I mille dubbi sul killer di Dayton

| Malgrado l’esistenza di Connor Betts sia stata passata al setaccio, manca ancora il movente per la strage costata la vita a nove persone, fra cui sua sorella. Gli ex compagni ricordano che da tempo curava una lista di persone da punire

+ Miei preferiti
L’ultimo tweet sull’account @iamthespookster è datato 3 agosto, il giorno della sparatoria di Dayton, Ohio: “I Millenials hanno un messaggio per la generazione di Joe Biden: sbrigatevi a morire”. Contrariamente a quanto accaduto al El Paso, dove Patrick Crusius aveva in mente di punire gli immigrati messicani, a quasi tre giorni dalla strage di Dayton, la polizia non sa ancora cosa abbia spinto Connor Betts ad aprire il fuoco sui clienti di un locale nel centro della città dell’Ohio.

Armato di un fucile calibro 223, Betts ha sparato 41 colpi in meno di 30 secondi, uccidendo sua sorella e otto passanti: è stato freddato dagli agenti di una pattuglia di polizia una trentina di secondi dopo aver aperto il fuoco.

Da allora, gli inquirenti scavano nel passato del giovane, ma gli indizi sono pochi e generici: nutriva interesse per la violenza e, come in molti altri omicidi di massa americani, aveva facile accesso a potenti armi da fuoco.

Gli ex compagni di scuola hanno raccontato che Betts aveva una “hit list” di persone da uccidere o stuprare. Spencer Brickler, un ex compagno di scuola del killer, ha detto che un consulente della “Bellbrook High School” gli aveva rivelato che lui e sua sorella erano nell’elenco di Bettser. “Al liceo era un tipo oscuro e decisamente depresso, ma sinceramente non so cosa possa averlo spinto verso la strage”. Un altro compagno, David Partridge, ha detto che un amico gli aveva mostrato i messaggi che aveva ricevuto da Betts con la “lista degli omicidi”: i due si allarmano e concordano sulla necessità di avvisare la polizia. Ma dopo aver avvisato le forze dell’ordine, Partridge ha deciso di affrontare Betts al telefono: “Ho sentito che c’è una lista di gente a cui vuoi farla pagare, e nell’elenco ci sarebbe anche la mia famiglia: di cosa si tratta? Perché hai scritto queste cose?”. Il giorno seguente, circa nove anni fa, mentre era seduto su uno scuolabus, ricorda di aver visto Connor Betts portato via a forza da alcuni agenti per accertamenti.

Un altro ex compagno delle superiori, che ha chiesto di restare anonimo, ha anche ricordato di essere stato convocato presso l’ufficio di un dirigente scolastico dove gli è stato riferito che lui era l’obiettivo “numero uno” di Connor Betts: la lista era divisa in due colonne, da una parte gli omicidi per i maschi, dall’altra gli stupri per le ragazze. Un’altra fonte, una giovane che ancora una volta ha preferito l’anonimato, ha riferito che Betts gli aveva inviato alcuni messaggi in cui faceva diversi nomi della lista: la ragazza ne ha parlato con la famiglia, che ha immediatamente avvisato la polizia: “Avrei dovuto sentirmi più sicura, ma capivo che mi aveva spaventato profondamente: ho iniziato ad avere attacchi di panico ogni volta che mi avvicinavo all’edificio scolastico”.

Un’altra ragazza ha detto: “So solo che il mio nome era in una lista, così mi era stato detto: si trattava di ragazze che si erano rifiutate di uscire con lui. Betts me lo ricordo bene: spesso fingeva di sparare ad altri studenti e più volte ha minacciato il suicidio. Lo faceva spesso: ti guardava fisso e dopo un po’ fingeva di spararti mettendo le dita a forma di pistola”.

Un altro ex compagno di classe, che non era sulla lista, ha raccontato di aver incontrato Betts attraverso l’amico di un amico: ogni volta che erano in giro, Connor parlava di violenza e usava un linguaggio duro nei confronti delle donne, definite “tutte troie”. Ma non tutti lo ricordano come un adolescente travagliato: Brad Howard, un amico di vecchia data, lo descrive come “un ragazzo simpatico, tranquillo e molto riservato”.

Betts suonava in una band, i “Menstrual Munchies”, ha ricordato Zach Walton, un musicista che con loro aveva organizzato due spettacoli nel 2018: erano eventi “pornogrind”, un genere musicale che pare vada per la maggiore in Missouri i cui testi espliciti inneggiano alla violenza e alla pornografia.

Perquisendo la sua camera, nella casa dove Connor viveva con la famiglia, gli agenti hanno trovato scritti che esprimono un piacere crescente all’idea di uccidere persone, ma da nessuna parte è saltato fuori alcun motivo razziale o politico.

Nelle ore precedenti alla sparatoria di Dayton, l’account Twitter ha ricevuto diversi like, e ha ritwittato messaggi a sostegno dei senatori Bernie Sanders ed Elizabeth Warren, così come messaggi contro gli agenti dell’ICE (Immigration and Customs Enforcement), e altri di condanna verso la polizia o a sostegno dell’Antifa (Antifascitick Aktion), che spesso usano tattiche violente.

L’account è stato sospeso la domenica sera: un portavoce di Twitter ha commentato: “Stiamo rimuovendo i contenuti che violano le nostre politiche, in accordo con le forze dell’ordine”.

Ma il timore di altre stragi e il rischio che le stragi di El Paso e Dayton spingano all’emulazione è ormai arrivato a Washington, dove il direttore dell’FBI, Chris Wray, ha ordinato un’operazione in tutti gli Stati Uniti con l’obiettivo di sventare possibili minacce imminenti.

Stati Uniti
Le previsioni del professore:
vincerà Biden
Le previsioni del professore:<br>vincerà Biden
Dal 1984, Allan Lichtman non sbaglia un risultato elettorale. Tutto secondo lui si basa sulle 13 chiavi che bisogna conquistare per conquistare la Casa Bianca
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Più di 20 anni fa, la Corte della Louisiana aveva condannato al carcere a vita Fair Wayne Bryant, ladruncolo con pochi colpi andati a segno. Condanna che è stata ribadita
La Russia al lavoro per Trump, Cina e Iran contro
La Russia al lavoro per Trump, Cina e Iran contro
Il più alto responsabile dell’intelligence americana svela che Putin sarebbe al lavoro per screditare Biden in favore dell’amico Donald. Mentre Russia e Iran non vorrebbero più vederlo alla Casa Bianca
La lobby delle armi va sciolta
La lobby delle armi va sciolta
La procuratrice generale di New York, che indaga da tempo sulla NRA, accusandola di corruzione e appropriazione indebita
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne