Giustiziato il suprematista bianco

| Insieme a due amici, John William King nel 1998 uccise in modo orrendo James Byrd, un uomo che aveva l’unica colpa di essere di colore

+ Miei preferiti
John William King è stato giustiziato con un’iniezione letale nel carcere di massima sicurezza di Huntsville, in Texas. Suprematista bianco, 49 anni, era accusato dell’orribile omicidio di James Byrd, un uomo di colore che insieme a due amici, Shawn Allen Berry e Lawrence Russell Brewer, avevano deciso di punire. Un omicidio che aveva scosso l’America insieme a quello di Matthew Shepard, violentato e torturato nello stesso periodo perché omosessuale, spingendo l’allora presidente Obama a firmare il “Crimes Prevention Act”, legge che inasprisce le pene per i crimini d’odio.

Il 7 giugno del 1998, King, Berry e Brewer, tre suprematisti bianchi di Jasper, in Texas, invitano James Byrd a fare un giro con loro: lo portano fuori città, viene picchiato, legato mani e piedi e incatenato per le caviglie al parafango di un pick-up. L’uomo viene trascinato sull’asfalto per più di 5 km: 81 parti del suo corpo furono ritrovate lungo tutta la strada e all’esterno di una chiesa frequentata da afroamericani. I tre furono arrestati pochi giorni, processati e condannati per omicidio: Lawrence Russell Brewer fu giustiziato il 21 settembre 2011: Shawn Allen Berry, l’unico che pare abbia tentato di dissuadere i due amici, è stato condannato all’ergastolo.

Galleria fotografica
Giustiziato il suprematista bianco - immagine 1
Giustiziato il suprematista bianco - immagine 2
Stati Uniti
La lobby delle armi va sciolta
La lobby delle armi va sciolta
La procuratrice generale di New York, che indaga da tempo sulla NRA, accusandola di corruzione e appropriazione indebita
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica