Il giallo dell’università dell’Illinois

| Ruth George, studentessa 19enne, è stata strangolata sui sedili posteriori della sua auto. La polizia sta visionando i filmati di sorveglianza, e ci sarebbe già un fermo

+ Miei preferiti
La conferma del medico legale è arrivata nella tarda serata di domenica: Ruth George, una studentessa di 19 anni della University of Illinois, è stata strangolata.

Il corpo della giovane, una studentessa di Kinesiologia di origini indiane e residente a Naperville, era stato trovato poche ore prima dalla polizia sui sedili posteriori dell’auto di famiglia, parcheggiata nel garage del campus, a cui gli agenti erano giunti seguendo la posizione segnalata dal suo smartphone.

La famiglia di Ruth ha riferito che avevano perso ogni contatto con la giovane dal sabato mattina: orari compatibili con i primi esami dei filmati delle telecamere di sorveglianza, che mostrano l’auto di Ruth entrare nel parcheggio alle 13:35 di sabato. Sarebbero al vaglio degli inquirenti altri filmati che mostrerebbero una persona entrare a piedi nel garage pochi istanti dopo, e proprio in questi minuti la polizia ha confermato il fermo di un sospetto di cui non sono state rese note le generalità, ma il cui nome che non risulterebbe fra gli studenti o il personale dell’ateneo.

Fra i primi a esprimere il proprio cordoglio Michael D. Amiridis il rettore della più grande università della zona di Chicago, con 33mila studenti, che ha descritto la morte di Ruth come una tragedia, incoraggiando gli studenti e le facoltà ad “appoggiarsi, difendersi e supportarsi l’un l’altro. Porgiamo le nostre più sincere condoglianze alla famiglia e agli amici di Ruth”.

Galleria fotografica
Il giallo dell’università dell’Illinois - immagine 1
Il giallo dell’università dell’Illinois - immagine 2
Il giallo dell’università dell’Illinois - immagine 3
Il giallo dell’università dell’Illinois - immagine 4
Il giallo dell’università dell’Illinois - immagine 5
Stati Uniti
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti
Barack Attack
Barack Attack
Obama scende in campo attaccando Trump senza mai nominarlo: “Non fa neanche finta di governare”. La replica del presidente: “Dovrebbe andare in galera insieme a Biden”. Uno scontro infuocato