Il mistero del cimitero di Zion

| Uno studioso di storia della Florida, è riuscito a stabilire che le salme sepolte in un antico cimitero afro-americano di Tampa non sono 382, come risulta dai documenti ufficiali, ma ben 747

+ Miei preferiti
Lo scorso autunno, il ricercatore storico Ray Reed ha raccontato al “Tampa Bay Times” di aver trovato alcuni certificati di morte che indicano come luogo di sepoltura lo “Zion Cemetery” di Tampa, in Florida. Dopo nove mesi di ricerche, affiancato dai cronisti del quotidiano, il ricercatore è riuscito a stabilire con certezza che lo Zion è stato il primo cimitero afro-americano riconosciuto dalla città di Tampa: fondato nel 1901, si trovava all’angolo di Florida e Virginia avenue.

Il mistero riguarda però il numero di persone sepolte: secondo gli archivi cimiteriali si parla di 382 inumazioni ufficiali, ma dati alla mano, potrebbero essere più del doppio. Reed afferma di aver trovato i nomi di 747 persone sepolte nel cimitero Zion. Nel tempo, risulta anche che 13 feretri sono stati spostati, lasciando aperta la possibilità che tutti o alcuni degli altri 369 siano ancora sul terreno che oggi fa parte del “Robles Park Apartments”, una zona di Tampa su cui ha messo gli occhi l’imprenditore Richard Gonzmart, capo del “Columbia Restaurant Group” che ha intenzione di aprire un centro dedicato all’arte culinaria e la gastronomia.

Indipendentemente dal numero effettivo, il “Tampa City Council” Orlando Gudes, che rappresenta il distretto dove si trova l’ex cimitero Zion, ha affermato che la città ha il dovere morale di individuare e tutelare i resti di coloro che sono stati sepolti lì.

“Per dare un nome alle tombe anonime, spero che volenterosi e anime gentili siano disposte ad aiutarmi fornendomi una copia di vecchi certificati di morte o dei permessi di sepoltura”, ha commentato Reed.

Un’altra stranezza è che negli archivi cimiteriali risultano certificati di morte che fanno riferimento al cimitero di “Robles Pond”, un luogo di sepoltura per cui i documenti indicano stranamente l’indirizzo di Florida Avenue, lo stesso dello Zion.

“Sulla base di alcune ricerche, non risulta da nessuna parte che ci fossero due cimiteri afro-americani nella stessa area”, ha assicurato Rodney Kite-Powell, curatore del Tampa Bay History Center. I documenti, potrebbero semplicemente aver citato il luogo di sepoltura indicando Robles Pond, antico nome del quartiere. Eppure, nelle sue ricerche, decine di persone risulta che siano state sepolte nel cimitero di Robles Pond. Una mappa dello Zion Cemetery, depositata presso la cancelleria della contea di Hillsborough nel febbraio 1901, lo divideva in 98 sezioni, a cui aggiungere un campo destinato a persone non identificate e indigenti.

Nel 1951, quando la “Tampa Housing Authority” stava costruendo i “Robles Park Apartments” sull’aera dell’ex cimitero di Zion, furono scoperte tre casse senza nomi e indicazioni alcuna.

Ashley Bauman, portavoce del sindaco di Tampa Jane Castor, è intervenuta sul caso: “Abbiamo contattato l’Università della Florida per lavorare con loro sul processo necessario per determinare se e dove i corpi possono trovarsi”.

Stati Uniti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi