Furti record alla Trump Tower

| In due appartamenti della celebre residenza newyorkese dei Trump denunciati altrettanti furti di gioielli per diverse migliaia di dollari. Nessun segno di effrazione

+ Miei preferiti
Ormai il 725 della Fifth Avenue all’angolo con la 56th Street è entrato nell’elenco dei posti più fotografati di Manhattan. Lì si alzano i 202 metri, per 58 piani totali, della “Trump Tower”, residenza privata dell’attuale presidente americano e della “Trump Organization”.

Un edificio che ospita appartamenti residenziali e uffici, in questi giorni finito al centro di un’indagine della polizia di New York per due furti clamorosi. Nel primo, la vittima ha raccontato di essere stato lontano dalla propria residenza nel grattacielo dal 21 al 9 agosto scorso. Al suo ritorno, ha scoperto un furto di gioielli pari a 236.000 dollari. Nel secondo caso, la vittima si è assentata dal 4 al 10 settembre e al ritorno, ha denunciato la scomparsa di gioielli per un valore di 117.000 dollari. La stranezza è che in nessuno dei due casi è stata ritrovato alcun segno di effrazione: chi ha rubato aveva le chiavi.

Però è un’indagine complicata e delicata, perché la polizia deve vedersela anche con la presenza dei servizi segreti che sorvegliano notte e giorno la residenza dei Trump.

Galleria fotografica
Furti record alla Trump Tower - immagine 1
Furti record alla Trump Tower - immagine 2
Stati Uniti
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi