Il killer di El Paso in tribunale

| Patrick Crusius, autore lo scorso agosto della strage nel supermercato Walmart costata la vita a 22 persone, è comparso in tribunale per ascoltare le 90 accuse formulate dal giudice sul suo conto. Presenti alcuni dei sopravvissuti

+ Miei preferiti
La mattina del 3 agosto dello scorso anno, un uomo armato di fucile entra nel supercenter “Walmart” alla periferia di El Paso, in Texas. Apre il fuoco lasciando a terra 22 persone, fra cui quattro bambini.

All’arrivo della polizia, il killer alza le braccia e lascia cadere a terra il Wasr-10, versione civile dell’AK-47: si chiama Patrick Wood Crusius, ha 20 anni, si è laureato due anni prima alla “Plano Senior High School” e vive con la famiglia ad Allen, a più di 1000 km da El Paso. Poco prima della strage aveva pubblicato in rete il suo “manifesto” suprematista in cui elogiava la strage di Christchurch, in Nuova Zelanda, affermando di voler fare lo stesso, vendicando l’invasione ispanica del Texas.

A sei mesi dalla strage, Patrick Crusius è comparso per la prima volta davanti al tribunale distrettuale di El Paso, dove deve affrontare 90 accuse federali fra cui strage, crimini d’odio, terrorismo interno e possesso di armi da fuoco.

Sotto stretta sorveglianza, sguardo torvo, in silenzio e con le manette ai polsi, come ordinato dal giudice Miguel Torres per il rischio sicurezza in base ai “reati estremamente violenti” di cui è accusato, Crusius è apparso sotto gli occhi di una dozzina di sopravvissuti all’attacco. ll procuratore generale degli Stati Uniti William Barr ha annunciato che, dopo essersi consultato con le famiglie delle vittime, deciderà a breve se richiedere la pena di morte.

Dopo il suo arresto, Crusius avrebbe confidato agli investigatori di aver deciso di uccidere quanti più messicani possibile. Dai filmati delle telecamere di sorveglianza è emerso che poco prima della strage Crusius si era mescolato ai clienti per ispezionare il Walmart, il grosso supermercato a circa 8 km dal confine tra Stati Uniti e Messico.

Quindi è tornato verso la sua auto: ha indossato cuffie protettive e occhiali di sicurezza, mentre nelle mani stringeva il fucile mitragliatore e nelle tasche aveva più di 1000 proiettili a punta cava.

Secondo le ricostruzioni, Crusius ha iniziato a sparare indiscriminatamente, colpendo persone che stavano acquistando materiale scolastico per i figli, a pochi giorni dalla riapertura delle scuole.

Settimane prima della sparatoria, la madre di Crusius aveva contattato la polizia per raccontare di essere preoccupata per il figlio, in possesso di un fucile d’assalto malgrado la sua giovane età, raccontando agli agenti che le preoccupazioni nascevano da un basso livello di maturità e totale mancanza di esperienza con le armi del ragazzo. Ma nessuno era intervenuto.

Stati Uniti
Ancora sangue sulle strade americane
Ancora sangue sulle strade americane
Un uomo armato di mitragliatrice ha fatto una strage in un magazzino logistico a Indianapolis. Mentre da Chicago arrivano le inquietanti immagini dell’uccisione senza motivo di Adam Toledo, un 13enne
L’agente Kim Potter accusata di omicidio
L’agente Kim Potter accusata di omicidio
L’ormai ex agente di polizia di Minneapolis che ha ucciso Daunte Wright arrestata e rilasciata su cauzione. Rischia fino a 10 anni di carcere, mentre per la strade la rabbia aumenta
Sesso, droga & deputati
Sesso, droga & deputati
Emergono dettagli sullo scandalo che ha come protagonista unico il deputato repubblicano della Florida Matt Gaetz, sospettato di avere una passione smodata per le minorenni
Una nuova indagine sulla Cina ogni 10 ore
Una nuova indagine sulla Cina ogni 10 ore
È quanto ha dichiarato Christopher Wray, direttore dell’FBI, raccontando davanti al Senato di 2.000 indagini collegate a Pechino, una presenza forte, costante e insidiosa
Terremoto nel Dipartimento di polizia di Minneapolis
Terremoto nel Dipartimento di polizia di Minneapolis
Si sono dimessi il capo del dipartimento e Km Potter, l’agente che ha ucciso Duane Wright con un colpo di pistola credendo di avere in mano il teaser. Intanto in città cresce la tensione
Afroamericano ucciso dalla polizia, torna la tensione a Minneapolis
Afroamericano ucciso dalla polizia, torna la tensione a Minneapolis
Daunte Wright, 20 anni, ucciso da un agente mentre tentava di opporsi all’arresto. I manifestanti sono tornati per le strade minacciando la polizia. In città la tensione è già alta per il processo per la morte di George Floyd
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Philip Adams, con una lunga carriera nella massima divisione del football americano, prima di togliersi la vita ha ucciso un medico, sua moglie, due dei loro nipoti e un tecnico che lavorava ad un impianto di aria condizionata
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Il presidente promette di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per limitare l’uso delle armi da fuoco, a cominciare dalle “ghost guns”, kit di montaggio venduti liberamente senza alcun controllo
New York, la grande fuga dei ricconi
New York, la grande fuga dei ricconi
L’aumento della tassazione per chi guadagna un milione di dollari all’anno ha messo le ali ai piedi dei Paperoni newyorkesi, indecisi se prendere casa a Miami o Austin, in Texas
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
I vertici del dipartimento di polizia bollano come “inappropriate e non necessarie” le azioni dell’agente Derek Chauvin. “Sapeva perfettamente cosa stava facendo”