Giallo a Pittsburgh: 4 morti per sospetta overdose

| Il primo è stato ritrovato per strada, il secondo in un ascensore, poi l’irruzione in un appartamento dove c’erano sette persone, due morte e tre in gravi condizioni

+ Miei preferiti
La conferma della polizia è arrivata nelle prime ore di domenica mattina: tre uomini sono morti e quattro altri sono stati ricoverati in gravi condizioni in un ospedale a Pittsburgh, in Pennsylvania. Un mistero, almeno inizialmente, era un braccialetto arancione al polso di tutte le vittime: gli agenti suppongono che il gruppo aveva partecipato ad una festa, un party o uno spettacolo in qualche locale della città. Poi, rientrati in un appartamento del “South Side City Works”, hanno fatto uso di droghe, scelta che per tre di loro è stata fatale.

Malgrado il farmaco killer non sia stato ancora individuato e il timore che potesse trattarsi di una partita di droga killer introdotta in città, la polizia ha voluto gettare acqua sul fuoco: “Vogliamo tranquillizzare la popolazione: non si tratta di un farmaco contaminato distribuito in grande quantità che potrebbe colpire ancora - ha precisato Chris Togneri, portavoce del Dipartimento di Pubblica Sicurezza – da quanto ci risulta è un caso isolato avvenuto in un unico luogo”.

La polizia ha ricevuto una segnalazione alle 3:20 del mattino: un uomo per strada in stato di incoscienza. Quasi un’ora dopo, una seconda chiamata avvisava della presenza di un altro uomo privo di sensi all’interno dell’ascensore di un condominio, a circa due isolati da dove era stato trovato il primo. Per ambedue, i medici non hanno potuto fare altro che verificare il decesso.

Alle 5:40 circa, gli agenti hanno trovato cinque uomini all’interno di un appartamento, due dei quali erano morti ormai da qualche ora. Al momento, tre degli uomini sono stati identificati: Rubiel Clemente-Martinez, 32 anni, Joel Pecina, 32, e Josue Soberal Serrano, 38. Nessuno di loro era residente nel Southside Works City Club Apartment Building.

La polizia di Pittsburgh sta passando al setaccio i locali che usano braccialetti per eventi, feste e concerti. 

Stati Uniti
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari
Trump: la politica dell’autodistruzione
Trump: la politica dell’autodistruzione
In vistoso e preoccupante calo nei sondaggi, il presidente è inerme e senza idee di fronte alla recrudescenza di contagi e alle proteste razziali
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Cinque morti, fra cui due fratellini di 7 e 17 anni, in una delle vicende più assurde di sempre, che da mesi tiene l’America con il fiato sospeso
Mary Trump, la vendetta della nipotina
Mary Trump, la vendetta della nipotina
È in corso un’altra battaglia per evitare la pubblicazione dell’ennesimo libro dedicato alla discussa figura di Trump. Questa volta l’ha scritto sua nipote, che promette di svelare 50 anni di arcani e porcherie finanziarie del presidente
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
Una furiosa resa dei conti pare abbia impegnato il presidente e il suo staff nel viaggio di ritorno alla Casa Bianca. Tutti sono al lavoro per studiare come proseguire nella campagna elettorale, senza rinunciare agli eventi
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
L’esordio pubblico del presidente vittima di un passaparola giovanile, con migliaia di prenotazioni di posti da lasciare rigiorosamente vuoti. A lanciare il tam-tam una signora dell’Iowa