Giustiziata Lisa Montgomery

| È la prima donna giustiziata negli Stati Uniti da 70 anni e l’11esima esecuzione dallo scorso luglio. Per i suoi legali è stata una violazione della Costituzione, perché la donna non era in grado di intendere e di volere

+ Miei preferiti
Nei giorni scorsi la notizia della sospensione della pena capitale stabilita dal giudice Patrick Hanlon aveva ridato forza alle associazioni umanitarie: Lisa Montgomery, l’unica donna rinchiusa nel braccio della morte negli Stati Uniti, sembrava potersi salvare.

Ma ieri, poco dopo la mezzanotte ora locale, la Corte Suprema degli Stati Uniti ha ribaltato la sentenza dando il via libera: all’una e mezza di questa notte, Lisa Montgomery, 52 anni, ha ricevuto l’iniezione letale nella “Death Room” del penitenziario di Terre Hatue, nell’Indiana, diventando la prima donna giustiziata negli Stati Uniti da 70 anni a questa parte.

L’undicesima condanna a morte eseguita dallo scorso luglio, da quando il presidente Trump ha ripristinato la pena interrompendo 17 anni di moratoria, è stata anche una delle più controverse. Lisa Montgomery era stata condannata per un delitto atroce commesso nel 2004: aveva strangolato Bobbie Jo Stinnet, una donna del Missouri incinta all’ottavo mese per rubarle la bimba che aveva in grembo. Arrestata e condannata, la sua difesa ha puntato tutto sulla seminfermità mentale dell’omicida, vittima di danni psicologici per le numerose violenze di ogni tipo subite durante l’infanzia.

Furioso Kelley Henry, l’avvocato di Lisa Montgomery, convinto che il governo federale abbia violato la Costituzione, la legge e il proprio regolamento per eseguire la condanna a morte: “Stasera si è mostrata in pieno la sete di sangue di un’amministrazione fallimentare, perché la nostra Costituzione vieta l’esecuzione di persone non in grado di intendere e di volere, ma l’hanno uccisa comunque. Tutti coloro che hanno partecipato all’esecuzione di Lisa Montgomery dovrebbero vergognarsi”.

Stati Uniti
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi