Strage nel nome del suprematismo bianco

| La strage a El Paso in Texas, all'interno e fuori di un magazzino Walmart, forse sventata un'altra azione in un market non distante. Sul posto FBI e le polizie locali. Fermato 21enne armato di AK47: "Lotto contro l'invasione"

+ Miei preferiti
Di Michael O'Brien

ha collaborato MARIA LOPEZ

++++breaking news+++++

Si chiama Patrick Crusius, ha 21 anni, texano di Allen, vive con i genitori e un fratello. E' lui ad imbracciare un AK 47 e a uccidere in nome del suprematismo bianco. Sui suoi profili social, aveva scritto il proposito di combattere "l'invasione", l'"attacco alla cultura", "alle tradizione". Un frutto dell'odio razziale maturate nel profondo Sud  Secondo la polizia, più persone sono state uccise sabato in una sparatoria in un centro commerciale Walmart a El Paso, Texas. Una foto riprende il killer mentre sta entrando nel market, prima della strage. E' un sostenitore di Tarrant, l'australiano che ha fatto strage inuna moschea.

Patrick Crusius


Il sindaco di El Paso Dee Margo e la polizia, il sergente Enrique Castillo, ha confermato che ci sono stati molti morti. Il primo bilancio parla di 18 morti e di tre arresti di sospetti killer. Le autorità non credono che ci sia ancora pericolo, ha detto Castillo ai giornalisti. Un sospetto è in custodia, secondo il sergente Robert Gomez. Altri due uomini sono in stato di fermo. ignota la matrice di questa ennesima strage. Un uomo sarebbe morto suicida. Tra i fermati un 21enne di colore che aveva un fucile automatico.

Almeno 22 persone sono rimaste ferite, i portavoce di due ospedali hanno detto alla CNN. Undici vittime sono state trasportate al Centro Medico Del Sol, ha detto il portavoce dell'ospedale Victor Guerrero. Altre 11 vittime sono state portate al Centro Medico Universitario di El Paso, secondo il portavoce Ryan Mielke.

+++++breaking news

AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Le autorità avevano individuato uno del mass murder in un Walmart vicino al Cielo Vista Mall di El Paso, Texas, sabato 3 agosto 2019, la ccittà dal candidato dem Beto Rourke.

La polizia ha iniziato a ricevere i rapporti di un tiratore attivo intorno alle 10 del mattino (mezzogiorno ET), ha detto Gomez in una breve conferenza stampa sulla scena. Hanno anche ricevuto i rapporti di un incidente in un secondo centro commerciale, a diverse miglia di distanza dal centro commerciale Cielo Vista, ma hanno confermato che in quel caso la situazione era sotto controllo.

Agenti dell'FBI e il dipartimento dello sceriffo locale,  assistono le autorità di polizia di El Paso. Tre dipendenti Walmart si sono rifugiati in una vicina Landry's Seafood house, ha detto alla CNN Oscar Collazo, direttore del ristorante. Le donne sono apparse "scosse" ma non ferite.

"Non avremmo mai pensato che questa volta sarebbe stato così vicino a noi", ha detto Collazo. "Vedi sempre al telegiornale, ma non pensi che potrebbe accadere qui fino a quando non lo fa".

Per oltre un'ora migliaia di clienti che si trovavano nei negozi e nei ristoranti, particolarmente affollati il sabato pomeriggio sono rimasti prigionieri del terrore. Dopo i primi spari c'è stata una fuga generale, 

Alcuni locali hanno fatto scattare immediatamente il lockdown, isolandosi dal resto dello shopping center. Diversi visitatori hanno telefonato alle forze dell'ordine e hanno cominciato a mandare sms ai propri cari. La polizia è arrivata in forze, insieme all'Fbi e alle ambulanze, ma è passata almeno un'ora prima della cattura del killer e forse anche di due complici anche se nessuna notizia è stata per ora confermata dalla polizia.
 
Galleria fotografica
Strage nel nome del suprematismo bianco - immagine 1
Strage nel nome del suprematismo bianco - immagine 2
Strage nel nome del suprematismo bianco - immagine 3
Strage nel nome del suprematismo bianco - immagine 4
Stati Uniti
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti
Barack Attack
Barack Attack
Obama scende in campo attaccando Trump senza mai nominarlo: “Non fa neanche finta di governare”. La replica del presidente: “Dovrebbe andare in galera insieme a Biden”. Uno scontro infuocato