I dubbi degli americani sull’attacco in Iran

| Monta lo scetticismo dei media e dell’opinione pubblica, anche per la mancanza di spiegazioni sulla “minaccia imminente” paventata dalla Casa Bianca. Per molti, una mossa per depotenziare l’impeachment

+ Miei preferiti
I massimi funzionari della sicurezza nazionale statunitense continuano a difendere quanto affermato da Trump: uccidere il generale iraniano Qasem Soleimani era necessario perché rappresentava una minaccia imminente per le vite di soldati e personale americano. Ma quando i media hanno chiesto di fare qualche esempio, nessuno è stato in grado di fornire prove che quanto affermato fosse vero: i vertici della Casa Bianca si sono limitati a citare “un’escalation di violenza che sarebbe sfociata nei prossimi giorni o forse settimane, se non mesi”.

Risultato, sui media americani e fra l’opinione pubblica serpeggia sempre più forte lo scetticismo, e la convinzione che Trump abbia voluto spostare l’attenzione degli americani dalla grana dell’impeachment.

Una fonte del Congresso repubblicano, a conoscenza della decisione di colpire Soleimani, ha riconosciuto che in passato il Presidente “è stato riluttante a intraprendere azioni militari”, ma l’uccisione di un contractor americano, il ferimento di altri, e le successive proteste all’ambasciata “hanno oltrepassato il limite”. I suoi consiglieri gli avrebbero fatto notare che “se non rispondiamo ora, l’Iran continuerà ad oltrepassarlo”.

Dopo una riunione domenica a Mar-a-Lago, dove il presidente Trump è stato informato dal team sulla sicurezza nazionale sulle opzioni riguardanti l’Iran, alcuni funzionari sono apparsi sorpresi che il presidente abbia scelto di prendere di mira Soleimani. Da allora, gli Stati Uniti hanno fornito pochi dettagli sulle presunte minacce e neanche sono stati in grado di illustrare un quadro chiaro sulla “minaccia imminente”.

“Soleimani si trovava in Medio Oriente, in Iraq, e viaggiava per il Medio Oriente. Era appena arrivato da Damasco, dove stava pianificando attacchi contro militari e diplomatici statunitensi. L’azione mirata ha avuto lo scopo di interrompere gli attacchi pianificati e di scoraggiare quelli futuri: questa azione è stata intrapresa per fermare una guerra, non per iniziarne una nuova”, ha commentato Trump.

Ma adesso, la Casa Bianca e il Pentagono temono che l’Iran possa reagire “entro poche settimane”, trascinando l’Occidente in una guerra di cui nessuno sentiva il bisogno.

Il livello è ormai di minaccia continua, che fa presagire il peggio: i pasdaran hanno annunciato di aver individuato 35 obiettivi americani a portata dei loro missili, mentre Trump ha replicato di avere sotto sorveglianza 52 siti iraniani che possono essere distrutti molto rapidamente.

Stati Uniti
Trump, lo spettacolo dell’indecisione
Trump, lo spettacolo dell’indecisione
Dall’ottimo lavoro che starebbero facendo la Casa Bianca e la sanità al basso numero di morti, dai governatori esagerati alla fretta di ripartire. Tutte le incertezze del presidente americano
New York, il terzo mondo degli ospedali
New York, il terzo mondo degli ospedali
Letteralmente travolti dalla crescita di casi, gli ospedali della più grande metropoli del mondo sono dei veri campi di battaglia dove manca tutto
USA, record di richieste di disoccupazione
USA, record di richieste di disoccupazione
3,3, milioni in una sola settimana: il record assoluto dal 1967. L’incubo della pandemia ha costretto diverse aziende a chiudere e licenziare, avvicinando lo spettro della recessione
USA, in aumento la vendita delle armi
USA, in aumento la vendita delle armi
File ovunque, richieste di permessi raddoppiate nel giro di poche settimane, corsa ad accaparrarsi munizioni, fucili e pistole. Il ventre dell’America si arma temendo disordini sociali dovuti al coronavirus
Trump chiude l’America
Trump chiude l’America
Viaggi da e verso gli Stati Uniti bloccati per un mese e misure per sostenere la contrazione economica dovuta all’epidemia. Malgrado questo, secondo gli analisti il presidente continua a non essere convinto che l’America rischia un’ecatombe
Amiche per la pelle, scoprono di essere sorelle
Amiche per la pelle, scoprono di essere sorelle
Per 17 anni, Ashley e Latoya hanno condiviso tutta la loro vita, poi una foto ha fatto scattare i dubbi, confermati qualche mese dopo dall’esame del Dna
Nelle scuole della Florida arriva il panic button
Nelle scuole della Florida arriva il panic button
Allarmi a pulsanti, collegati con le forze dell’ordine e il personale scolastico, saranno a breve installati in tutti gli istituti scolastici della Florida. È la vittoria di una mamma che ha perso la figlia nella strage di Parkland
Nuovi dubbi di insabbiamento sul rapporto Mueller
Nuovi dubbi di insabbiamento sul rapporto Mueller
Un giudice federale accusa il procuratore generale William Barr di aver voluto favorire Trump fornendo una versione di parte del rapporto sul "Russiagate"
Esecuzione capitale in Alabama
Esecuzione capitale in Alabama
Il detenuto Nathaniel Woods è stato giustiziato per l’omicidio di tre agenti di polizia nel 2004. In tanti, compreso il complice, hanno insistito fino alla fine sull’innocenza dell’uomo
Nuovi guai per l’accusa di stupro contro Trump
Nuovi guai per l’accusa di stupro contro Trump
Una donna chiede l’esame del Dna del presidente per dimostrare di essere stata violentata da lui. Una battaglia legale per gli avvocati di Trump, che si sono rivolti all’alta corte perché il presidente non è costituzionalmente accusabile