Il mistero dell’X-37B

| Dopo 780 giorni in orbita, è tornato sulla Terra il velivolo sperimentale senza pilota: i motivi della missione sono coperti da segreto militare, e le teorie cospirazioniste si sprecano

+ Miei preferiti
Si riaccende la speranza di chi ama le cospirazioni ed è convinto che all’interno dell’Area 51, in Nevada, ci sia una collezione di alieni, astronavi e suppellettili marziane. Sui media americani, in questi giorni, tiene banco la misteriosa missione dell’X-37B della US Air Force, tornato domenica scorsa sulla Terra dopo aver trascorso 780 giorni in orbita: era partito il 7 settembre 2017 dalla piattaforma 39A di Cape Canaveral, in Florida, per quella che è diventata la missione spaziale più lunga della storia.

I dettagli della missione sono coperti da segreto militare, e la US Air Force, per tentare di placare la curiosità degli americani, ha rivelato solo che il programma si concentra sulla “sperimentazione e lo sviluppo di veicoli spaziali riutilizzabili”. “Il nostro team si è preparato da tempo per questo volo e sono estremamente orgoglioso di vedere il lavoro e la dedizione culminare nel ritorno sulla Terra dell’X-37B”, ha commentato il generale Doug Schiess, senza aggiungere altro.

Ogni missione del velivolo, accompagnata dal timbro “top secret”, scatena le speculazioni e le teorie su attività di spionaggio o per testare armi spaziali. L’US Air Force conferma che l’ultima missione dell’X-37B ha condotto esperimenti per conto dell’Air Force Research Laboratory (AFRL), agenzia che si occupa di “tecnologie di combattimento” per l’aria, lo spazio e il cyberspazio.

L’X-37B, lungo circa 8,8 metri, alto 2,9 metri e con un’apertura alare di quasi 4,5 metri, è un velivolo sperimentale privo di pilota in grado di volare a atterrare in modo autonomo: un progetto realizzato dalla “Boeing” con la supervisione della “Darpa” (Defense Advanced Research Project Agency) e la “Nasa”, l’ente spaziale americano. È nato per testare tecnologie per il volo orbitale, la propulsione, la navigazione, i sistemi di protezione termica e lo sviluppo di nuovi materiali. La sesta missione dell’X-37B è prevista nel 2020.

Galleria fotografica
Il mistero dell’X-37B - immagine 1
Il mistero dell’X-37B - immagine 2
Stati Uniti
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Fauci: quando ero «Una puzzola al picnic»
Il New York Times è riuscito a confessare l’immunologo italoamericano, che ha raccontato le tante volte in cui si è scontrato a muso duro con Trump e i suoi consiglieri
Fuga da Mar-a-Lago
Fuga da Mar-a-Lago
Decine di soci del lussuoso resort in cui si è trasferito Trump hanno deciso di non rinnovare l’scrizione. E anche la cittadinanza “normale”, non vede di buon occhio la presenza ingombrante dell’ex presidente
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti