Il manifesto del killer di San Diego

| Il 19enne autore dell'attacco alla sinagoga si definisce un talento del pianoforte che sei mesi fa non avrebbe neanche immaginato un gesto simile. A ispirarlo Brenton Tarrant, l’attentatore della Nuova Zelanda

+ Miei preferiti
“Suono il pianoforte da quando avevo quattro anni: sono un ragazzo normale che studia da infermiere per aiutare le persone. Se qualcuno mi avesse detto 6 mesi fa che avrei fatto tutto questo, gli avrei risposto che era pazzo”. È solo un passaggio dell’inquietante manifesto di John T. Earnest, 19 anni, l’attentatore della sinagoga di San Diego, secondo quanto riferito dalla polizia l’ennesimo “crimine d’odio religioso”.

Una manciata di minuti di follia, intorno alle 11:30 del mattino, costati la vita a Gilbert Kaye, una donna di 60 anni, e per poco anche a Noya Dahan, 8 anni, suo zio Almong Peretz di 31 e il rabbino Yisroel Goldstein. Earnest era armato con un fucile d’assalto AR15 che si è inceppato, evitando un costo in vite umane ancora maggiore: un agente della polizia di frontiera fuori servizio ha risposto al fuoco colpendo l’auto su cui l’attentatore si stava allontanando: è stato lo stesso ragazzo ad avvisare la polizia indicando il luogo in cui si trovava, è sceso dall’auto con le braccia alzate consegnandosi agli agenti.



Studente modello alla “California State University” di San Marcos, nessun precedente penale sulle spalle, John T. Earnest si è definito “suprematista bianco” e “antisemita”, e la polizia sta analizzando ogni passaggio del suo manifesto, pubblicato in rete poco prima dell’assalto alla sinagoga della congregazione ebraica di Poway, un sobborgo a nord di San Diego. Circa 4.000 parole piene di sarcasmo, frasi farneticanti e odio verso gli ebrei, in cui il giovane si autoaccusa anche dell’incendio alla moschea Dar-ul-Arqam di Escondido del 24 marzo e racconta di aver pianificato l’assalto in quattro settimane. Fonte di ispirazione “l’eroico” gesto di Brenton Tarrant, l’autore dei 50 morti dell’attacco alle moschee di Christchurch, in Nuova Zelanda. “Tarrant è stato un catalizzatore: ha cambiato la mia vita”, si legge nel manifesto. Ed esattamente come l’attentatore della Nuova Zelanda, anche Earnest aveva annunciato l’attacco con un post pubblicato 30 minuti prima (senza specificare il luogo), prevedendo un live stream che però non ha funzionato, con tanto di “playlist” di canzoni e un messaggio di addio finale.

Gran parte del manifesto consiste in una lunga lista di lamentele e insulti contro gli ebrei, accusati di aver pianificato il genocidio della “razza europea” e si conclude con l’affermazione che l’obiettivo era quello di indurre il governo degli Stati Uniti alla confisca delle armi, decisione che secondo lui porterebbe alla guerra civile.

Secondo lo sceriffo della contea di San Diego, John T. Earnest viveva con i genitori e non risulta avesse legami con gruppi di suprematisti bianchi. Il padre è un tranquillo insegnante di scuola superiore, presidente di una chiesa presbiteriana ortodossa di Escondido.

L’assalto è stato pianificato durante le funzioni dell’ultimo giorno di Pasqua, in un momento in cui si ritiene che all’interno della sinagoga ci fossero circa 100 persone. In base al racconto di alcuni testimoni, il giovane indossava un giubbotto tattico e un casco.

Galleria fotografica
Il manifesto del killer di San Diego - immagine 1
Stati Uniti
L’antiabortista destinata alla Corte Suprema
L’antiabortista destinata alla Corte Suprema
Si fa con insistenza il nome di Amy Coney Barrett, cattolica fervente, come sostituto dell’icona liberal Ruth Bader Ginsburg. La protesta dei Dem, che minacciano una nuova procedura d’impeachment per Trump
Sparatoria a Rochester: 16 feriti e due morti
Sparatoria a Rochester: 16 feriti e due morti
Si teme una nuova strage, avvenuta nella città dove la polizia ha ucciso Daniel Prude soffocandolo. Il bilancio resta provvisorio, mentre sono ancora in corso i rilievi
Addio a Ruth Bader Ginsburg, giudice icona delle donne
Addio a Ruth Bader Ginsburg, giudice icona delle donne
Si è spenta a Washington dopo una lunga malattia la seconda donna ad essere ammessa alla Corte Suprema. Paladina delle minoranze silenziose, incorruttibile e schietta, ha chiesto di essere sostituita dal nuovo presidente
Amy Dorris, l’ex modella che accusa Trump di molestie
Amy Dorris, l’ex modella che accusa Trump di molestie
Dopo 23 anni di silenzio, ha raccontato l’aggressione dell’allora tycoon nella suite agli US Opend i Tennis del 1997. “Lo dovevo alle mie figlie, che stanno diventando donne”
La Boeing colpevole degli incidenti del 737 Max
La Boeing colpevole degli incidenti del 737 Max
Un rapporto dettagliato inchioda il colosso aeronautico, accusato di aver creato un “culmine di errori, leggerezze, difetti e cattiva gestione”. Sotto accusa anche l’ente aeronautico americano
Trump in California: «Con gli incendi non c’entra il climate change»
Trump in California: «Con gli incendi non c’entra il climate change»
Il presidente in visita alle zone martoriate della West Coast, non perde occasione per rimbrottare i governatori e negare l’evidenza scientifica. Biden all’attacco
Samantha Cohen, la ragazzina che piaceva a Trump
Samantha Cohen, la ragazzina che piaceva a Trump
Figlia maggiore di Michael Cohen, l’ex avvocato personale del tycoon, ha raccontato un episodio in cui Trump era rimasto colpito dal suo fisico da quindicenne
Agguato a Los Angeles: una taglia sull’aggressore dei due agenti
Agguato a Los Angeles: una taglia sull’aggressore dei due agenti
Una task force della polizia al lavoro per dare volto e nome all’aggressore di due vice sceriffi ricoverati in fin di vita. L’ira di Trump che chiede “pena di morte”
L’ennesimo ritratto di Trump, impietoso
L’ennesimo ritratto di Trump, impietoso
Esce “Rage” (Rabbia), secondo libro che Bob Woodward dedica alla figura del presidente. Questa volta ha raccolto 18 interviste sufficienti per mostrare un modo di fare confuso, improvvisato e immerso nel culto di se stesso
Tredicenne autistico ferito dalla polizia
Tredicenne autistico ferito dalla polizia
È successo a Salt Lake City, dove Linden Cameron è stato ferito a colpi d’arma da fuoco da due agenti, intervenuti dopo una chiamata della madre, che non riusciva a calmarlo