Giustiziato Bobby Joe Long, il serial killer di Tampa

| Stava scontando 28 ergastoli e un numero impressionante di anni per l’omicidio di 10 donne, ma dal 1985 i suoi legali erano riusciti a far rinviare la data dell’esecuzione

+ Miei preferiti
Sul referto, il coroner ha registrato le 18:55 di giovedì 23 maggio per la morte di Bobby Joe Long, il serial killer che alla metà gli anni Ottanta aveva terrorizzato la zona di Tampa, in Florida. Long è morto per un’iniezione letale nel braccio della morte di una prigione di Stato, dove da 35 anni stava scontando una condanna a 401 anni di carcere e 28 ergastoli per aver violentato e ucciso dieci donne.

Prima di morire, raccontano le cronache, Logan ha chiesto arrosto, bacon, patatine fritte e un bicchiere di soda, poi si è avviato verso la "death room" senza voler fare alcuna dichiarazione. In prima fila, dietro al vetro, c’era Lisa McVey, l’unica donna sopravvissuta al mostro: era stata rapita a 17 anni all’uscita dalla chiesa e violentata selvaggiamente per 26 ore, ma neanche lei sa come, era riuscita a convincere il suo aguzzino a lasciarla andare via. Un errore fatale che poche ore dopo l'avrebbe portato fra le braccia della polizia, a cui dopo qualche decide di svuotarsi l’anima, raccontando per filo e per segno la sua lunga scia di morti. Era la fine di un incubo che l’FBI non sapeva bene come risolvere, costellato dal continuo ritrovamento di corpi di giovani donne nella zona di Tampa Bay e neanche uno straccio di pista da seguire.

Bobby Joe Long era nato il 14 ottobre 1953 a Kenova, in West Virginia, affetto da un cromosoma X che gli aveva fatto crescere il seno durante la pubertà. Una condizione che lo aveva trasformato in una vittima di episodi bullismo, a cui si era aggiunto il penoso andirivieni in casa di uomini della madre, sempre diversi e quasi sempre violenti.

Prima di trasformarsi nel terrore di Tampa Bay, Long aveva commesso almeno 50 stupri fra Fort Lauderdale, Ocala, Miami e la Dade Country: rispondeva ad annunci di vendita di piccoli elettrodomestici, si presentava in casa e quando trovava una donna sola, questa non aveva scampo. Arrestato, processato e condannato per stupro nel 1981, quando esce di galera in libertà condizionata grazie alle attenuanti e a diverse perizie psichiatriche, si trasferisce a Long Beach, in California, dove riprende serenamente l’attività di stupratore. Nel 1983 torna in Florida, a Tampa Bay: un anno dopo, nel maggio del 1984, la prima vittima, Artiss Ann Wick, 20 anni, scomparsa nel nulla due mesi prima. È l’inizio di una carneficina: Long gira in macchina alla ricerca di vittime bazzicando locali e zone conosciute per la prostituzione. Nel corso degli interrogatori, sostiene che erano le sue vittime ad avvicinarsi a lui: convincerle a salire in auto cui e seguirlo a casa a quel punto era molto semplice. Giunti a casa le tramortisce e le lega utilizzando nodi complicati: prova un sadico piacere nel mettere in atto un copione che prevede il rapimento, lo stupro e l’assassinio brutale. Qualcuna viene strangolata, altre finite con un colpo alla gola o massacrate di botte fino a morirne. Delle dieci vittime conosciute, per la maggior parte di età compresa fra i 18 ed i 22 anni, cinque sono state identificate come prostitute e due come ballerine. Le rimanenti tre erano un’operaia, una studentessa e una giovane disoccupata.

Al momento della sua cattura, il 16 novembre 1984, Long era ricercato in tre giurisdizioni dell’area di Tampa Bay dove gli investigatori avevano ormai messo da parte prove sufficienti a incastrarlo. Lo arrestano per il sequestro e lo stupro di Lisa McVey, ma per gli investigatori, il serial killer di Tampa Bay è lui. Bobby Joe Long nega tutto dichiarandosi estraneo ai fatti, ma quando gli mostrano le foto dei cadaveri alza gli occhi, poi sussurra “Credo mi serva un avvocato”. Processato e condannato, nel 1985 viene fissata la data per la pena capitale: i suoi legali presentano appello, riuscendo a trovare cavilli sufficienti per arrivare fino al 23 aprile 2019, quando il governatore della Florida Ron DeSantis ha respinto l’ultimo appello. Le ultime parole sono quelle di Lisa McVey, la vittima scampata alla morte: “Avrei voluto guardalo negli occhi mentre moriva, ma ha preferito tenerli chiusi”.

Galleria fotografica
Giustiziato Bobby Joe Long, il serial killer di Tampa - immagine 1
Giustiziato Bobby Joe Long, il serial killer di Tampa - immagine 2
Giustiziato Bobby Joe Long, il serial killer di Tampa - immagine 3
Giustiziato Bobby Joe Long, il serial killer di Tampa - immagine 4
Stati Uniti
120 anni di carcere per il guru della setta «NXIVM»
120 anni di carcere per il guru della setta «NXIVM»
Keith Raniere condannato per una lunga serie di reati che comprendevano la riduzione in schiavitù. Nella rete piramidale anche diverse ereditiere e star di Hollywood
Social in allarme per le elezioni americane
Social in allarme per le elezioni americane
I colossi della Silicon Valley annunciano contromisure per combattere fake news e informazioni fuorvianti, ma secondo gli americani la scelta migliore sarebbe un black out totale
Una vittoria di Trump: Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Una vittoria di Trump: Amy Coney Barrett alla Corte Suprema
Tante le questioni che attendono la giovane giudice nella sua prima settimana al massimo organo americano: a questione delle tasse del presidente, pasticci elettorali e un caso di aborto
NFAC, le milizie nere che spaventano l’America
NFAC, le milizie nere che spaventano l’America
Per qualcuno sono gli eredi delle “Black Panther” degli anni ’60: sfilano armati e organizzati, non temono la sfida con i gruppi di suprematisti bianchi e finora hanno mantenuto la calma. Ma c’è chi teme che il peggio sia in arrivo
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
«Non abbiamo alcuna intenzione di controllare la pandemia»
È la pensatissima e pericolosa ammissione di Mark Meadows, capo di gabinetto della Casa Bianca. Nel frattempo, Trump e Pence continuano a battere gli Stati ancora in bilico, affermando che “L’America sta svoltando”
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
Biden corre nei sondaggi, Trump in allarme
La strenua battaglia finale del presidente, che batte gli Stati chiave sperando in un colpo di coda. Ma i sondaggi lo danno ovunque dietro, e la massiccia partecipazione degli americani è un segnale sempre più chiaro
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Da entrambe le parti il consiglio era di evitare la rissa, ad ogni costo: il risultato è stato un dibattito decisamente più pacato, che si è acceso a tratti quando i due hanno affondato sugli argomenti più caldi
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
Di loro, vittime della campagna di “Tolleranza Zero” del 2017, non si sa più nulla. Gli unici ad occuparsene sono un gruppo avvocati e associazioni umanitarie, che tentano di riportare i piccoli alle loro famiglie di origine
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
Memori dell'intenso lavoro di depistaggio messo in campo dal Cremlino quattro anni attraverso decine di hacker, i federali svelano che Iran e Russia sarebbero in possesso dei database sugli elettori americani
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni