Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump

| L’esordio pubblico del presidente vittima di un passaparola giovanile, con migliaia di prenotazioni di posti da lasciare rigiorosamente vuoti. A lanciare il tam-tam una signora dell’Iowa

+ Miei preferiti
Le immagini degli spalti semivuoti del Bok Center di Tulsa, durante il primo comizio elettorale di Trump, hanno fatto il giro del mondo. La chiamata pubblica alla sua gente, con la richiesta di essere un milione per dimostrare che l’America è ancora con lui, è andata in fumo.

Qualche ora dopo, mentre Trump probabilmente schiumava rabbia con il suo staff su qualche limousine blindata, arrivava la verità: l’hanno messo in mezzo. Buona parte dei 19mila posti dell’arena indoor erano stati prenotati da giovani attraverso un efficace tam-tam attraverso l’incrocio di TikTok, una delle app più di successo, e i fan del pop coreano “K-pop”.

Come da regolamento, i ragazzi si sono registrati sul sito dell’evento per ottenere i biglietti, gratuiti ma contingentati, per poi non presentarsi e giocare un brutto colpo al presidente. Il tutto accompagnato da una presa in giro: migliaia di video di giovani in cui ognuno inventava le scuse più banali per dire che non sarebbe potuto andare a sentire Trump.

La campagna però pare sia stata ideata da Mary Jo Laupp, una signora 51enne di Fort Dodge, nell’Iowa, assai contrariata dalla scelta iniziale di Trump di tenere il comizio il 19 giugno, in concomitanza con il “Junettenth”, la giornata dell’emancipazione dalla schiavitù. Ma anche quando il presidente ha posticipato l’evento di due giorni, la signora ha pensato fosse simpatico proseguire, continuando a incitare i giovani al boicottaggio.

Per gli analisti politici, al di là dello scherzo, l’esordio di Trump è andato ben oltre sotto la soglia di delusione. È vero che solo 6.300 posti su 19mila erano stati riempiti, ma all’esterno i maxischermi attendevano oltre 40mila sostenitori, quelli che non avevano trovato posto al Bok Center ma non volevano far mancare il proprio sostegno a Trump. Neanche loro si sono visti, e in questo caso hanno scelto in proprio.

Stati Uniti
Trump concede la grazia a Roger Stone
Trump concede la grazia a Roger Stone
Consigliere politico di lungo corso dallo stile spietato, è stato graziato da presidente per l’inchiesta sul “Russiagate”. Il 14 luglio sarebbe dovuto entrare in cella per scontare 3 anni e 4 mesi di reclusione
«Ho visto i sex-tape di Ghislaine Maxwell»
«Ho visto i sex-tape di Ghislaine Maxwell»
Un ladro da cui la coppia comprava gioielli da donare alle giovani vittime, svela di aver visto materiale video scottante che incastrerebbe celebrità e politici d’alto livello mentre facevano orge con minori
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
La Corte Suprema ha obbligato il presidente a presentare le sue dichiarazioni dei redditi, ma ha anche sancito che resteranno segrete fin dolo le elezioni. È il primo candidato della storia a cui riesce l’impresa
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Nel 1993, a 18 anni, aveva ucciso un uomo mentre tentava di rubargli un camion per fuggire con la fidanzata. L’esecuzione era stata rinviata per la pandemia
Scomparsa una star di «Glee»
Scomparsa una star di «Glee»
Per la conferma ufficiale della morte manca ancora il corpo, ma secondo la polizia non ci sono speranze: Naya Rivera - la cheerleader Santana Lopez della serie televisiva – è scomparsa nelle acque di un lago artificiale in California
Trump fra scuole, libri e polemiche
Trump fra scuole, libri e polemiche
La candidatura di Kanye West, l’ordine di riaprire le scuole, i libri che lo mettono in cattiva luce, la pandemia che avanza inesorabile: la settimana “impossibile” del presidente
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Stephen Cooper, ripreso in una delle più celebri foto della tragedia di New York, è stato sopraffatto dal coronavirus in Florida, dove aveva scelto di vivere
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore