Il DJ confessa l’omicidio

| È stato costretto ad ammettere l’assassinio di una giovane insegnante per evitare la sedia elettrica. A incastrare DJ Freeze per un delitto commesso nel 1992 sono state le nuove tecniche di genetica forense

+ Miei preferiti
DJ Freeze è molto popolare negli Stati Uniti, e in particolare in Pennsylvania: i suoi DJ set richiamano sempre tanta gente e la sua voce alterna i migliori brani deep house del momento. Nessuno si sarebbe aspettato di trovare il suo nome fra le pagine di cronaca nera, e men che meno di scoprire che è reo confesso di un brutale omicidio.

Raymond Charles Rowe, il suo vero nome, in tribunale ha chiesto perdono per aver violentato e ucciso l’insegnante venticinquenne Christy Mirack nel suo appartamento di Lancaster, in Pennsylvania, più di due decenni fa. È stato condannato a vita senza la condizionale, evitando la pena di morte per aver ammesso il crimine.

La morte della donna era rimasta senza colpevole dal 1992, e a mettere sulle tracce dell’assassino è stata in modo del tutto involontario la sorellastra del DJ, che si è iscritta in uno dei tanti database di Dna fornendo agli agenti la pista giusta per arrivare al nome di Rowe, che ai tempi viveva a poca distanza dal luogo dell’efferato delitto. Miracoli della genetica forense, gli stessi che un anno fa hanno permesso di mettere fine alla carriera del “Golden State Killer”, autore di 13 omicidi, 50 stupri e 120 rapine commessi fra il 1974 ed il 1986.

“Mi dispiace”, ha detto in lacrime il cinquantenne DJ Freeze in tribunale rivolgendosi ai parenti di Christy Mirack: “Non riesco a immaginare cosa avete passato in questi anni”.

I detective sono riusciti a prelevare il Dna di Rowe raccogliendo una bottiglia d’acqua gettata e le gomme da masticare ritrovate in una scuola dove lo scorso anno aveva tenuto un corso per aspiranti DJ: le analisi hanno stabilito la perfetta corrispondenza con il Dna recuperato dal tappeto in casa della vittima.

“Se non fosse stato per la tecnologia moderna e dell’intervento divino, probabilmente saresti rimasto a crogiolarti della tua celebrità”, ha ribattuto Vince Mirack, fratello dell’insegnante uccisa. L’uomo ha raccontato che l’omicidio, avvenuto quattro giorni prima del Natale del 1992, ha distrutto il senso di sicurezza della sua famiglia e l’amore per le feste natalizie: "Ma soprattutto abbiamo perso per sempre la nostra Christy”.

Il compagno di stanza dell’insegnante aveva lasciato l’appartamento circa 15 minuti prima dell’arrivo di Rowe: non è ancora chiaro se DJ e l’insegnante si conoscessero o se lui l’avesse adocchiata aspettando il momento giusto. All’epoca Rowe viveva a circa 5 km dalla Mirack, e l’appartamento della donna era sulla strada che il DJ percorreva regolarmente per andare al lavoro. Anche il veicolo che possedeva allora, una Toyota bianca, corrispondeva alla descrizione fatta da alcuni testimoni. Secondo gli esami autoptici, Christy Mirack è stata picchiata, violentata e probabilmente strangolata.

Come racconta la sua biografia, Raymond Charles Rowe ha studiato al “Broome Community College”, dove inizia per caso la sua carriera di DJ. Trova lavoro alla “WHRW 90.5”, un’emittente universitaria locale, e inizia a mettere in piedi i suoi spettacoli. Breakdancer negli anni ‘80, ha fatto da animatore a decine di feste nei campus universitari e come residente DJ al “Chameleon Club” di Lancaster. Il suo nome è apparso nella line-up di diversi eventi a New York e in numerose stazioni radio americane.

Galleria fotografica
Il DJ confessa l’omicidio - immagine 1
Stati Uniti
Los Angeles-2, in centinaia uccisi dalla polizia
Los Angeles-2, in centinaia uccisi dalla polizia
Dal 2010 al 2014, secondo uno studio, la polizia ha ucciso 375 persone ed altre 400 dal 2012 a oggi. Ma le denunce dei familiari delle vittime sono finite in archivio, comprese le inchieste promosse dalla polizia contro i suoi agenti
Los Angeles-1, record di condanne a morte
Los Angeles-1, record di condanne a morte
Il governatore della California le ha sospese ma la procura generale ha chiesto e ottenuto 22 condanne alla pena capitale, più che in ogni altro Stato dell'Unione. Ma nel braccio della morte solo neri, asiatici e latini
Bimba ruba una bambola: minacciati con le pistole
Bimba ruba una bambola: minacciati con le pistole
A Phoenix, Arizona, una pattuglia della polizia ha avuto una reazione spropositata di fronte al furto di un bambolina di una bimba di 4 anni. I genitori non si erano accorti di nulla
Morta dopo aver usato una pistola in un gioco erotico
Morta dopo aver usato una pistola in un gioco erotico
Pamela, 24 anni, è stata colpita al petto ed è spirata qualche ora dopo: il fidanzato Andrew giura si sia trattato di un incidente. Ma la polizia non sembra credere alla sua versione
Fired Sarah, liberal USA festeggiano
Fired Sarah, liberal USA festeggiano
Duro editoriale sul Guardian: "S'è prestata a nascondere la misoginia di Trump, chiunque la sostituirà non può fare peggio di lei". "Disprezza i giornalisti, da 90 giorni neanche una conferenza stampa".
Ucciso un ragazzo, Memphis in rivolta
Ucciso un ragazzo, Memphis in rivolta
Brandon Webber, un giovane di colore di 20 anni, crivellato di colpi dalla polizia. La folla è scesa in piazza per protestare, ma la situazione è degenerata in scontri con le forze dell’ordine
Polemiche sulla morte del rapper Willie Bo
Polemiche sulla morte del rapper Willie Bo
Il giovane ucciso lo scorso febbraio a Vallejo, in California, è stato crivellato con 55 colpi d’arma da fuoco. La famiglia chiede giustizia, mentre un consulente giustifica la polizia
Esorcismo per via orale
Esorcismo per via orale
Padre Bill, prete di una chiesa presbiteriana in New Jersey, avrebbe praticato sesso orale a tre uomini che gli avevano chiesto aiuto, spacciandolo per un esorcismo
Identificata un’altra vittima dell’11 settembre
Identificata un’altra vittima dell’11 settembre
18 anni dopo l’attentato al World Trade Center di New York, i medici legali sono riusciti a identificare un’altra delle 1.100 vittime di cui non si sa più nulla
Alabama: la castrazione chimica è legge
Alabama: la castrazione chimica è legge
I condannati per reati sessuali saranno obbligati a sottoporsi al trattamento un mese prima della scarcerazione. Un provvedimento che fa esultare la governatrice Kay Ivey ma divide gli Stati Uniti, come la recente legge sull’aborto