Il razzismo non esiste, parola di Trump

| Malgrado sia stato costretto a firmare degli ordini che inaspriscono pene e sanzioni contro i poliziotti violenti, il presidente non si è mai pronunciato direttamente per condannare la violenza contro gli afroamericani

+ Miei preferiti
Donald Trump ha una personale strategia, quando qualcosa non gli piace o non va giù: minimizzare. È quello che continua a fare da quando è costretto ad affrontare lo spinoso discorso delle violenze della polizia contro gli afroamericani. Una posizione che ha ribadito nel corso di un’intervista concessa nelle scorse ore alla “CBS News”, affermando che sono “più i bianchi” a morire per mano delle forze dell’ordine piuttosto che neri.

Quando Catherine Herridge, la giornalista della CBS ha chiesto al presidente perché in tutti gli Stati Uniti gli afroamericani continuano a subire le violenze della polizia, Trump ha risposto che quella era una domanda inutile: “Vale anche per i bianchi”.

In realtà, uno studio federale che ha valutato i dati sui decessi tra il 2009 e il 2012 dovuti alla violenze delle forze dell’ordine in cui la maggioranza delle vittime erano bianche, ma una quantità sproporzionata di casi si riferiva alla comunità afroamericana, con un tasso di mortalità 2,8 volte superiore.

Il commento di Trump non fa che aggiungere altra benzina ad un’estate costellata da manifestazioni di massa in tutto il Paese dopo la morte di George Floyd. Le richieste di riforma della polizia hanno costretto Trump a firmare un ordine esecutivo che, tra le altre cose, crea un database federale in cui saranno registrati gli abusi e le violenze commesse dagli agenti di polizia in servizio. Ma anche durante la firma dell’ordine esecutivo, Trump non ha mai affrontato direttamente la questione del razzismo. Al contrario, si è lanciato in una difesa a oltranza della polizia e ha insistito: i casi di ufficiali che uccidono neri disarmati si basano su un piccolo numero di episodi. “Sono numeri molto bassi, e proprio per questo nessuno in questo Paese vuole sbarazzarsi dei bravi poliziotti”.

Nelle ultime settimane, Trump si è concentrato principalmente sull’elogio della polizia, piuttosto che su ulteriori potenziali riforme. Trump ha anche criticato il movimento “Black Lives Matter”, definito un simbolo che inneggia all’odio, e difendendo i simboli confederati. Con l’evolversi delle pressioni sulle riforme, Trump si anche detto pronto a proteggere le statue che ritraggono schiavisti diventati icone confederate, firmando un ordine esecutivo che inasprisce le pene per coloro che deturpano i monumenti. E per finire ha espresso la sua esplicita disapprovazione per la decisione della NASCAR di bandire le bandiere confederate. “Conosco tanta gente a cui la bandiera confederata piace e non pensa alla schiavitù. Che si tratti di simboli confederati o del Black Lives Matter c’è di mezzo la libertà di pensiero e di parola”.

Stati Uniti
La Russia al lavoro per Trump,
Cina e Iran contro
La Russia al lavoro per Trump,<br>Cina e Iran contro
Il più alto responsabile dell’intelligence americana svela che Putin sarebbe al lavoro per screditare Biden in favore dell’amico Donald. Mentre Russia e Iran non vorrebbero più vederlo alla Casa Bianca
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Confermato l’ergastolo al ladro di un tagliasiepi
Più di 20 anni fa, la Corte della Louisiana aveva condannato al carcere a vita Fair Wayne Bryant, ladruncolo con pochi colpi andati a segno. Condanna che è stata ribadita
La lobby delle armi va sciolta
La lobby delle armi va sciolta
La procuratrice generale di New York, che indaga da tempo sulla NRA, accusandola di corruzione e appropriazione indebita
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo