UCCISO E FATTO A PEZZI
nel consolato saudita di Istanbul

| "Come Pulp Fiction", rivelano gli 007 turchi. Jamal Kashoggi, editorialista del Washington Post era entrato il 2 ottobre nel consolato. Il corpo smembrato in valige caricate su un minivan. La fidanzata a Trump: "Aiutatemi"

+ Miei preferiti

Ucciso e fatto a pezzi. Come in Pulp Fiction. I sauditi, dopo il delitto, hanno utilizzato una sega per sezionare il corpo, i resti sono stati infine divisi in alcune valige poi fatte uscire dal consolato di Istanbul a bordo di diversi mini-van per depistare le indagini della polizia turca. Sarebbe questa l’atroce fine, secondo gli 007 turchi, del giornalista Jamal Khashoggi. La fidanzata ha implorato il presidente Donald Trump e la first lady Melania Trump "di aiutare a far luce sulla sua scomparsa" in una lettera aperta pubblicata dal Washington Post. L’ultima sua immagine è quando varca, la mattina del 2 ottobre, la porta della sede diplomatica dell’Arabia Saudita a Istanbul. Da lì non è più uscito. Le telecamere inquadrano l’ingresso ma non l’uscita, che sarebbe avvenuta, secondo i sauditi, un’ora dopo. Ora l’ambasciatore dopo un diniego durato 8 giorni, consentirà alla polizia turca di ispezionare i locali ma nei giorni scorsi c’è stato un grande andirivieni di auto blindate, con i vetri oscurati, mentre una quindicina di funzionari e poliziotti sauditi, il 4 ottobre, sono arrivati da Riad in aereo, sono rimasti un paio di giorni nel consolato, e poi sono rientrati in patria. Costoro, dopo avere imposto ai 28 dipendenti di restare a casa per due giorni “per un importante incontro diplomatico”, hanno fatto sparire ogni sua traccia del corpo. All’interno del consolato era entrata anche una troupe di una tv turca che aveva ripresa, sotto la guida di no dei responsabili, ogni angolo, compresi possibili nascondigli dove poteva essere stato nascosto il giornalista, vivo o morto. “Una messinscena ridicola”, hanno commentato gli investigatori turchi. Tutta l’area sarà stata scientificamente bonificata da ogni possibili indizio sulla vera fine dell’uomo sparito. Hanno detto al Post e alla Reuters che Proprio per non avere testimoni scomodi, ai 28 impiegati turchi del Consolato era stato chiesto di non presentarsi in ufficio il 2 ottobre scorso, giorno della scomparsa del giornalista. Le autorità di Riad avrebbero motivato la decisione spiegando che era previsto un "importante incontro diplomatico". Lo riporta il quotidiano Hurriyet.

Il quotidiano Sabah pubblica le immagini dalle telecamere di sorveglianza del controllo passaporti all'aeroporto Ataturk dei 15 agenti dei servizi sauditi arrivati a Istanbul lo stesso giorno della sparizione del reporter. Sono agenti segreti, speciliasti in vari settori e infine un medico anatomo-patologo. E la lista di nomi dei presunti assassini-macellai, ripartiti dalla sede diplomatica di Riad poche ore dopo, lo "squadrone della morte". Infine i movimenti dei sauditi tra l'aeroporto, il Consolato, e due hotel. Ovviamente a cinque stelle. Nelle immagini del video del sistema di sicurezza, si vede arrivare il minivan quando la fidanzata di Kashoggi è in attesa del promesso sposo, camminare nervosamente sul marciapiede davanti al consolato; poi la "squadra della morte" entra nel consolata e ne nesce dopo dopo un'ora per dirigersi verso la residenza del console, non molto distante. Ecco il minivan che entra nello scivolo di cemento che porta verso i garage. Qui sarebbe stato sezionato il corpo del giornalista. Finito il lavoro, il team saudito e rientrato per pochi minuti negli alberghi prenotati, prima del rientro a Riad. C'è una debolissima speranza, cioè che la versione degli 007 turchi possa essere smentita dal governo saudita autore - ci si augura - di un sequestro dell'editorialista trasferito in patria per essere processato per vilipendio della casa regnante. Ma adesso si aspettano le prove. Per ora non solo arrivate.

 

Stati Uniti
Il Minnesota chiede 30 anni per Derek Chauvin
Il Minnesota chiede 30 anni per Derek Chauvin
Gli avvocati dell’ex agente accusato di aver ucciso George Floyd si oppongono: il processo dev’essere rifatto, i media avevano già emesso la sentenza prima del tribunale
Trump condannato a 2 anni senza social
Trump condannato a 2 anni senza social
Dopo mesi di discussioni, Facebook ha deciso di chiudere i profili dell’ex presidente fino al 2022. Un silenzio a cui Trump reagisce con rabbia, ma che inaugura una nuova politica dell’azienda
Trump: «Prima di agosto tornerò presidente»
Trump: «Prima di agosto tornerò presidente»
Secondo alcune rivelazioni dei media americani, l’ex presidente sarebbe sempre più convinto di essere vittima di una congiura, e si dice convinto del suo ritorno alla Casa Bianca in brevissimo tempo
Due adolescenti aprono il fuoco contro la polizia
Due adolescenti aprono il fuoco contro la polizia
È successo a Volusia, in Florida: gli agenti hanno tentato di stabilire un contatto, ma i due li hanno investiti di colpi d’arma da fuoco. La giovane è stata ferita, il maschio si è arreso
Sospesa l’esecuzione di Kevin Cooper
Sospesa l’esecuzione di Kevin Cooper
Il governatore della California Newsom ha ordinato una revisione del processo che aveva condannato un afroamericano accusato di aver massacrato una famiglia. Sulla scena erano state rinvenute tracce ematiche molto strane
Un weekend di fuoco: 12 sparatorie, 11 morti e 69 feriti
Un weekend di fuoco: 12 sparatorie, 11 morti e 69 feriti
In otto diversi Stati americani, fra venerdì e domenica, sono scoppiati scontri a fuoco che hanno lasciato a terra un numero impressionante di vittime. Dall’inizio dell’anno, 7.500 persone sono state uccise
La storia di un innocente mandato a morte
La storia di un innocente mandato a morte
L’insistenza degli avvocati di Ledell Lee, giustiziato nel 2017, ha portato a individuare una traccia che corrisponde a un soggetto diverso. Ma i giudici che avevano negato l’esame durante il processo insistono: “L’assassino era lui”
Texas, giustiziato dopo 21 anni nel braccio della morte
Texas, giustiziato dopo 21 anni nel braccio della morte
Quintin Jones, accusato di aver ucciso la prozia mentre era sotto l’effetto di droghe, è il terzo condannato a morte da quando il Covid ha colpito gli USA. Negata all’ultimo istante la richiesta di rinvio
La Trump Organization coinvolta in un’indagine penale
La Trump Organization coinvolta in un’indagine penale
L’ha annunciato il procuratore generale dello Stato di new York, senza citare i motivi e neanche se sull’ex presidente pendono accuse
In arrivo un rapporto sugli avvistamenti UFO
In arrivo un rapporto sugli avvistamenti UFO
L’Office of the Director of National Intelligence sta per consegnare al Congresso un report su alcuni avvistamenti che, malgrado gli sforzi, non è stato possibile classificare