I ribelli del lockdown

| Chiedono di poter tornare al lavoro, di potersi riprendere le proprie esistenze. Stanno scendendo in piazza in diversi parti degli Stati Uniti, e sono tutti dalla parte di Trump

+ Miei preferiti
È un brutto dilemma, dover scegliere fra due rischi: quello di essere infettati dal coronavirus, e se va male morire, oppure morire quasi certamente, magari di fame.

In America, dove il sogno dell’economia al galoppo di Trump è andato in mille pezzi di fronte alla pandemia, lasciando 22milioni di disoccupati, si moltiplicano gli episodi di proteste di piazza, in cui centinaia di persone chiedono la libertà di poter uscire di casa, lavorare, riprendere la vita di prima. Sono tanti, sempre di più: qualcuno imbraccia anche un fucile, come se volesse essere pronto nel caso comparisse il virus all’improvviso, e in compenso tutti non rispettano le misure di distanziamento sociale e neanche indossano le mascherine.

Il via l’ha dato Lasing, capitale del Michigan, dove in 3mila hanno intasato a piedi e in auto la sede del governo dopo la decisione di estendere il lockdown. Il giorno dopo stesso copione, questa volta a Richmond, Virginia, e poi ancora in South Carolina, Kentucky, Ohio, New Hapshire, Texas. Va detto, a scanso di equivoci: sono per massima parte sostenitori di Trump, convinti come lui che sia ora di far ripartire l’America, “un Paese che non è nato per rimanere fermo”. Anche se i numeri, le previsioni, i contagi e i morti crescano di ora in ora, toccando cifre che neanche in guerra si vedono spesso.

Duro il commento di Gretchen Whitmer, da 15 mesi governatrice del Michigan: “È chiaramente una manifestazione politica, ma è mio dovere proteggere la popolazione di questo Stato, non importa chi mi abbia votato o meno”. 

Galleria fotografica
I ribelli del lockdown - immagine 1
I ribelli del lockdown - immagine 2
I ribelli del lockdown - immagine 3
I ribelli del lockdown - immagine 4
I ribelli del lockdown - immagine 5
I ribelli del lockdown - immagine 6
I ribelli del lockdown - immagine 7
Stati Uniti
Trump concede la grazia a Roger Stone
Trump concede la grazia a Roger Stone
Consigliere politico di lungo corso dallo stile spietato, è stato graziato da presidente per l’inchiesta sul “Russiagate”. Il 14 luglio sarebbe dovuto entrare in cella per scontare 3 anni e 4 mesi di reclusione
«Ho visto i sex-tape di Ghislaine Maxwell»
«Ho visto i sex-tape di Ghislaine Maxwell»
Un ladro da cui la coppia comprava gioielli da donare alle giovani vittime, svela di aver visto materiale video scottante che incastrerebbe celebrità e politici d’alto livello mentre facevano orge con minori
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
La Corte Suprema ha obbligato il presidente a presentare le sue dichiarazioni dei redditi, ma ha anche sancito che resteranno segrete fin dolo le elezioni. È il primo candidato della storia a cui riesce l’impresa
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Nel 1993, a 18 anni, aveva ucciso un uomo mentre tentava di rubargli un camion per fuggire con la fidanzata. L’esecuzione era stata rinviata per la pandemia
Scomparsa una star di «Glee»
Scomparsa una star di «Glee»
Per la conferma ufficiale della morte manca ancora il corpo, ma secondo la polizia non ci sono speranze: Naya Rivera - la cheerleader Santana Lopez della serie televisiva – è scomparsa nelle acque di un lago artificiale in California
Trump fra scuole, libri e polemiche
Trump fra scuole, libri e polemiche
La candidatura di Kanye West, l’ordine di riaprire le scuole, i libri che lo mettono in cattiva luce, la pandemia che avanza inesorabile: la settimana “impossibile” del presidente
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Stephen Cooper, ripreso in una delle più celebri foto della tragedia di New York, è stato sopraffatto dal coronavirus in Florida, dove aveva scelto di vivere
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore