I Boy Scout of America dichiarano bancarotta

| Centinaia di cause per abusi sessuali subiti da giovani in 72 anni rischiano di non avere mai giustizia e risarcimenti

+ Miei preferiti
L’8 febbraio scorso, i “Boy Scout of America” hanno celebrato i 110 anni di vita: probabilmente l’ultimo compleanno, per quella che è considerata più antica associazione giovanile del mondo. Due giorni dopo, la dirigenza ha presentato istanza di fallimento presso il tribunale del Delaware, per una passività compresa tra i 100 e i 500 milioni di dollari.

Una resa amara che rende ancora più drammatico lo scandalo sessuale scoppiato nell’aprile dello scorso anno e sfociato in centinaia di cause per abusi, seguito da un’emorragia del numero di iscritti, che solo fino a qualche anno fa aveva raggiunto in tutto il mondo la cifra record di 4milioni e 600mila scout.

Paul Mones, un avvocato di Los Angeles che rappresenta “centinaia di vittime di abusi sessuali in cause individuali”, ha definito “una tragedia” la dichiarazione di fallimento dell’organizzazione: “Questi giovani hanno prestato giuramento. Si sono impegnati ad essere obbedienti, a sostenere gli Scout e ad essere persone giuste. Ma molti di loro sono infuriati perché i Boy Scout of America non hanno fatto quello che ci si aspettava da loro”.

Con la dichiarazione di fallimento, centinaia di cause in tutto il paese sono sospese a data da destinarsi: sono azioni legali intentate dalle famiglie di ragazzi che sostengono di aver subito avances sessuali, di essere stati obbligati a vedere materiale pornografico e di aver fatto sesso orale o anale sotto costrizione. In risposta, la Boy Scout of America si era subito affrettata a dichiarare che “c’è profonda preoccupazione per tutte le vittime di abusi su minori, ci scusiamo sinceramente con chiunque sia stato ferito durante i suoi anni di scoutismo. Crediamo alle parole delle vittime, le sosteniamo, paghiamo la consulenza di un legale di loro scelta e le incoraggiamo a farsi avanti. È la politica dei Boy Scout d’America, che prevede di segnalare alle forze dell’ordine gli episodi di sospetto abuso”.

Lo scorso aprile, nel corso di una testimonianza in tribunale è stato dimostrato che l’organizzazione aveva ragione di credere che più di 7.800 dei suoi ex leader fossero stati coinvolti in abusi sessuali ai danni di oltre 12.000 bambini nel corso di 72 anni.

Michael Pfau, un avvocato con sede a Seattle il cui studio rappresenta 300 presunte vittime in tutto il paese, ha detto che il processo di richiesta di risarcimento fallimentare sarà decisamente diverso: “Le vittime non dovranno presentare deposizioni che riguardano la loro storia, perderanno il diritto a un processo con una giuria. Per molti di loro, raccontare la vicenda in tribunale e costringere le organizzazioni a esporsi può essere catartico. Questo non accadrà più con un’istanza di fallimento, ed è catastrofico, se si pensa che il numero delle vittime potrebbe addirittura eclissare quello delle vittime di sacerdoti. Ci sono cause da tutti i 50 stati: possiamo parlare di numeri, ma se si fa un passo indietro ci si rende conto della portata di una carneficina umana dalle proporzioni abnormi”.

La notizia di una dichiarazione di fallimento circolava dal dicembre del 2018, quando in una rivelazione del “Wall Street Journal” sembrava che la BSA avesse ingaggiato lo studio legale “Sidley Austin LLP” per un’eventuale assistenza nella dichiarazione, ai sensi del Chapter 11, ma fino a pochi giorni fa, non era mai stato presentato nulla.

Nei 14 mesi trascorsi da allora, l’organizzazione ha permesso anche ai giovani transgender di unirsi agli Scout, come estremo tentativo di aumentare il numero di iscrizioni, in fortissimo calo.

Lo scorso agosto, l’organizzazione ha riferito di circa 120 casi di abusi comunicati alle forze dell’ordine per ulteriori indagini, mentre la settimana scorsa – per meglio sostenere le proprie vittime – da BSA è arrivato l’annuncio di una partnership con “1in6”, associazione che si occupa di abusi sessuali sugli uomini.

Stati Uniti
Il ritorno di Donald il rabbioso
Il ritorno di Donald il rabbioso
Settimane di silenzio non l’hanno cambiato: nessun accenno al disastro del Campidoglio, attacchi durissimi a Biden e a chi si è opposto o non l’ha appoggiato e la mezza promessa finale: ricandidarsi
Seconda accusa di molestie per Cuomo
Seconda accusa di molestie per Cuomo
Il New York Times rivela che un’altra ex assistente accusa il governatore dello Stato di NY molestie sessuali. Mentre l’FBI indaga sul numero di morti falsato durante la prima ondata della pandemia
Ritrovati i cani di Lady Gaga
Ritrovati i cani di Lady Gaga
A riconsegnarli alla polizia, sani e salvi, sarebbe stata una donna estranea alla vicenda. Proseguono le indagini, mentre il dog-sitter è ancora grave in ospedale
Trump pianifica futuro e vendette
Trump pianifica futuro e vendette
Fra una partita a golf e un mandato di comparizione, l’ex presidente starebbe tramando per prendersi il partito repubblicano e lanciare se stesso e suo figlio Donald Jr alla conquista della politica americana
Suicida John Geddert, ex coach della nazionale USA
Suicida John Geddert, ex coach della nazionale USA
Sommerso dalle denunce per violenze e abusi, e al centro di un’indagine, l’ex allenatore 63enne della nazionale americana di ginnastica femminile si è tolto la vita
La brutta avventura di Tiger Woods
La brutta avventura di Tiger Woods
Il grande campione di golf si sta riprendendo dall’intervento chirurgico a cui è stato sottoposto dopo un grave incidente automobilistico. La polizia al lavoro per chiarire la dinamica dell’accaduto, che non ha coinvolto altri veicoli
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
Strana spianata all’indagine su finanziamenti illeciti di un procuratore distrettuale di New York. Per l’ex presidente si tratta di una sonora sconfitta: finora era sempre riuscito a nascondere l’entità del suo impero
Arrestata la moglie di El Chapo
Arrestata la moglie di El Chapo
L’ex reginetta di bellezza Emma Coronel Aispuro, 31 anni, è accusata di aver introdotto negli Stati Uniti ingenti quantitativi di droga. La donna era tenuta da tempo sotto stretta sorveglianza dall'FBI
Il peso di 500.000 morti
Il peso di 500.000 morti
Una cifra impressionante, che costringe Biden e Fauci a trattenere l’ottimismo: la corsa al vaccino è iniziata, ma quello che potrebbe accadere con le nuove varianti toglie il sonno
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
La famiglia di un ex agente di polizia svela una lettera secondo cui l’FBI e il Dipartimento di Polizia di New York sarebbero i veri mandanti dell’omicidio del leader dei diritti civili