Il co-fondatore della Apple: “Sono il paziente zero degli USA”

| In un post, l'ex socio di Steve Jobs Steve Wozniak rivela che lui e sua moglie hanno accusato malori tornando da un lungo viaggio in Cina ai primi di gennaio

+ Miei preferiti
Alla metà degli Settanta, in un garage di Palo Alto, in California, due persone lavorano al prototipo del loro primo computer: una è Steve Jobs, l’altra Steve Wozniak.

L’informatico e inventore di origini ucraine che nel 1985 aveva lasciato l’azienda, considerato uno dei padri della rivoluzione tecnologica, nelle scorse ore è tornato sulle prime pagine dei giornali per motivi ben diversi. È convinto di essere il “paziente zero”, colui che ha portato il famigerato coronavirus negli Stati Uniti.

Secondo l’inventore 69enne, lui e sua moglie Janet sono tornati da un lungo viaggio in Cina un paio di mesi fa, e ambedue al ritorno hanno accusato una brutta tosse. La tosse di mia moglie Janet è iniziata il 4 gennaio: eravamo appena tornati dalla Cina e potremmo essere stati entrambi i pazienti zero degli Stati Uniti”, ha scritto in un post, aggiungendo che entrambi si trovavano al “West Coast Institute” di Santa Clara per dei controlli. Ma Janet Wozniak sembra meno convinta dell’uscita del marito, affermando di avere una fastidiosa sinusite che sta curando.

Wozniak non ha fatto riferimento al periodo esatto in cui ha visitato la Cina e neanche alle città: prima del post, il 9 gennaio aveva scritto: “In convalescenza da una grave malattia contratta durante una crociera”. 

Il numero di casi confermati di coronavirus negli Stati Uniti è salito a 103 nel pomeriggio di lunedì. La maggior parte delle persone colpite si era recentemente recata all'estero.

Finora, 10 stati, tra cui la California e New York, hanno confermato o presunto casi di coronavirus.

Tutti e sei i decessi si sono verificati a Seattle, Washington, e cinque di questi sono stati collegati alla struttura di assistenza a lungo termine “LifeCare” a Kirkland, nella contea di King County.

Stati Uniti
Trump concede la grazia a Roger Stone
Trump concede la grazia a Roger Stone
Consigliere politico di lungo corso dallo stile spietato, è stato graziato da presidente per l’inchiesta sul “Russiagate”. Il 14 luglio sarebbe dovuto entrare in cella per scontare 3 anni e 4 mesi di reclusione
«Ho visto i sex-tape di Ghislaine Maxwell»
«Ho visto i sex-tape di Ghislaine Maxwell»
Un ladro da cui la coppia comprava gioielli da donare alle giovani vittime, svela di aver visto materiale video scottante che incastrerebbe celebrità e politici d’alto livello mentre facevano orge con minori
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
La Corte Suprema ha obbligato il presidente a presentare le sue dichiarazioni dei redditi, ma ha anche sancito che resteranno segrete fin dolo le elezioni. È il primo candidato della storia a cui riesce l’impresa
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Nel 1993, a 18 anni, aveva ucciso un uomo mentre tentava di rubargli un camion per fuggire con la fidanzata. L’esecuzione era stata rinviata per la pandemia
Scomparsa una star di «Glee»
Scomparsa una star di «Glee»
Per la conferma ufficiale della morte manca ancora il corpo, ma secondo la polizia non ci sono speranze: Naya Rivera - la cheerleader Santana Lopez della serie televisiva – è scomparsa nelle acque di un lago artificiale in California
Trump fra scuole, libri e polemiche
Trump fra scuole, libri e polemiche
La candidatura di Kanye West, l’ordine di riaprire le scuole, i libri che lo mettono in cattiva luce, la pandemia che avanza inesorabile: la settimana “impossibile” del presidente
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Stephen Cooper, ripreso in una delle più celebri foto della tragedia di New York, è stato sopraffatto dal coronavirus in Florida, dove aveva scelto di vivere
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore