Il talento di mister Trump

| Dal giorno dell’insediamento, un sito specializzato ha conteggiato 10mila balle sparate dal presidente. E il calcolo annuale potrebbe addirittura migliorare

+ Miei preferiti
Il 27 aprile scorso, alla Casa Bianca non c’è stato alcun festeggiamento: eppure secondo qualcuno è un peccato, perché la ricorrenza era degna di essere ricordata. Quel giorno, il presidente Trump ha superato la soglia psicologica delle 10mila balle raccontate da quando si è insediato a Washington. Lo rivela il database “The Fact Checker’s”, che da sempre analizza le sparate presidenziali scremando la verità dal fiume di balle. Un primato poco invidiabile soprattutto per il popolo americano, visto che la media si aggira sulle 20 falsità al giorno, diffuse parlando da qualche palcoscenico, nelle interviste o attraverso i canali social che ama tanto. Il conteggio, ripreso con grande enfasi dal “Washington Post”, racconta anche che sullo stesso tema Trump è capace di cambiare versione fino a tre volte.

L’escalation ballistica è stata improvvisa: dalle 5 sparate al giorno nei primi 100 giorni della sua amministrazione ad un numero sempre crescente che si pensa aumenterà ancora con l’avvicinarsi della scadenza elettorale del prossimo anno, quella che potrebbe consacrarlo al secondo mandato o rispedirlo a casa. Un record mai raggiunto prima dai presidenti in carica, che era stato stimato in 6000 balle e invece superato di gran lunga, fino quasi a doppiarlo.

Nei giorni scorsi, Trump ne avrebbe sparate 45 in altrettanti minuti dell’intervista a “Fox News”, altre otto il giorno successivo parlando con la stampa, ben 24 in un discorso davanti all’associazione dei produttori di armi e 61 in un comizio del 27 aprile. Per un totale di 171 falsità in appena tre giorni: se mai tenesse il ritmo, entro l’anno potrebbe superare quota 20mila. Un sogno a portata di mano.

Stati Uniti
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Stephen Cooper, ripreso in una delle più celebri foto della tragedia di New York, è stato sopraffatto dal coronavirus in Florida, dove aveva scelto di vivere
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari
Trump: la politica dell’autodistruzione
Trump: la politica dell’autodistruzione
In vistoso e preoccupante calo nei sondaggi, il presidente è inerme e senza idee di fronte alla recrudescenza di contagi e alle proteste razziali
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Cinque morti, fra cui due fratellini di 7 e 17 anni, in una delle vicende più assurde di sempre, che da mesi tiene l’America con il fiato sospeso
Mary Trump, la vendetta della nipotina
Mary Trump, la vendetta della nipotina
È in corso un’altra battaglia per evitare la pubblicazione dell’ennesimo libro dedicato alla discussa figura di Trump. Questa volta l’ha scritto sua nipote, che promette di svelare 50 anni di arcani e porcherie finanziarie del presidente
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
Una furiosa resa dei conti pare abbia impegnato il presidente e il suo staff nel viaggio di ritorno alla Casa Bianca. Tutti sono al lavoro per studiare come proseguire nella campagna elettorale, senza rinunciare agli eventi