«Ho visto i sex-tape di Ghislaine Maxwell»

| Un ladro da cui la coppia comprava gioielli da donare alle giovani vittime, svela di aver visto materiale video scottante che incastrerebbe celebrità e politici d’alto livello mentre facevano orge con minori

+ Miei preferiti
Ghislaine Maxwell “possiede numerosi nastri in cui si vedono importanti uomini politici americani mentre consumano rapporti sessuali con minori. Lei e Jeffrey si vantavano di ‘tenere per le palle’ alcune fra le persone più potenti della Terra”. È la confessione fatta al “The Sun” di William Steel, pseudonimo di un ex ladro di gioielli e opere d’arte che aveva nella coppia ottimi clienti, e non credeva ai racconti di Epstein e della sua “maitresse” almeno fino a quando gli hanno mostrato i video, “per convincermi del loro potere immenso. Da me compravano soprattutto gioielli e orologi di marca rubati, da regalare alle ragazze vittime dei loro traffici. Avevo conosciuto Jeffrey alla metà degli anni Novanta in una gioielleria di Palm Beach dove stavo tentando di piazzare della refurtiva, era in compagnia di una ragazzina che poteva avere 13 o 14 anni. Più tardi, dopo aver acquistato refurtiva per 200mila dollari, mi ha detto che la ragazzina era sua nipote, ma non gli ho creduto: da quel momento ho capito che era un tipo “sporco”. Ma a me non importava: vedevo lui e Ghislaine come un’opportunità per mungerli. Ho fatto sesso con la Maxwell, anche rapporti a tre ma con donne adulte: sospettavo quello che facevano con le minorenni, ma quando hanno cercato di coinvolgermi ho rifiutato, per anni ho rubato milioni di dollari in gioielli e opere d’arte, ma non me la sentivo di rovinare degli adolescenti. Ghislaine era fedele a Jeffrey, ma sapeva bene che un giorno sarebbe stata la sua rovina. Mi ha raccontato del suo “piano Polanski”, il progetto di fuggire in Francia, come il regista polacco, dove grazie alle leggi in vigore non l’avrebbero mai estradata”.

Oltre ai due uomini politici “di alto profilo”, l’uomo ricorda di aver visto numerose celebrità di ogni ambito avere rapporti a tre e al centro di orge con quelle che sembravano ragazzine minorenni. Parte delle registrazioni video erano state realizzate nella villa di Epstein a Palm Beach, in Florida: “Mi hanno mostrato un filmato in bianco e nero di una donna che mi hanno detto essere una nota rock star conosciuta a livello internazionale mentre faceva sesso con un uomo”.

La socialite britannica, definita una “ninfomane bisessuale”, si presenterà al tribunale del distretto sud di New York il 14 luglio alle 13:00 e l’udienza si svolgerà in videoconferenza a causa del coronavirus. Amica di miliardari, celebrità, presidenti e reali, la Maxwell si trova ad affrontare un’accusa federale con sei capi d’imputazione che potrebbe costarle una condanna a 35 anni di reclusione.

Tuttavia, gli esperti ritengono che lei non sia il principale obiettivo dell’inchiesta e che molto probabilmente le verrà offerto un patteggiamento per poter fare piena luce sulla cerchia delle amicizie di Epstein. A tremare è soprattutto il principe Andrea, il cui coinvolgimento sta mettendo sotto pressione la Royal Family. Decine di avvocati stanno tentando l’impossibile per evitare una deposizione forzata al processo e più che altro evitargli accuse ben più gravi. Ma dopo essersi ritirato dalla vita pubblica, Andrea potrebbe perdere ogni titolo nobiliare, con ripercussioni anche sulle sue figlie Beatrice ed Eugenia.

“Amavo la vita che mi ero costruito, fin quando sono finito in prigione e ho iniziato a rivalutare tutto – aggiunge l’ex rapinatore - ho perso ogni cosa, ed ora voglio riparare ai torti offrendo la mia piena collaborazione a questo caso, perché va bene tutto, ma bambini e ragazzi non si toccano, non è morale”.

Stati Uniti
La Russia al lavoro per Trump,
Cina e Iran contro
La Russia al lavoro per Trump,<br>Cina e Iran contro
Il più alto responsabile dell’intelligence americana svela che Putin sarebbe al lavoro per screditare Biden in favore dell’amico Donald. Mentre Russia e Iran non vorrebbero più vederlo alla Casa Bianca
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Più di 20 anni fa, la Corte della Louisiana aveva condannato al carcere a vita Fair Wayne Bryant, ladruncolo con pochi colpi andati a segno. Condanna che è stata ribadita
La lobby delle armi va sciolta
La lobby delle armi va sciolta
La procuratrice generale di New York, che indaga da tempo sulla NRA, accusandola di corruzione e appropriazione indebita
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo