Hotel Marriot, violati i data base

| Un hacker è riuscito a impadronirsi dei files con tutte le prenotazioni dei clienti, con circa 500 mila nomi. Violata la privacy, rischi fuga di notizie

+ Miei preferiti

Il database delle prenotazioni della catena di alberghi Starwood, parte del colosso internazionale Marriott, ha subito un attacco hacker, coinvolgendo i dati di 500 milioni di clienti dal 2014. Lo riferisce la società - riporta la Bbc online - aggiungendo che è in corso un'inchiesta interna e che i clienti colpiti verranno avvisati. Il procuratore generale di New York ha aperto un'inchiesta sulla violazione dei dati della catena di alberghi Marriott, che potrebbe aver colpito 500 milioni di clienti. Lo riportano i media Usa. Marriott ha spiegato in una nota che un dispositivo di sicurezza interno ha segnalato un tentativo di accesso al database Starwood. E dopo una breve indagine è emerso che "una persona non autorizzata si è appropriata di alcune informazioni". Per 327 milioni dei 500 milioni clienti colpiti si tratta di "dai personali come nome, cognome, indirizzo di casa, di posta elettronica, numero di telefono, numero del conto, data di nascita, giorno di arrivo e della partenza". "Siamo profondamente dispiaciuto per l'incidente", ha detto la compagnia americana annunciando di aver creato un sito per aiutare i clienti colpiti negli Stati Uniti e in altri Paesi. "E' uno dei più grandi data breach. Non solo la mole di dati trafugati è enorme, ma la tipologia di informazioni personali coinvolte rappresenta un database di dati estremamente privati di milioni di persone, in alcuni casi sono stati coinvolti persino quelli delle carte di credito. Sembra chiaro che le precauzioni prese dal gruppo non siano state sufficienti". E' il parere di David Emm, ricercatore di Kaspersky Lab. (fonte Ansa)

   

Stati Uniti
Ritrovata dopo due settimane nella foresta
Ritrovata dopo due settimane nella foresta
Amanda Eller era scomparsa in un parco nazionale di Maui, alle Hawaii: è riuscita a farcela senza viveri e senza scarpe
La parabola di Michael Avenatti
La parabola di Michael Avenatti
L’ex avvocato di Stormy Daniels, l'ex pornostar che ha accusato Trump di averle pagato il silenzio per una notte di sesso, è finito in disgrazia. Deve rispondere di così tante accuse e denunce da rischiare centinaia di anni di galera
Giustiziato Bobby Joe Long, il serial killer di Tampa
Giustiziato Bobby Joe Long, il serial killer di Tampa
Stava scontando 28 ergastoli e un numero impressionante di anni per l’omicidio di 10 donne, ma dal 1985 i suoi legali erano riusciti a far rinviare la data dell’esecuzione
Allarme peste a Los Angeles
Allarme peste a Los Angeles
I cambiamenti climatici stanno portando ad una crescita esponenziale di ratti e scoiattoli che diventano i veicoli delle pulci il cui morso è responsabile della diffusione della temibile malattia
Aggredisce 19enne su un volo di linea
Aggredisce 19enne su un volo di linea
Cittadino USA sotto processo per un reato federale. Aveva molestato sessualmente una passeggera sul volo Tokyo-Dulles, Virginia. Arrestato dall'FBI, respinge le accuse. Altro passeggero condannato a 9 anni per gli stessi reati
Un’altra vittima della Columbine High School
Un’altra vittima della Columbine High School
Austin Eubanks, 37 anni, nel 1999 era scampato per miracolo alla peggior strage scolastica americana: era caduto in depressione e vittima della droga, ma era riuscito a uscirne facendo in modo che la sua esperienza fosse da esempio
Riciclaggio, arrestato ex ambasciatore
Riciclaggio, arrestato ex ambasciatore
Blitz della polizia spagnola a Madrid: in cella Raul Morodo, ex ambasciatore a Caracas e in Portogallo. Avrebbe "prelevato" quattro milioni di euro dalle casse dell'azienda petrolifere venezuelana. Caccia ai complici
Scrive in chat alla fidanzata: arrestato ed espulso
Scrive in chat alla fidanzata: arrestato ed espulso
"..Mi trasferisco per starti vicino...". Gli agenti della polizia di frontiera hanno ritenuto "sufficiente" il messaggio romantico per ritenerlo un potenziale clandestino. Gettato in cella, mai più negli Usa
"Sei transgender? Allora muori"
"Sei transgender? Allora muori"
Uccisa a Dallas una 23enne afro-americana che un mese era stata aggredita in un parcheggio. Il video era diventato virale. Calci e insulti sessisti. Negli USA nel 2018 uccisi 26 transgender, centinaia di episodi di violenze
La zampata di Joe
La zampata di Joe
L’ex vicepresidente dell’era Obama alza l’asticella della corsa delle primarie Dem tagliando fuori gli altri candidati. Ma la corsa èancora lunga, avvisano gli analisti