Il D-Day dei migranti, per la libertà di tutti

| Il commovente ricordo di Michele Heller sul Washington Post del padre cecoslovacco ed ebreo che combatté in Normandia con le truppe USA

+ Miei preferiti
di Michele Heller
*responsabile della comunicazione del Peterson Institute for International Economics di Washington.
 
Settantacinque anni fa, mio padre di origine ceca era uno dei 73.000 soldati americani che sbarcarono sulle spiagge della Normandia il D-Day. Erano passati quattro anni dalla sua fuga dalla Cecoslovacchia occupata dai nazisti e alla fine aveva trovato sicurezza negli Stati Uniti. Erano passati due anni da quando lui e suo fratello si arruolarono nell'esercito degli Stati Uniti per combattere, come fecero ancora molti immigrati, per il loro paese d'adozione. Nello stesso tempo, i membri della sua famiglia che non erano usciti dall'Europa venivano uccisi nei campi di concentramento.
Mio padre non parlava mai di fuggire dai nazisti da adolescente. Non ha mai parlato della sua eredità ebraica. Solo raramente e con riluttanza parlava di servire nella seconda guerra mondiale. Non portava mai le sue medaglie di valore sulla manica, letteralmente o in senso figurato.
Dopo che morì 15 anni fa, all'età di 82 anni, ho scoperto nascosto sul retro del suo cassetto dei calzini le tre stelle di bronzo che si era guadagnato per il coraggio e un cuore indomito. Poi ho iniziato a scavare nella sua storia e ho scoperto che aveva anche nascosto il dolore e le tragedie della sua giovinezza.
Ho trovato un certificato di nascita che dimostra che il padre che conoscevo come John Heller era nato Hanus Heller e, come molti immigrati, in seguito anglicizzò il suo nome nel tentativo di essere meglio accettato. Scoprii che aveva origini ebraiche e fu battezzato cattolico nel tentativo infruttuoso di eludere le leggi razziali naziste. Ho messo insieme la notevole storia di come lui, sua madre, suo fratello e un cugino riuscirono ad uscire dalla Cecoslovacchia occupata. Mio marito trovò la documentazione di come il resto dei loro parenti più vicini era stato ucciso nei campi di concentramento, ad eccezione dei gemelli che erano tenuti in vita come soggetti degli esperimenti medici condotti da Josef Mengele. Sono certo che mio padre non aveva idea che quei due cugini fossero sopravvissuti.
Mio padre è stato fortunato. Era un'anomalia statistica, essendo fuggito dai nazisti e poi sopravvissuto a una delle prime ondate di sbarchi del giorno D seguita da combattimenti in prima linea in Normandia, la liberazione di Parigi, la battaglia del Bulge e la battaglia della foresta di Hürtgen. All'inizio del 1945, era uno dei pochissimi rimasti di quelli del suo reggimento che erano arrivati a terra il D-Day. Gli altri erano morti o feriti ed evacuati. A quel punto, aveva accumulato abbastanza tempo in prima linea per tornare negli Stati Uniti. Studiò ingegneria elettrica alla UCLA con l'aiuto del GI Bill, si stabilì nel sud della California e alla fine si sposò.
La sua  fuga dalla repressione, di immigrazione negli Stati Uniti e di integrazione non è certamente unica. Nemmeno il suo servizio come soldato americano di origine straniera. Nel 1840, la metà di tutte le reclute militari statunitensi erano immigrati. Oggi, il 40% del personale in servizio attivo è costituito da minoranze razziali o etniche, e il 13% dei veterani statunitensi sono nati all'estero o figli di immigrati.
Perché sto raccontando la storia che mio padre aveva sepolto così profondamente? Perché raccontare la sua esperienza è un modo per illustrare le ramificazioni personali del sentimento anti-immigrante, antisemita e razzista. Il fervore nazionalista, la crisi economica e altri fattori hanno portato all'ascesa dei nazisti, alle loro leggi anti-ebraiche e infine alla guerra che ha sconvolto la gioventù di mio padre e ha portato via la vita di molti dei suoi compatrioti, amici e familiari, sia sui campi di battaglia che nei campi di concentramento.
