I Boy Scout of America dichiarano bancarotta

| Centinaia di cause per abusi sessuali subiti da giovani in 72 anni rischiano di non avere mai giustizia e risarcimenti

+ Miei preferiti
L’8 febbraio scorso, i “Boy Scout of America” hanno celebrato i 110 anni di vita: probabilmente l’ultimo compleanno, per quella che è considerata più antica associazione giovanile del mondo. Due giorni dopo, la dirigenza ha presentato istanza di fallimento presso il tribunale del Delaware, per una passività compresa tra i 100 e i 500 milioni di dollari.

Una resa amara che rende ancora più drammatico lo scandalo sessuale scoppiato nell’aprile dello scorso anno e sfociato in centinaia di cause per abusi, seguito da un’emorragia del numero di iscritti, che solo fino a qualche anno fa aveva raggiunto in tutto il mondo la cifra record di 4milioni e 600mila scout.

Paul Mones, un avvocato di Los Angeles che rappresenta “centinaia di vittime di abusi sessuali in cause individuali”, ha definito “una tragedia” la dichiarazione di fallimento dell’organizzazione: “Questi giovani hanno prestato giuramento. Si sono impegnati ad essere obbedienti, a sostenere gli Scout e ad essere persone giuste. Ma molti di loro sono infuriati perché i Boy Scout of America non hanno fatto quello che ci si aspettava da loro”.

Con la dichiarazione di fallimento, centinaia di cause in tutto il paese sono sospese a data da destinarsi: sono azioni legali intentate dalle famiglie di ragazzi che sostengono di aver subito avances sessuali, di essere stati obbligati a vedere materiale pornografico e di aver fatto sesso orale o anale sotto costrizione. In risposta, la Boy Scout of America si era subito affrettata a dichiarare che “c’è profonda preoccupazione per tutte le vittime di abusi su minori, ci scusiamo sinceramente con chiunque sia stato ferito durante i suoi anni di scoutismo. Crediamo alle parole delle vittime, le sosteniamo, paghiamo la consulenza di un legale di loro scelta e le incoraggiamo a farsi avanti. È la politica dei Boy Scout d’America, che prevede di segnalare alle forze dell’ordine gli episodi di sospetto abuso”.

Lo scorso aprile, nel corso di una testimonianza in tribunale è stato dimostrato che l’organizzazione aveva ragione di credere che più di 7.800 dei suoi ex leader fossero stati coinvolti in abusi sessuali ai danni di oltre 12.000 bambini nel corso di 72 anni.

Michael Pfau, un avvocato con sede a Seattle il cui studio rappresenta 300 presunte vittime in tutto il paese, ha detto che il processo di richiesta di risarcimento fallimentare sarà decisamente diverso: “Le vittime non dovranno presentare deposizioni che riguardano la loro storia, perderanno il diritto a un processo con una giuria. Per molti di loro, raccontare la vicenda in tribunale e costringere le organizzazioni a esporsi può essere catartico. Questo non accadrà più con un’istanza di fallimento, ed è catastrofico, se si pensa che il numero delle vittime potrebbe addirittura eclissare quello delle vittime di sacerdoti. Ci sono cause da tutti i 50 stati: possiamo parlare di numeri, ma se si fa un passo indietro ci si rende conto della portata di una carneficina umana dalle proporzioni abnormi”.

La notizia di una dichiarazione di fallimento circolava dal dicembre del 2018, quando in una rivelazione del “Wall Street Journal” sembrava che la BSA avesse ingaggiato lo studio legale “Sidley Austin LLP” per un’eventuale assistenza nella dichiarazione, ai sensi del Chapter 11, ma fino a pochi giorni fa, non era mai stato presentato nulla.

Nei 14 mesi trascorsi da allora, l’organizzazione ha permesso anche ai giovani transgender di unirsi agli Scout, come estremo tentativo di aumentare il numero di iscrizioni, in fortissimo calo.

Lo scorso agosto, l’organizzazione ha riferito di circa 120 casi di abusi comunicati alle forze dell’ordine per ulteriori indagini, mentre la settimana scorsa – per meglio sostenere le proprie vittime – da BSA è arrivato l’annuncio di una partnership con “1in6”, associazione che si occupa di abusi sessuali sugli uomini.

Stati Uniti
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Il Giorno del Ringraziamento, senza nulla per cui ringraziare
Con 50 milioni di americani sulla soglia della povertà, la festa che riunisce le famiglie davanti ad un tacchino assume un significato diverse. Lunghe code davanti alle mense e alle associazioni che distribuiscono pacchi alimentari
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024
Gli strateghi della battaglia di Trump
Gli strateghi della battaglia di Trump
Secondo il “Washington Post”, Rudy Giuliani e Steve Bannon guiderebbero il “dream team” del presidente con l’obiettivo di ritardare quanto più possibile la certificazione finale dei risultati elettorali per delegittimare Biden
Trump: i giorni della vendetta
Trump: i giorni della vendetta
Poche ore fa, con un Tweet, il presidente ha licenziato il capo della cybersecurity, dopo aver liquidato il Segretario alla Difesa Mark Esper. E altre due teste potrebbero saltare a breve: i direttori della CIA e dell’FBI
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Dallo scandalo emerso dopo un’inchiesta del “NY Times”, si è aperta una voragine che ha letteralmente travolto la più antica organizzazione scoutistica del mondo. Ma secondo gli esperti è solo la punta dell’iceberg