Il minuto di follia di Connors Betts

| Tanto è bastato all’attentatore di Dayton per uccidere 9 persone e ferirne 26. Lui e Patrick Crusius, il killer di El Paso, non si conoscevano: il primo è stato ucciso dalla polizia, l’altro è già destinato al braccio della morte

+ Miei preferiti
Di Germano Longo
Patrick Crusius e Connors Betts non si conoscevano, vivevano a 2.500 km uno dall’altro: li ha uniti per sempre una delle peggiori giornate di sangue della storia recente degli Stati Uniti. Insieme, ai due capi opposti degli States, hanno ammazzato 30 persone macchiando di sangue l’estate americana. Il primo ha 21 anni e ha ucciso 22 persone nel centro commerciale di El Paso, in Texas. Il secondo di anni ne ha 24, e tredici ore dopo ha fatto lo stesso nel centro di Dayton, in Ohio, uccidendo 9 persone. In comune non hanno nulla, o forse tutto: solitari, musoni, depressi, probabilmente affetti da problemi psichici mai curati e scambiati per un carattere particolare. Il primo amava Trump, il secondo nel 2016 era rimasto sconvolto dalla sua elezione. Ma ambedue hanno trovato armi potenti ad attenderli sulla discesa verso la follia: un fucile mitragliatore per il centro commerciale di El Paso, un fucile calibro 223 con caricatori ad alta capacità per la movida di Dayton. Patrick si è messo le cuffie per proteggere l’udito, Connors il giubbotto antiproiettile. Per adesso li separa solo il destino finale: Patrick Crusius ha sparato per un’ora esatta, poi si è arreso alla polizia, Connors Betts è stato abbattuto un minuto dopo aver aperto il fuoco. Ma è solo questione di tempo, e torneranno insieme: la procura di El Paso ha annunciato l’intenzione di chiedere la pena di morte per Patrick Crusius.

Appena 60 secondi di fuoco che a Connors Betts sono bastati per ammazzare 9 persone e ferirne altre 26. Ma mentre per Crusius i motivi della strage, per quanto farneticanti, ci sono, per Connors resta ancora tutto da capire. È arrivato verso l’una di notte all’angolo della East 5th street, la zona del divertimento di Dayton, affollata di gente. Sembra che poco prima di mettere mano al fucile gli fosse stato negato l’ingresso al “Ned Peppers”, un popolare locale dell’Oregon District, ma appare improbabile che sia bastato questo a far scattare la reazione. A rendere ancora più inquietante la sua lucida follia una notizia confermata dalla polizia: fra le 9 vittime ci sarebbe sua sorella Megan, 22 anni, ma Connors non ha risparmiato un proiettile nemmeno al fidanzato, finito nell’elenco dei feriti: erano arrivati insieme in auto nel centro di Dayton, e secondo gli inquierenti i due non sapevano nulla delle intenzioni del fratellone strano.

Gli ex compagni di classe lo descrivono come un bullo che si divertiva a spaventare le donne. Abitava con la famiglia a Bellbrook, 40 km circa da Dayton, dove adesso le finestre sono chiuse e la famiglia chiede il rispetto della privacy per una tragedia che in un minuto solo si è portata via i loro due figli. Sulla sua pagina Twitter, Connors Betts si definiva fan dei cartoon giapponesi, dichiarava le sue simpatie per la Dem Elizabeth Warren e per Satana e commentava aspramente le stragi di Parkland e dell’11 settembre. Il tutto intervallato da frasi che adesso suonano come una premonizione: “Vado all’inferno e non torno”. L’hanno accontentato.

Galleria fotografica
Il minuto di follia di Connors Betts - immagine 1
Il minuto di follia di Connors Betts - immagine 2
Stati Uniti
L’antiabortista destinata alla Corte Suprema
L’antiabortista destinata alla Corte Suprema
Si fa con insistenza il nome di Amy Coney Barrett, cattolica fervente, come sostituto dell’icona liberal Ruth Bader Ginsburg. La protesta dei Dem, che minacciano una nuova procedura d’impeachment per Trump
Sparatoria a Rochester: 16 feriti e due morti
Sparatoria a Rochester: 16 feriti e due morti
Si teme una nuova strage, avvenuta nella città dove la polizia ha ucciso Daniel Prude soffocandolo. Il bilancio resta provvisorio, mentre sono ancora in corso i rilievi
Addio a Ruth Bader Ginsburg, giudice icona delle donne
Addio a Ruth Bader Ginsburg, giudice icona delle donne
Si è spenta a Washington dopo una lunga malattia la seconda donna ad essere ammessa alla Corte Suprema. Paladina delle minoranze silenziose, incorruttibile e schietta, ha chiesto di essere sostituita dal nuovo presidente
Amy Dorris, l’ex modella che accusa Trump di molestie
Amy Dorris, l’ex modella che accusa Trump di molestie
Dopo 23 anni di silenzio, ha raccontato l’aggressione dell’allora tycoon nella suite agli US Opend i Tennis del 1997. “Lo dovevo alle mie figlie, che stanno diventando donne”
La Boeing colpevole degli incidenti del 737 Max
La Boeing colpevole degli incidenti del 737 Max
Un rapporto dettagliato inchioda il colosso aeronautico, accusato di aver creato un “culmine di errori, leggerezze, difetti e cattiva gestione”. Sotto accusa anche l’ente aeronautico americano
Trump in California: «Con gli incendi non c’entra il climate change»
Trump in California: «Con gli incendi non c’entra il climate change»
Il presidente in visita alle zone martoriate della West Coast, non perde occasione per rimbrottare i governatori e negare l’evidenza scientifica. Biden all’attacco
Samantha Cohen, la ragazzina che piaceva a Trump
Samantha Cohen, la ragazzina che piaceva a Trump
Figlia maggiore di Michael Cohen, l’ex avvocato personale del tycoon, ha raccontato un episodio in cui Trump era rimasto colpito dal suo fisico da quindicenne
Agguato a Los Angeles: una taglia sull’aggressore dei due agenti
Agguato a Los Angeles: una taglia sull’aggressore dei due agenti
Una task force della polizia al lavoro per dare volto e nome all’aggressore di due vice sceriffi ricoverati in fin di vita. L’ira di Trump che chiede “pena di morte”
L’ennesimo ritratto di Trump, impietoso
L’ennesimo ritratto di Trump, impietoso
Esce “Rage” (Rabbia), secondo libro che Bob Woodward dedica alla figura del presidente. Questa volta ha raccolto 18 interviste sufficienti per mostrare un modo di fare confuso, improvvisato e immerso nel culto di se stesso
Tredicenne autistico ferito dalla polizia
Tredicenne autistico ferito dalla polizia
È successo a Salt Lake City, dove Linden Cameron è stato ferito a colpi d’arma da fuoco da due agenti, intervenuti dopo una chiamata della madre, che non riusciva a calmarlo