Ha sperimentato cosa può accadere quando i leader generano odio piuttosto che condannarlo. Ha anche sperimentato l'esperienza di avere un grande leader quando conta davvero. Nel 2002, 58 anni dopo lo sbarco di mio padre a Utah Beach, lo abbiamo convinto a tornare in Normandia per una cerimonia commemorativa al cimitero americano. Ha camminato da solo tra le lapidi dei suoi compatrioti della quarta divisione di fanteria, e alla fine si è fermato a lungo al pennarello di uno dei suoi comandanti, Brig. Gen. Theodore Roosevelt Jr.
In seguito abbiamo chiesto a mio padre perché trascorreva più tempo nella tomba di Roosevelt che nei luoghi di riposo dei suoi compagni di fanteria. Diceva che Roosevelt era un grande leader che viveva secondo il motto del reggimento: "I fatti, non le parole". In una delle poche volte che mio padre ha mai parlato di combattimento, ci ha mostrato dove era atterrato sulla spiaggia dello Utah Beach e ci ha descritto vedendo il generale in piedi tranquillamente in mezzo all'indescrivibile caos della battaglia e dirigendo con fermezza le truppe a terra. Diceva che la leadership altruista e onorevole di Roosevelt lo rincuorava e, si presumeva, in quel giorno, migliaia di altri giovani soldati terrorizzati.
Erano tutti eroi di guerra - i prigionieri, gli uccisi, i feriti, i mutilati, i fortunati sopravvissuti come mio padre - a causa delle circostanze, non del desiderio. Sono andati in guerra a causa di quanto di tragico accaduto quando la xenofobia e la demagogia soppiantato la vera leadership.
*Dal Washington Post
Stati Uniti
USA: i ragazzi di Parkland nella campagna elettorale
USA: i ragazzi di Parkland nella campagna elettorale
Il movimento “March for Our Lives” ha preparato un piano con norme stringenti per il controllo delle armi. Potrebbero fare da baricentro sul voto dei giovani americani
Texas: eseguita la 12esima condanna a morte
Texas: eseguita la 12esima condanna a morte
Larry Swearingen ucciso tramite iniezione letale per l’omicidio di una studentessa: si era sempre dichiarato innocente
USA: polemiche per la app per perdere peso
USA: polemiche per la app per perdere peso
Indirizzata ai 15milioni di piccoli americani in sovrappeso, è stata creata dal colosso Weight Watcher, ma ha scatenato le proteste
Capitano Satz, pronto al decollo
Capitano Satz, pronto al decollo
Annaliese Satz è la prima donna a entrare nelle file dei “Green Knights” di stanza in Giappone: piloterà un supertecnologico caccia F-35B
Trump, guerra ai transgender: 'Li licenzio'
Trump, guerra ai transgender:
Chiesto l'intervento della corte suprema. "Buco" nel Civil Right Act: non sono menzionati i transgender nelle categorie da tutelare
Tennessee, ucciso con la sedia elettrica
Tennessee, ucciso con la sedia elettrica
Stephen West, 56 anni, era stato condannato a morte per un duplice delitto. Ha scelto lui la "Sparkling Lady", al posto dell'iniezione letale. E' la terza esecuzione in un anno con la sedia elettrica
Caso Epstein: il mistero
delle fratture al collo
Caso Epstein: il mistero<br>delle fratture al collo
Il medici legali hanno rilevato la rottura di un osso che in genere indica lo strangolamento. L’ex presidente Bill Clinton nei guai per un ritratto compromettente
Sparatoria a Philadelphia, 6 agenti feriti
Sparatoria a Philadelphia, 6 agenti feriti
Da un appartamento che la polizia voleva perquisire un uomo ha aperto il fuoco barricandosi poi in casa con un arsenale. Si è arreso dopo ore di assedio, convinto dal suo legale
USA, in fiamme un asilo: 5 morti
USA, in fiamme un asilo: 5 morti
Un asilo di Eire, in Pennsylvania, va a fuoco nella notte: cinque bambini non ce l’hanno fatta
Trump: i Clinton colpevoli
della morte di Epstein
Trump: i Clinton colpevoli<br>della morte di Epstein
È bastato un tweet del presidente in cui lanciare in aria una fantateoria di cospirazione per scatenare le polemiche e la rabbia dei coniugi Clinton. I punti ancora oscuri del suicidio