Giustiziato il suprematista bianco

| Insieme a due amici, John William King nel 1998 uccise in modo orrendo James Byrd, un uomo che aveva l’unica colpa di essere di colore

+ Miei preferiti
John William King è stato giustiziato con un’iniezione letale nel carcere di massima sicurezza di Huntsville, in Texas. Suprematista bianco, 49 anni, era accusato dell’orribile omicidio di James Byrd, un uomo di colore che insieme a due amici, Shawn Allen Berry e Lawrence Russell Brewer, avevano deciso di punire. Un omicidio che aveva scosso l’America insieme a quello di Matthew Shepard, violentato e torturato nello stesso periodo perché omosessuale, spingendo l’allora presidente Obama a firmare il “Crimes Prevention Act”, legge che inasprisce le pene per i crimini d’odio.

Il 7 giugno del 1998, King, Berry e Brewer, tre suprematisti bianchi di Jasper, in Texas, invitano James Byrd a fare un giro con loro: lo portano fuori città, viene picchiato, legato mani e piedi e incatenato per le caviglie al parafango di un pick-up. L’uomo viene trascinato sull’asfalto per più di 5 km: 81 parti del suo corpo furono ritrovate lungo tutta la strada e all’esterno di una chiesa frequentata da afroamericani. I tre furono arrestati pochi giorni, processati e condannati per omicidio: Lawrence Russell Brewer fu giustiziato il 21 settembre 2011: Shawn Allen Berry, l’unico che pare abbia tentato di dissuadere i due amici, è stato condannato all’ergastolo.

Galleria fotografica
Giustiziato il suprematista bianco - immagine 1
Giustiziato il suprematista bianco - immagine 2
Stati Uniti
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Philip Adams, con una lunga carriera nella massima divisione del football americano, prima di togliersi la vita ha ucciso un medico, sua moglie, due dei loro nipoti e un tecnico che lavorava ad un impianto di aria condizionata
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Il presidente promette di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per limitare l’uso delle armi da fuoco, a cominciare dalle “ghost guns”, kit di montaggio venduti liberamente senza alcun controllo
New York, la grande fuga dei ricconi
New York, la grande fuga dei ricconi
L’aumento della tassazione per chi guadagna un milione di dollari all’anno ha messo le ali ai piedi dei Paperoni newyorkesi, indecisi se prendere casa a Miami o Austin, in Texas
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
I vertici del dipartimento di polizia bollano come “inappropriate e non necessarie” le azioni dell’agente Derek Chauvin. “Sapeva perfettamente cosa stava facendo”
American violence
American violence
Secondo una ricerca del “Gun Violence Archive”, negli Stati Uniti lo scorso sono state uccise quasi 20.000 persone e si sono registrate 200 sparatorie di massa in più rispetto al 2019
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Florida, stato di emergenza nella zona di Tampa
Un bacino di acque reflue tossiche sarebbe sul punto di tracimare trasformando una zona agricola in una landa desolata
Washington ripiomba nel terrore
Washington ripiomba nel terrore
Noah Green, 25 anni, uccide un agente e ne ferisce un altro prima di essere abbattuto dalla polizia. Sulla Capitale, che tentava faticosamente di superare l’assalto del 6 gennaio scorso, è il segnale che il pericolo non è passato
Il deputato e la minorenne
Il deputato e la minorenne
Matt Gaetz finisce al centro di un’inchiesta per traffico di minori e sfruttamento sessuale. Lui si difende, “Tutto falso”, ma i repubblicani iniziano a voltargli le spalle
USA, 15milioni di dosi di vaccino perse
USA, 15milioni di dosi di vaccino perse
Gli addetti di un impianto in Maryland hanno confuso i componenti dei vaccini Johnson&Johnson e AstraZeneca, rendendo inutilizzabili milioni di dosi
Processo Floyd, i ricordi dei testimoni
Processo Floyd, i ricordi dei testimoni
Un vigile del fuoco, una bambina e un istruttore di arti marziali hanno raccontato cos’hanno visto quel giorno, quando l’agente Chauvin ha premuto il suo ginocchio sul collo e il povero George ripeteva “I can’t breath”, non posso respirare