Gli USA alzano l’allerta coronavirus

| Primo morto e sospetti su due casi misteriosi individuati a parecchia distanza uno dall’altro: due persone tranquille che all’apparenza non avevano avuto contatti con nessuno. Il primo focolaio quasi certo in California

+ Miei preferiti
L’America inizia a fare i conti con il coronavirus: il primo morto accertato è un infermiere di 50 anni che viveva nella zona di Seattle. La notizia è stata confermata dal presidente Trump, che ha invitato gli americani ad evitare il panico malgrado il timore diffuso che “ci saranno quasi certamente nuovi casi”. Il livello di allerta verso le zone d’Italia dove il virus è più diffuso è stato innalzato, mentre l’American Airlines fermava fino a maggio i collegamenti con il nostro Paese.

Ma a lasciare molte perplessità e preoccupazione sono due misteriosi casi registrati in California e in Oregon. Le autorità sanitarie della contea di Santa Clara, in California, hanno riferito che una donna di 65 anni ha contratto il covid-19 senza recarsi in nessun paese colpito dall’epidemia o venire a contatto con persone infette, che a loro volta potevano aver viaggiato. E lo stesso è accaduto in Oregon, dove una persona della contea di Washington, nella zona nord-ovest, è risultata positiva al test in circostanze del tutto simili. I test sono stati condotti dai laboratori dei due stati, e sono considerati “presunti” fino alla conferma dei Centri federali per il controllo e la prevenzione delle malattie infettive.

L’uomo dell’Oregon, di cui non è stato indicato il nome, è un dipendente della “Forest Hills Elementary School”, nella periferia di Portland, e per il proprio lavoro “di solito non entra in contatto con gli studenti”. Ai pochi che hanno avuto uno stretto contatto con lui è stato chiesto di rimanere a casa dal lavoro o dalla scuola per due settimane. In Oregon, i funzionari stanno cercando di ricostruire il numero di contatti ravvicinati che la paziente ha avuto, per determinare la potenziale diffusione della malattia. “La ricerca dei contatti è la nostra massima priorità in questo momento”, ha assicurato Patrick Allen, direttore dell'Oregon Health Authority. Il paziente dell’Oregon, si trova ricoverato al “Kaiser Permanente Westside Medical Center” di Hillsboro.

Ad oggi, il virus ha contagiato più di 84.000 persone e ne ha uccise più di 2.800, per lo più in Cina. Particolarmente gravi sono i focolai scoppiati in Corea del Sud, Iran e Italia.

Anche i funzionari sanitari di Santa Clara hanno avvertito i residenti che “è il momento di prepararsi alla possibilità di una massiccia trasmissione nella comunità. Capisco che questo può essere preoccupante da sentire, ma questo è ciò per cui ci siamo preparati. Ora dobbiamo iniziare a intraprendere ulteriori azioni per rallentare la diffusione della malattia: quello che sappiamo è che il virus è ormai qui, ma non sappiamo ancora in che misura”.

Ci sarebbe anche un altro presunto caso a Washington, dove i funzionari sanitari hanno riferito di uno studente delle scuole superiori della contea di Snohomish, appena a nord di Seattle, positivo al test. Per la maggior parte della settimana, lo studente della Jackson High School era assente dalle lezioni, ma venerdì sarebbe stato visto nel campus: coloro che sono entrati in contatto con lui rimarranno a casa per 14 giorni, mentre per la scuola è stata prevista una chiusura per tre giorni.

Sviluppi preoccupanti del virus, che lasciano molto perplessa la comunità scientifica americana perché indicano che il virus si sta diffondendo in almeno quattro comunità separate e molto distanti tra loro. “Ritengo che esista la forte possibilità che sia in corso un focolaio in California - ha commentato Jennifer Nuzzo del Johns Hopkins Center for Health Security - ma penso che lo stesso sia accadendo in altri stati, solo che non l’hanno ancora individuato”.

Anche due studenti di Palo Alto, una città di 67.000 abitanti della contea di Santa Clara, potrebbero essere stati esposti al virus, secondo una lettera inviata venerdì ai genitori dal sovrintendente scolastico: si tratta di due fratelli, il primo frequenta il liceo, l’altro le medie.

Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti