Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump

| L’esordio pubblico del presidente vittima di un passaparola giovanile, con migliaia di prenotazioni di posti da lasciare rigiorosamente vuoti. A lanciare il tam-tam una signora dell’Iowa

+ Miei preferiti
Le immagini degli spalti semivuoti del Bok Center di Tulsa, durante il primo comizio elettorale di Trump, hanno fatto il giro del mondo. La chiamata pubblica alla sua gente, con la richiesta di essere un milione per dimostrare che l’America è ancora con lui, è andata in fumo.

Qualche ora dopo, mentre Trump probabilmente schiumava rabbia con il suo staff su qualche limousine blindata, arrivava la verità: l’hanno messo in mezzo. Buona parte dei 19mila posti dell’arena indoor erano stati prenotati da giovani attraverso un efficace tam-tam attraverso l’incrocio di TikTok, una delle app più di successo, e i fan del pop coreano “K-pop”.

Come da regolamento, i ragazzi si sono registrati sul sito dell’evento per ottenere i biglietti, gratuiti ma contingentati, per poi non presentarsi e giocare un brutto colpo al presidente. Il tutto accompagnato da una presa in giro: migliaia di video di giovani in cui ognuno inventava le scuse più banali per dire che non sarebbe potuto andare a sentire Trump.

La campagna però pare sia stata ideata da Mary Jo Laupp, una signora 51enne di Fort Dodge, nell’Iowa, assai contrariata dalla scelta iniziale di Trump di tenere il comizio il 19 giugno, in concomitanza con il “Junettenth”, la giornata dell’emancipazione dalla schiavitù. Ma anche quando il presidente ha posticipato l’evento di due giorni, la signora ha pensato fosse simpatico proseguire, continuando a incitare i giovani al boicottaggio.

Per gli analisti politici, al di là dello scherzo, l’esordio di Trump è andato ben oltre sotto la soglia di delusione. È vero che solo 6.300 posti su 19mila erano stati riempiti, ma all’esterno i maxischermi attendevano oltre 40mila sostenitori, quelli che non avevano trovato posto al Bok Center ma non volevano far mancare il proprio sostegno a Trump. Neanche loro si sono visti, e in questo caso hanno scelto in proprio.

Stati Uniti
Brandon Hole, 19 anni e 8 morti
Brandon Hole, 19 anni e 8 morti
È il numero delle vittime che un giovane affetto da problemi mentali ha fatto in un magazzino a Indianapolis. Si tratta della 45esima strage avvenuta in America dall’inizio dell’anno, e ancora una volta Biden chiede che sia l’ultima
Ancora sangue sulle strade americane
Ancora sangue sulle strade americane
Un uomo armato di mitragliatrice ha fatto una strage in un magazzino logistico a Indianapolis. Mentre da Chicago arrivano le inquietanti immagini dell’uccisione senza motivo di Adam Toledo, un 13enne
Sesso, droga & deputati
Sesso, droga & deputati
Emergono dettagli sullo scandalo che ha come protagonista unico il deputato repubblicano della Florida Matt Gaetz, sospettato di avere una passione smodata per le minorenni
Una nuova indagine sulla Cina ogni 10 ore
Una nuova indagine sulla Cina ogni 10 ore
È quanto ha dichiarato Christopher Wray, direttore dell’FBI, raccontando davanti al Senato di 2.000 indagini collegate a Pechino, una presenza forte, costante e insidiosa
L’agente Kim Potter accusata di omicidio
L’agente Kim Potter accusata di omicidio
L’ormai ex agente di polizia di Minneapolis che ha ucciso Daunte Wright arrestata e rilasciata su cauzione. Rischia fino a 10 anni di carcere, mentre per la strade la rabbia aumenta
Terremoto nel Dipartimento di polizia di Minneapolis
Terremoto nel Dipartimento di polizia di Minneapolis
Si sono dimessi il capo del dipartimento e Km Potter, l’agente che ha ucciso Duane Wright con un colpo di pistola credendo di avere in mano il teaser. Intanto in città cresce la tensione
Afroamericano ucciso dalla polizia, torna la tensione a Minneapolis
Afroamericano ucciso dalla polizia, torna la tensione a Minneapolis
Daunte Wright, 20 anni, ucciso da un agente mentre tentava di opporsi all’arresto. I manifestanti sono tornati per le strade minacciando la polizia. In città la tensione è già alta per il processo per la morte di George Floyd
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Philip Adams, con una lunga carriera nella massima divisione del football americano, prima di togliersi la vita ha ucciso un medico, sua moglie, due dei loro nipoti e un tecnico che lavorava ad un impianto di aria condizionata
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Il presidente promette di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per limitare l’uso delle armi da fuoco, a cominciare dalle “ghost guns”, kit di montaggio venduti liberamente senza alcun controllo
New York, la grande fuga dei ricconi
New York, la grande fuga dei ricconi
L’aumento della tassazione per chi guadagna un milione di dollari all’anno ha messo le ali ai piedi dei Paperoni newyorkesi, indecisi se prendere casa a Miami o Austin, in Texas