono intere famiglie e gente che trova da vivere attraversando periodi bui. Ma il soprannome – “Pervert Park” – toglie ogni dubbio: con 130 fra pedofili e predatori sessuali non sorvegliati, è uno dei posti più pericolosi di tutta l’America. Descritto come un “focolaio di droga e prostituzione”, ospita 100 criminali sessuali di età compresa tra i 25 e i 91 anni, che pagano 375 dollari al mese per condividere roulotte malandate e bagni in comune.

I crimini dei residenti vanno dalla pornografia infantile all’adescamento di minori online, fino alle molestie sui propri figli. Alcuni di loro hanno subito abusi durante l’infanzia e ammettono di aver fatto lo stesso, mentre altri insistono sul fatto di essere laureati o normali padri di famiglia vittime di grossolani errori giudiziari.

Il quartiere circostante è noto per essere uno dei paradisi dello spaccio e della prostituzione, ma è anche il luogo di residenza di anziani e giovani famiglie che vivono nel terrore di avere come vicini di casa criminali sessuali liberi di andare e venire a loro piacimento, con l’unico obbligo di non avvicinarsi a meno di 1.000 metri da una scuola.

Destara Anderson, mamma di tre ragazze di 15, 10 e 9 anni, vive a pochi metri dal Palace Park, e ha scoperto la realtà solo un anno dopo essersi trasferita nella sua modesta casa con il marito, le figlie e la suocera, costretta sulla sedia a rotelle. “Un collega di lavoro me ne ha parlato e sono rimasta scioccata: ho vietato ai miei figli di giocare in giardino. Lo sceriffo locale tiene d’occhio la situazione, ci sono poliziotti alla fermata dell’autobus prima e dopo la scuola, e distribuiscono volantini ogni volta che al Pervert Park arriva un nuovo delinquente”. Sarah Walls, una pensionata che vive a un isolato dal parco, aggiunge: “Ci sono prostitute che sfilano su e giù per la strada a qualsiasi ora, ed è pieno di droga. Vivo qui da cinque anni, ma voglio andarmene”.

Alcuni dei residenti del Palace Park indossano braccialetti e cavigliere elettroniche imposte dal tribunale o sono tenuti a presentarsi regolarmente alla polizia come parte delle condizioni per la libertà vigilata, ma per il resto sono liberi. Il sito web del parco recita: “Forniamo un luogo sicuro ai criminali sessuali che escono di galera, per iniziare il reinserimento nella società. Disponiamo di alloggi sicuri a prezzi accessibili, offrendo al tempo stesso una guida e numerosi servizi per aiutare un individuo al ritorno ad una vita normale. Nella nostra storia, nessuno dei residenti è mai stato condannato per un nuovo reato sessuale”.

Una portavoce della polizia di St. Petersburg ha confermato che non sono previste misure particolari per il Palace Park: “Ogni volta che una persona viene registrata come criminale sessuale ci sono restrizioni su dove può vivere. I molestatori sessuali hanno un agente di sorveglianza e sono monitorati attraverso i tribunali, ma la polizia non viene coinvolta a meno che non sia stato commesso un crimine o sia in corso un reato. Questo è il modo in cui è impostato il sistema, e di più non possiamo fare”.

Douglas Baldwin, uno dei gestori dell’area, ha assicurato che il parco è generalmente “tranquillo” e il tasso di criminalità molto basso: “Siamo diventati una sorta di rifugio semplicemente perché il resto della società preferisce mettere la testa sotto la sabbia. In termini di droga e prostitute, se le becchiamo vengono sfrattate subito: non siamo recintati e volendo chiunque potrebbe entrare di nascosto, ma cerchiamo di evitarlo. La tendenza della gente è di pensare che queste persone non possano vivere qui e dovrebbero andarsene, ma dimenticano di rispondere ad una domanda: dove? A meno che non si decida di condannare a morte chiunque abbia subito una condanna, una soluzione va trovata. Posso aggiungere solo una cosa: la stragrande maggioranza dei nostri ospiti non sono più le stesse persone di prima”.

Galleria fotografica
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 1
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 2
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 3
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 4
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 5
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 6
Florida: nell’inferno del “Pervert Park” - immagine 7
Stati Uniti
Arrestata la figlia di El Mencho
Arrestata la figlia di El Mencho
Dopo “El Menchito”, anche “La Negra” finisce nelle mani della giustizia americana. Sono i due figli del più potente narcos messicano, alla guida del letale e organizzatissimo cartello di Jalisco Nueva Generación
L’ultimo volo di “Mad Mike”
L’ultimo volo di “Mad Mike”
Con un razzo costruito in proprio voleva dimostrare le teorie terrapiattiste: si è schiantato in una zona desertica della California
Lo scandalo della Wells Fargo
Lo scandalo della Wells Fargo
Un nome quasi leggendario del selvaggio West, diventato una delle più potenti banche americane, è finito nelle grane per uno “scandalo sconcertante per dimensione, portata e durata”
Condannato Roger Stone, amico e consigliere di Trump
Condannato Roger Stone, amico e consigliere di Trump
Lobbista di vecchia data, deve scontare 3 anni e 4 mesi di galera per essere stato uno degli artefici del “Russiagate”, facendo da intermediario fra hacker, WikiLeaks e i russi
USA, giustiziato Nicholas Sutton
USA, giustiziato Nicholas Sutton
Era stato condannato a morte per l’omicidio di un altro detenuto, mentre era in galera per scontare la pena per altri tre omicidi. Eppure, perfino i parenti delle sue vittime si sono battute per salvargli la vita
I Boy Scout of America dichiarano bancarotta
I Boy Scout of America dichiarano bancarotta
Centinaia di cause per abusi sessuali subiti da giovani in 72 anni rischiano di non avere mai giustizia e risarcimenti
Virginia, dove tutti vogliono le armi
Virginia, dove tutti vogliono le armi
Da Culpeper County 2A, piccolo centro rurale, è partita una protesta contro il tentativo di limitare il possesso delle armi da fuoco. Tutti sono disposti ad andare contro la legge, compreso lo sceriffo
Huawei accusata di furto di segreti industriali
Huawei accusata di furto di segreti industriali
La procura di Brooklyn avrebbe avviato un’inchiesta, ma l’azienda cinese risponde piccata: in America le backdoor sotto accusa sono obbligatorie per legge
Il killer di El Paso in tribunale
Il killer di El Paso in tribunale
Patrick Crusius, autore lo scorso agosto della strage nel supermercato Walmart costata la vita a 22 persone, è comparso in tribunale per ascoltare le 90 accuse formulate dal giudice sul suo conto. Presenti alcuni dei sopravvissuti
La crisi di Joe Biden
La crisi di Joe Biden
Dato per superfavorito nella corsa alle primarie Dem, l’ex vice di Obama arranca sempre più nei sondaggi. E anche se continua a dispensare ottimismo, la sua corsa appare sempre più in bilico