I dubbi degli americani sull’attacco in Iran

| Monta lo scetticismo dei media e dell’opinione pubblica, anche per la mancanza di spiegazioni sulla “minaccia imminente” paventata dalla Casa Bianca. Per molti, una mossa per depotenziare l’impeachment

+ Miei preferiti
I massimi funzionari della sicurezza nazionale statunitense continuano a difendere quanto affermato da Trump: uccidere il generale iraniano Qasem Soleimani era necessario perché rappresentava una minaccia imminente per le vite di soldati e personale americano. Ma quando i media hanno chiesto di fare qualche esempio, nessuno è stato in grado di fornire prove che quanto affermato fosse vero: i vertici della Casa Bianca si sono limitati a citare “un’escalation di violenza che sarebbe sfociata nei prossimi giorni o forse settimane, se non mesi”.

Risultato, sui media americani e fra l’opinione pubblica serpeggia sempre più forte lo scetticismo, e la convinzione che Trump abbia voluto spostare l’attenzione degli americani dalla grana dell’impeachment.

Una fonte del Congresso repubblicano, a conoscenza della decisione di colpire Soleimani, ha riconosciuto che in passato il Presidente “è stato riluttante a intraprendere azioni militari”, ma l’uccisione di un contractor americano, il ferimento di altri, e le successive proteste all’ambasciata “hanno oltrepassato il limite”. I suoi consiglieri gli avrebbero fatto notare che “se non rispondiamo ora, l’Iran continuerà ad oltrepassarlo”.

Dopo una riunione domenica a Mar-a-Lago, dove il presidente Trump è stato informato dal team sulla sicurezza nazionale sulle opzioni riguardanti l’Iran, alcuni funzionari sono apparsi sorpresi che il presidente abbia scelto di prendere di mira Soleimani. Da allora, gli Stati Uniti hanno fornito pochi dettagli sulle presunte minacce e neanche sono stati in grado di illustrare un quadro chiaro sulla “minaccia imminente”.

“Soleimani si trovava in Medio Oriente, in Iraq, e viaggiava per il Medio Oriente. Era appena arrivato da Damasco, dove stava pianificando attacchi contro militari e diplomatici statunitensi. L’azione mirata ha avuto lo scopo di interrompere gli attacchi pianificati e di scoraggiare quelli futuri: questa azione è stata intrapresa per fermare una guerra, non per iniziarne una nuova”, ha commentato Trump.

Ma adesso, la Casa Bianca e il Pentagono temono che l’Iran possa reagire “entro poche settimane”, trascinando l’Occidente in una guerra di cui nessuno sentiva il bisogno.

Il livello è ormai di minaccia continua, che fa presagire il peggio: i pasdaran hanno annunciato di aver individuato 35 obiettivi americani a portata dei loro missili, mentre Trump ha replicato di avere sotto sorveglianza 52 siti iraniani che possono essere distrutti molto rapidamente.

Stati Uniti
Il Minnesota chiede 30 anni per Derek Chauvin
Il Minnesota chiede 30 anni per Derek Chauvin
Gli avvocati dell’ex agente accusato di aver ucciso George Floyd si oppongono: il processo dev’essere rifatto, i media avevano già emesso la sentenza prima del tribunale
Trump condannato a 2 anni senza social
Trump condannato a 2 anni senza social
Dopo mesi di discussioni, Facebook ha deciso di chiudere i profili dell’ex presidente fino al 2022. Un silenzio a cui Trump reagisce con rabbia, ma che inaugura una nuova politica dell’azienda
Trump: «Prima di agosto tornerò presidente»
Trump: «Prima di agosto tornerò presidente»
Secondo alcune rivelazioni dei media americani, l’ex presidente sarebbe sempre più convinto di essere vittima di una congiura, e si dice convinto del suo ritorno alla Casa Bianca in brevissimo tempo
Due adolescenti aprono il fuoco contro la polizia
Due adolescenti aprono il fuoco contro la polizia
È successo a Volusia, in Florida: gli agenti hanno tentato di stabilire un contatto, ma i due li hanno investiti di colpi d’arma da fuoco. La giovane è stata ferita, il maschio si è arreso
Sospesa l’esecuzione di Kevin Cooper
Sospesa l’esecuzione di Kevin Cooper
Il governatore della California Newsom ha ordinato una revisione del processo che aveva condannato un afroamericano accusato di aver massacrato una famiglia. Sulla scena erano state rinvenute tracce ematiche molto strane
Un weekend di fuoco: 12 sparatorie, 11 morti e 69 feriti
Un weekend di fuoco: 12 sparatorie, 11 morti e 69 feriti
In otto diversi Stati americani, fra venerdì e domenica, sono scoppiati scontri a fuoco che hanno lasciato a terra un numero impressionante di vittime. Dall’inizio dell’anno, 7.500 persone sono state uccise
La storia di un innocente mandato a morte
La storia di un innocente mandato a morte
L’insistenza degli avvocati di Ledell Lee, giustiziato nel 2017, ha portato a individuare una traccia che corrisponde a un soggetto diverso. Ma i giudici che avevano negato l’esame durante il processo insistono: “L’assassino era lui”
Texas, giustiziato dopo 21 anni nel braccio della morte
Texas, giustiziato dopo 21 anni nel braccio della morte
Quintin Jones, accusato di aver ucciso la prozia mentre era sotto l’effetto di droghe, è il terzo condannato a morte da quando il Covid ha colpito gli USA. Negata all’ultimo istante la richiesta di rinvio
La Trump Organization coinvolta in un’indagine penale
La Trump Organization coinvolta in un’indagine penale
L’ha annunciato il procuratore generale dello Stato di new York, senza citare i motivi e neanche se sull’ex presidente pendono accuse
In arrivo un rapporto sugli avvistamenti UFO
In arrivo un rapporto sugli avvistamenti UFO
L’Office of the Director of National Intelligence sta per consegnare al Congresso un report su alcuni avvistamenti che, malgrado gli sforzi, non è stato possibile classificare