Il D-Day dei migranti, per la libertà di tutti

| Il commovente ricordo di Michele Heller sul Washington Post del padre cecoslovacco ed ebreo che combatté in Normandia con le truppe USA

+ Miei preferiti
di Michele Heller
*responsabile della comunicazione del Peterson Institute for International Economics di Washington.
 
Settantacinque anni fa, mio padre di origine ceca era uno dei 73.000 soldati americani che sbarcarono sulle spiagge della Normandia il D-Day. Erano passati quattro anni dalla sua fuga dalla Cecoslovacchia occupata dai nazisti e alla fine aveva trovato sicurezza negli Stati Uniti. Erano passati due anni da quando lui e suo fratello si arruolarono nell'esercito degli Stati Uniti per combattere, come fecero ancora molti immigrati, per il loro paese d'adozione. Nello stesso tempo, i membri della sua famiglia che non erano usciti dall'Europa venivano uccisi nei campi di concentramento.
Mio padre non parlava mai di fuggire dai nazisti da adolescente. Non ha mai parlato della sua eredità ebraica. Solo raramente e con riluttanza parlava di servire nella seconda guerra mondiale. Non portava mai le sue medaglie di valore sulla manica, letteralmente o in senso figurato.
Dopo che morì 15 anni fa, all'età di 82 anni, ho scoperto nascosto sul retro del suo cassetto dei calzini le tre stelle di bronzo che si era guadagnato per il coraggio e un cuore indomito. Poi ho iniziato a scavare nella sua storia e ho scoperto che aveva anche nascosto il dolore e le tragedie della sua giovinezza.
Ho trovato un certificato di nascita che dimostra che il padre che conoscevo come John Heller era nato Hanus Heller e, come molti immigrati, in seguito anglicizzò il suo nome nel tentativo di essere meglio accettato. Scoprii che aveva origini ebraiche e fu battezzato cattolico nel tentativo infruttuoso di eludere le leggi razziali naziste. Ho messo insieme la notevole storia di come lui, sua madre, suo fratello e un cugino riuscirono ad uscire dalla Cecoslovacchia occupata. Mio marito trovò la documentazione di come il resto dei loro parenti più vicini era stato ucciso nei campi di concentramento, ad eccezione dei gemelli che erano tenuti in vita come soggetti degli esperimenti medici condotti da Josef Mengele. Sono certo che mio padre non aveva idea che quei due cugini fossero sopravvissuti.
Mio padre è stato fortunato. Era un'anomalia statistica, essendo fuggito dai nazisti e poi sopravvissuto a una delle prime ondate di sbarchi del giorno D seguita da combattimenti in prima linea in Normandia, la liberazione di Parigi, la battaglia del Bulge e la battaglia della foresta di Hürtgen. All'inizio del 1945, era uno dei pochissimi rimasti di quelli del suo reggimento che erano arrivati a terra il D-Day. Gli altri erano morti o feriti ed evacuati. A quel punto, aveva accumulato abbastanza tempo in prima linea per tornare negli Stati Uniti. Studiò ingegneria elettrica alla UCLA con l'aiuto del GI Bill, si stabilì nel sud della California e alla fine si sposò.
La sua  fuga dalla repressione, di immigrazione negli Stati Uniti e di integrazione non è certamente unica. Nemmeno il suo servizio come soldato americano di origine straniera. Nel 1840, la metà di tutte le reclute militari statunitensi erano immigrati. Oggi, il 40% del personale in servizio attivo è costituito da minoranze razziali o etniche, e il 13% dei veterani statunitensi sono nati all'estero o figli di immigrati.
Perché sto raccontando la storia che mio padre aveva sepolto così profondamente? Perché raccontare la sua esperienza è un modo per illustrare le ramificazioni personali del sentimento anti-immigrante, antisemita e razzista. Il fervore nazionalista, la crisi economica e altri fattori hanno portato all'ascesa dei nazisti, alle loro leggi anti-ebraiche e infine alla guerra che ha sconvolto la gioventù di mio padre e ha portato via la vita di molti dei suoi compatrioti, amici e familiari, sia sui campi di battaglia che nei campi di concentramento.
Ha sperimentato cosa può accadere quando i leader generano odio piuttosto che condannarlo. Ha anche sperimentato l'esperienza di avere un grande leader quando conta davvero. Nel 2002, 58 anni dopo lo sbarco di mio padre a Utah Beach, lo abbiamo convinto a tornare in Normandia per una cerimonia commemorativa al cimitero americano. Ha camminato da solo tra le lapidi dei suoi compatrioti della quarta divisione di fanteria, e alla fine si è fermato a lungo al pennarello di uno dei suoi comandanti, Brig. Gen. Theodore Roosevelt Jr.
In seguito abbiamo chiesto a mio padre perché trascorreva più tempo nella tomba di Roosevelt che nei luoghi di riposo dei suoi compagni di fanteria. Diceva che Roosevelt era un grande leader che viveva secondo il motto del reggimento: "I fatti, non le parole". In una delle poche volte che mio padre ha mai parlato di combattimento, ci ha mostrato dove era atterrato sulla spiaggia dello Utah Beach e ci ha descritto vedendo il generale in piedi tranquillamente in mezzo all'indescrivibile caos della battaglia e dirigendo con fermezza le truppe a terra. Diceva che la leadership altruista e onorevole di Roosevelt lo rincuorava e, si presumeva, in quel giorno, migliaia di altri giovani soldati terrorizzati.
Erano tutti eroi di guerra - i prigionieri, gli uccisi, i feriti, i mutilati, i fortunati sopravvissuti come mio padre - a causa delle circostanze, non del desiderio. Sono andati in guerra a causa di quanto di tragico accaduto quando la xenofobia e la demagogia soppiantato la vera leadership.
*Dal Washington Post
Stati Uniti
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda