Identificata un’altra vittima dell’11 settembre

| 18 anni dopo l’attentato al World Trade Center di New York, i medici legali sono riusciti a identificare un’altra delle 1.100 vittime di cui non si sa più nulla

+ Miei preferiti
A quasi 18 anni dalla tragedia dell’11 settembre 2001, il devastante attentato che ha raso al suolo le “Twin Tower” di New York, i resti di un’altra vittima sono stati identificati. Si tratta della vittima numero 1.643, e se quei resti hanno un nome si deve all’instancabile lavoro dei patologi forensi del “New York City Medical Examiner”, che dai giorni immediatamente successivi all’attentato non hanno mai smesso di cercare di dare un nome al poco che restava di un mare di persone. Finora sono riusciti a identificare 2.753 persone segnalate come scomparse negli attacchi terroristici al World Trade Center.

L’uomo - il cui nome non è stato comunicato - è il primo dal luglio 2018 e la sua identità è stata confermata attraverso la comparazione del DNA. L’ultima vittima a cui l’equipe medica era riuscita a dare un nome era stato Scott Michael Johnson, operatore finanziario di 26 anni che lavorava all’86esimo piano della Torre Sud.

All’appello, a quasi 20 anni di distanza dal giorno che ha cambiato la storia del mondo, mancano ancora 1.110 vittime, il 40% del numero totale delle vittime.

Fra coloro che sono morti durante gli attacchi e i successivi crolli delle torri, 343 vittime appartenevano al corpo dei vigili del fuoco di New York City, 23 erano agenti di polizia e 37 della Port Authority. Le vittime avevano un’età compresa tra i 2 e gli 85 anni e per il 75-80% erano uomini. L’11 settembre del 2001 resta ancora oggi l’attacco più letale sul territorio americano da quello di Pearl Harbor del 1941.

Stati Uniti
Felicity Huffman condannata per frode
Felicity Huffman condannata per frode
Il nome dell’attrice di Desperate Housewife era finito nell’inchiesta del giro di corruzione per ammettere i figli nelle più prestigiose università americane. Un giro d'affari milionario
Albuquerque: 6 morti in tre diverse sparatorie
Albuquerque: 6 morti in tre diverse sparatorie
Definiti “senza senso” dalla polizia, i tre episodi sono scoppiati nell'arco di 90 minuti in parti diverse della città. Non è ancora chiaro se ci siano collegamenti
Stati Uniti: 4.000 serial killer in circolazione
Stati Uniti: 4.000 serial killer in circolazione
Sono i dati di un ex detective della omicidi, che aumentano il numero indicato dall’algoritmo creato dall’ex giornalista Thomas K. Hargrove, in grado di individuare la serialità degli omicidi
USA: 15esima esecuzione dall’inizio dell’anno
USA: 15esima esecuzione dall’inizio dell’anno
Mark Anthony Soliz è morto per iniezione letale: insieme ad un complice condannato all’ergastolo, era accusato di essere l’esecutore materiale di un duplice omicidio del 2010
Il falco Bolton: cacciato o auto-dimissionario?
Il falco Bolton: cacciato o auto-dimissionario?
L'ex consigliere della sicurezza precisa che è stato lui a presentare le dimissioni, Trump racconta il contrario. "L'ho allontanato per divergenze sulla questioni internazionali"
Trump, Dorian e l'Alabama
Trump, Dorian e l
Un’inchiesta del New York Times ha svelato le pressioni della Casa Bianca sul servizio meteorologico nazionale perché smentisse le proprie previsioni dando per buone quelle del presidente (sbagliate)
Aggredito da un puma a 8 anni
Aggredito da un puma a 8 anni
Il piccolo Pike è riuscito ad allontanare l’animale che lo aveva afferrato con un bastone. Ha subito diversi interventi chirurgici ma se l’è cavata
Diventano rapinatori dopo aver vinto alla lotteria
Diventano rapinatori dopo aver vinto alla lotteria
Una coppia di Bay City, nel Michigan, ha dilapidato in tre anni 500mila dollari vinti con un biglietto della lotteria. Quando li hanno finiti si sono dati ai furti
San Francisco dichiara la lobby delle armi organizzazione terroristica interna
San Francisco dichiara la lobby delle armi organizzazione terroristica interna
Per la prima volta, una città rompe il fronte della paura di fronte alla potente e influente N.R.A.. Secca la risposta: “Soltanto propaganda”
Walmart cessa la vendita di munizioni
Walmart cessa la vendita di munizioni
La più grande catena di supermercati americana ha comunicato che, oltre a vietare l’ingresso a clienti armati, toglierà dalla vendita munizioni per pistola e fucili d’assalto