I dubbi degli americani sull’attacco in Iran

| Monta lo scetticismo dei media e dell’opinione pubblica, anche per la mancanza di spiegazioni sulla “minaccia imminente” paventata dalla Casa Bianca. Per molti, una mossa per depotenziare l’impeachment

+ Miei preferiti
I massimi funzionari della sicurezza nazionale statunitense continuano a difendere quanto affermato da Trump: uccidere il generale iraniano Qasem Soleimani era necessario perché rappresentava una minaccia imminente per le vite di soldati e personale americano. Ma quando i media hanno chiesto di fare qualche esempio, nessuno è stato in grado di fornire prove che quanto affermato fosse vero: i vertici della Casa Bianca si sono limitati a citare “un’escalation di violenza che sarebbe sfociata nei prossimi giorni o forse settimane, se non mesi”.

Risultato, sui media americani e fra l’opinione pubblica serpeggia sempre più forte lo scetticismo, e la convinzione che Trump abbia voluto spostare l’attenzione degli americani dalla grana dell’impeachment.

Una fonte del Congresso repubblicano, a conoscenza della decisione di colpire Soleimani, ha riconosciuto che in passato il Presidente “è stato riluttante a intraprendere azioni militari”, ma l’uccisione di un contractor americano, il ferimento di altri, e le successive proteste all’ambasciata “hanno oltrepassato il limite”. I suoi consiglieri gli avrebbero fatto notare che “se non rispondiamo ora, l’Iran continuerà ad oltrepassarlo”.

Dopo una riunione domenica a Mar-a-Lago, dove il presidente Trump è stato informato dal team sulla sicurezza nazionale sulle opzioni riguardanti l’Iran, alcuni funzionari sono apparsi sorpresi che il presidente abbia scelto di prendere di mira Soleimani. Da allora, gli Stati Uniti hanno fornito pochi dettagli sulle presunte minacce e neanche sono stati in grado di illustrare un quadro chiaro sulla “minaccia imminente”.

“Soleimani si trovava in Medio Oriente, in Iraq, e viaggiava per il Medio Oriente. Era appena arrivato da Damasco, dove stava pianificando attacchi contro militari e diplomatici statunitensi. L’azione mirata ha avuto lo scopo di interrompere gli attacchi pianificati e di scoraggiare quelli futuri: questa azione è stata intrapresa per fermare una guerra, non per iniziarne una nuova”, ha commentato Trump.

Ma adesso, la Casa Bianca e il Pentagono temono che l’Iran possa reagire “entro poche settimane”, trascinando l’Occidente in una guerra di cui nessuno sentiva il bisogno.

Il livello è ormai di minaccia continua, che fa presagire il peggio: i pasdaran hanno annunciato di aver individuato 35 obiettivi americani a portata dei loro missili, mentre Trump ha replicato di avere sotto sorveglianza 52 siti iraniani che possono essere distrutti molto rapidamente.

Stati Uniti
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi
Trump verso il secondo impeachment
Trump verso il secondo impeachment
L’Assemblea approva la risoluzione che chiede l’applicazione del 25esimo emendamento per rimuovere Trump. Ma Pence lo respinge e la Camera è pronta a votare per la messa in stato d’accusa, con numerosi repubblicani a favore
Giustiziata Lisa Montgomery
Giustiziata Lisa Montgomery
È la prima donna giustiziata negli Stati Uniti da 70 anni e l’11esima esecuzione dallo scorso luglio. Per i suoi legali è stata una violazione della Costituzione, perché la donna non era in grado di intendere e di volere