Identificata un’altra vittima dell’11 settembre

| 18 anni dopo l’attentato al World Trade Center di New York, i medici legali sono riusciti a identificare un’altra delle 1.100 vittime di cui non si sa più nulla

+ Miei preferiti
A quasi 18 anni dalla tragedia dell’11 settembre 2001, il devastante attentato che ha raso al suolo le “Twin Tower” di New York, i resti di un’altra vittima sono stati identificati. Si tratta della vittima numero 1.643, e se quei resti hanno un nome si deve all’instancabile lavoro dei patologi forensi del “New York City Medical Examiner”, che dai giorni immediatamente successivi all’attentato non hanno mai smesso di cercare di dare un nome al poco che restava di un mare di persone. Finora sono riusciti a identificare 2.753 persone segnalate come scomparse negli attacchi terroristici al World Trade Center.

L’uomo - il cui nome non è stato comunicato - è il primo dal luglio 2018 e la sua identità è stata confermata attraverso la comparazione del DNA. L’ultima vittima a cui l’equipe medica era riuscita a dare un nome era stato Scott Michael Johnson, operatore finanziario di 26 anni che lavorava all’86esimo piano della Torre Sud.

All’appello, a quasi 20 anni di distanza dal giorno che ha cambiato la storia del mondo, mancano ancora 1.110 vittime, il 40% del numero totale delle vittime.

Fra coloro che sono morti durante gli attacchi e i successivi crolli delle torri, 343 vittime appartenevano al corpo dei vigili del fuoco di New York City, 23 erano agenti di polizia e 37 della Port Authority. Le vittime avevano un’età compresa tra i 2 e gli 85 anni e per il 75-80% erano uomini. L’11 settembre del 2001 resta ancora oggi l’attacco più letale sul territorio americano da quello di Pearl Harbor del 1941.

Stati Uniti
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Trump VS Biden, l’ultimo duello
Da entrambe le parti il consiglio era di evitare la rissa, ad ogni costo: il risultato è stato un dibattito decisamente più pacato, che si è acceso a tratti quando i due hanno affondato sugli argomenti più caldi
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
I 545 bambini separati dalle famiglie alla frontiera USA
Di loro, vittime della campagna di “Tolleranza Zero” del 2017, non si sa più nulla. Gli unici ad occuparsene sono un gruppo avvocati e associazioni umanitarie, che tentano di riportare i piccoli alle loro famiglie di origine
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
FBI: rischio di interferenze straniere nelle elezioni
Memori dell'intenso lavoro di depistaggio messo in campo dal Cremlino quattro anni attraverso decine di hacker, i federali svelano che Iran e Russia sarebbero in possesso dei database sugli elettori americani
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Il presidente ne ha per tutti, a cominciare da Anthony Fauci, definito “un idiota”, mentre il suo staff protesta per la decisione di microfoni chiusi a turno durante il prossimo dibattito
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
L’agghiacciante vicenda costata la vita a Sydney Sutherland, 25 anni, travolta mentre faceva footing, violentata, uccisa e sepolta in un bosco da un fattorino che poco dopo si è unito alle squadre di volontari che la cercavano ovunque
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Sarà la prima donna detenuta in un braccio della morte giustiziata da 53 anni a questa parte. Nel 2004 aveva ucciso una giovane mamma incinta all’ottavo mese per strapparle la bimba dal grembo
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
La CNN ha pronto uno speciale in cui diversi ex alti funzionari dell’amministrazione parlano e giudicano l’operato dell’attuale presidente. Fra i più piccati l’ex generale John Kelly
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
In caso di sconfitta, decine di procure sono pronte a quella che si annuncia una monumentale resa dei conti con l’ex tycoon, che avrebbe usato tutta la sua influenza e intoccabilità per sgusciare fra le noie con la legge
Il duello si accende, anche a distanza
Il duello si accende, anche a distanza
Trump e Biden in diretta contemporaneamente su due canali diversi si scambiano accuse reciproche: il presidente è apparso più volte in difficoltà, Biden ha sfoderato la lunga esperienza politica