I segnali di guerra prima dell’assedio di Capitol Hill

| Gli esperti in sicurezza informatica da giorni notavano sui siti di estrema destra un crescendo di minacce e inviti alla violenza per bloccare i lavori del Campidoglio. E crescono le preoccupazioni per il giorno del giuramento di Biden

+ Miei preferiti
“O Trump o sarà guerra”, “Se non sai sparare impara”, “Prenderemo d’assalto gli edifici governativi, uccideremo i poliziotti, uccideremo le guardie di sicurezza, uccideremo gli impiegati e gli agenti federali e chiederemo il riconteggio dei voti”.

Nelle settimane, nei giorni e nelle ore che hanno preceduto l’assedio di mercoledì al Campidoglio da parte dei sostenitori di Trump, i segnali sui social c’erano tutti: i post sempre più minacciosi di gruppi suprematisti bianchi e di estrema destra erano incessanti. Nei sei giorni precedenti, ad esempio, si contavano 1.480 post di “QAnon” che facevano riferimento a quanto stava per accadere, più altri che incitavano alla guerra civile.

E ora, mentre l’America tenta di dare un senso ad una violenza insensata costata cinque vite, gli esperti informatici avvertono che gli appelli alla violenza si stanno nuovamente intensificando in vista dell’Inauguration Day, quando Joe Biden presterà giuramento come 46esimo presidente degli Stati Uniti d’America.

“Stiamo monitorando i messaggi di diversi gruppi, che si sentono parecchio incoraggiati dai disordini provocati - commenta Jonathan Greenblatt, l’a.d. della “Anti-Defamation League” - ci sono forti segnali che l’ondata di violenza possa peggiorare”.

Il caos di mercoledì - scoppiato nel tentativo di dissuadere il Congresso dal certificare la vittoria di Biden - ha mostrato la perdita di controllo e l’improvvisa rottura del legame che per quattro anni aveva tenuto insieme Trump, i suoi sostenitori e la leadership repubblicana.

Dopo che i rivoltosi hanno dato l’assalto a Capitol Hill, distrutto finestre e fatto irruzione nell’edificio più sacro della democrazia americana, Trump ha lanciato un tiepido appello per chiedere di fermare le violenze, ma sembra aver avuto poco effetto sulle frange di estrema destra.

“Trump presterà giuramento per un secondo mandato il 20 gennaio – tuonava il giorno dopo l’assedio una voce su thedonald.win, un forum online pro-Trump - non dobbiamo permettere che i comunisti vincano. Anche se saremo costretti a radere al suolo Washington, ci riprenderemo il nostro Paese”.

John Scott-Railton, un ricercatore senior del “Citizen Lab”, un gruppo dell’Università di Toronto specializzato in sicurezza informatica, si dice “terribilmente preoccupato” per il giorno dell’insediamento di Biden: “buona parte dell’America è rimasta sconcertata dai fatti del Campidoglio, ma in alcuni ambienti di estrema destra, ciò che è successo è visto come un clamoroso successo”.

Diverse organizzazioni che monitorano l’estremismo online avevano lanciato avvertimenti che nessuno ha preso in considerazione. Il 4 gennaio, la “ADL” ha pubblicato un lungo post sul blog che descriveva in dettaglio le minacce: “In risposta a un utente che si chiedeva cosa sarebbe successo se il Congresso avesse ignorato le “prove” che Trump era il vincitore delle elezioni, si leggeva: “Semplice, mettiamo a ferro e fuoco la capitale”.

Sempre il 4 gennaio, un’analisi della società di sicurezza “G4S” dichiarava che “l’attuale retorica suggerisce che tra il 6 gennaio e il giorno dell’inaugurazione ci saranno episodi violenti di gruppi di miliziani armati”.

“La parte sorprendente è il motivo per cui la polizia è stata molto meno aggressiva di quanto sia abituata ad essere - commenta Jonathan Wood, direttore dell’analisi dei rischi per l’agenzia londinese “Control Risks” - molti analisti sono rimasti sorpresi dalla mancanza di un apparato di sicurezza efficace e dalla mancanza di una solida risposta delle forze dell’ordine”. Secondo il parere di molti esperti, l’edificio del Campidoglio è apparso come privo di un’adeguata fortificazione: “Chi si avvicinava a Capitol Hill vedeva un adeguato livello di barriere fisiche o di cartelli che dicono di non oltrepassare questa linea? No. Nei video che circolano si vedono porte che cedono e finestre andare in frantumi, e viene da chiedersi com’è possibile che non fossero blindate?”.

La polizia insiste sull’effetto sorpresa: nessuno aveva il sospetto di ciò che stava per accadere. “Non c’erano informazioni che suggerissero la possibilità di una violazione del Campidoglio”, si è giustificato Robert Contee, capo della polizia di Washington. Steven A. Sund, capo della Polizia del Campidoglio che il giorno successivo all’assedio ha presentato le proprie dimissioni travolto dalle critiche per la mancanza di preparazione degli agenti, in una dichiarazione ha detto che “il dipartimento aveva un solido piano per affrontare le attività previste dal Primo Emendamento. Ma non fatevi illusioni: queste rivolte sono frutto di organizzazioni criminali di stampo paramilitare”.

Per quanto riguarda la sicurezza nel Giorno dell’Inaugurazione, i Servizi Segreti assicurano di aver pianificato da lungo tempo ogni possibile dettaglio. “L’insediamento del Presidente degli Stati Uniti è un passaggio fondamentale della nostra democrazia. La sicurezza e l’incolumità di tutti coloro che partecipano cerimonia è prioritaria”.

Ad alimentare lo sgomento alcuni video che circolano in rete in cui negli stessi istanti dell’assalto al Campidoglio, Trump osservava sui monitor quanto stava accadendo ballando allegramente con la figlia Ivanka e Kimberly, la fidanzata del figlio, al suono di “Gloria” di Umberto Tozzi.

Galleria fotografica
I segnali di guerra prima dell’assedio di Capitol Hill - immagine 1
I segnali di guerra prima dell’assedio di Capitol Hill - immagine 2
Stati Uniti
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo
Impeachment, capitolo 2
Impeachment, capitolo 2
La Camera americana vota per “incitamento all’insurrezione”, trasformando Trump nel presidente dei record: nessuno prima di lui era mai stato sottoposto a due processi