Huawei accusata di furto di segreti industriali

| La procura di Brooklyn avrebbe avviato un’inchiesta, ma l’azienda cinese risponde piccata: in America le backdoor sotto accusa sono obbligatorie per legge

+ Miei preferiti
È il “Wall Street Journal” a rivelare che il procuratore federale di Brooklyn, parlando di “criminalità organizzata”, ha avviato un’inchiesta contro “Huawei” per furto di segreti commerciali, al fine di rafforzare il proprio business. Almeno sei aziende americane avrebbero subito la violazione dei diritti di protezione della proprietà intellettuale: fra queste la “TLC T-Mobile”, che nel gennaio del 2019 ha portato all’arresto di Meng Wanzhou, la figlia del fondatore del colosso cinese delle telecomunicazioni, Ren Zhengfei.

Un’accusa pesante, sfociata dopo l’allarme lanciato dal consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca Robert O’Brien, secondo cui Huawei avrebbe creato porte di accesso segrete nei sistemi hardware per impossessarsi dei contenuti delle reti mobili.

Il colosso cinese ha risposto in modo particolarmente duro attraverso una dichiarazione, ricordando che la backdoor citata dagli americani è una funzione legale obbligatoria per rendere accessibili i dati durante le indagini criminali. “Le accuse statunitensi rivolte a Huawei non sono altro che una cortina fumogena: l’azienda non ha mai e mai avrà accesso segretamente alle reti di telecomunicazioni, né ha la possibilità di farlo. La gestione e l’uso effettivo delle intercettazioni legali sono condotti unicamente dagli operatori e dalle autorità regolatorie”.

Stati Uniti
L’ultimo volo di “Mad Mike”
L’ultimo volo di “Mad Mike”
Con un razzo costruito in proprio voleva dimostrare le teorie terrapiattiste: si è schiantato in una zona desertica della California
Lo scandalo della Wells Fargo
Lo scandalo della Wells Fargo
Un nome quasi leggendario del selvaggio West, diventato una delle più potenti banche americane, è finito nelle grane per uno “scandalo sconcertante per dimensione, portata e durata”
Condannato Roger Stone, amico e consigliere di Trump
Condannato Roger Stone, amico e consigliere di Trump
Lobbista di vecchia data, deve scontare 3 anni e 4 mesi di galera per essere stato uno degli artefici del “Russiagate”, facendo da intermediario fra hacker, WikiLeaks e i russi
USA, giustiziato Nicholas Sutton
USA, giustiziato Nicholas Sutton
Era stato condannato a morte per l’omicidio di un altro detenuto, mentre era in galera per scontare la pena per altri tre omicidi. Eppure, perfino i parenti delle sue vittime si sono battute per salvargli la vita
I Boy Scout of America dichiarano bancarotta
I Boy Scout of America dichiarano bancarotta
Centinaia di cause per abusi sessuali subiti da giovani in 72 anni rischiano di non avere mai giustizia e risarcimenti
Virginia, dove tutti vogliono le armi
Virginia, dove tutti vogliono le armi
Da Culpeper County 2A, piccolo centro rurale, è partita una protesta contro il tentativo di limitare il possesso delle armi da fuoco. Tutti sono disposti ad andare contro la legge, compreso lo sceriffo
Il killer di El Paso in tribunale
Il killer di El Paso in tribunale
Patrick Crusius, autore lo scorso agosto della strage nel supermercato Walmart costata la vita a 22 persone, è comparso in tribunale per ascoltare le 90 accuse formulate dal giudice sul suo conto. Presenti alcuni dei sopravvissuti
La crisi di Joe Biden
La crisi di Joe Biden
Dato per superfavorito nella corsa alle primarie Dem, l’ex vice di Obama arranca sempre più nei sondaggi. E anche se continua a dispensare ottimismo, la sua corsa appare sempre più in bilico
USA: la volontaria che rubava i fondi della chiesa
USA: la volontaria che rubava i fondi della chiesa
Una donna, responsabile amministrativa della St. Paul’s Baptist Church, nel New Jersey, i cinque anni ha rubato più di mezzo milioni di dollari
“Voglio uccidere Trump”: arrestato
“Voglio uccidere Trump”: arrestato
Vagava all’esterno della Casa Bianca, e ha confessato ad un agente l’intenzione di assassinare il Presidente