Impeachment, in arrivo la “bomba” Bolton?

| L’ex consigliere per la sicurezza nazionale in attesa del via libera dal tribunale per la deposizione al Congresso: ottenesse il via libera, per Trump sarebbe un grosso problema

+ Miei preferiti
Potrebbe passare dalle mani di John Bolton, ex consigliere per la sicurezza nazionale voluto e allontanato da Donald Trump dopo appena 7 mesi, uno dei momenti più critici della procedura di impeachment nei confronti del presidente americano. Secondo la “CNN”, che riporta dichiarazioni sibilline dei suoi avvocati, Bolton è stato convocato per testimoniare davanti al Congresso, ma dalla White House è arrivato la minaccia di non farlo. Da buon americano ligio davanti alla legge e alla Costituzione, Bolton ha rimesso la decisione ad un giudice federale, che deciderà se autorizzare o meno la deposizione.

La speranza è che non si ripeta il caso di Mick Mulvaney, capo dello staff presidenziale che ha scelto di non presentarsi davanti al Congresso, protetto dall’immunità assoluta che la Casa Bianca ha adottato come discutibile strategia difensiva, ritenendo che Trump e i suoi collaboratori non possono essere messi sotto indagine. Anche la testimonianza di Mulvaney sarebbe stata fondamentale, visto che aveva confermato il congelamento dei 400 milioni di dollari in aiuti per spingere l’Ucraina ad avviare l’inchiesta contro Biden.

Nel caso per Bolton fosse diverso, rivela ancora la CNN, per Trump potrebbero guai seri. Charles Cooper, uno degli avvocati di Bolton, ha rinviato una lettera alla commissione d intelligence che guida l’indagine, in cui assicura che “Bolton è stato coinvolto personalmente in molti degli eventi, incontri e conversazioni di cui si è già avuta testimonianza, nonché di incontri e conversazioni pertinenti che non sono ancora stati discussi nelle testimonianze sentire finora”. In pratica: sappiate che su episodi su cui state indagando, potrebbero esserci rivelazioni fondamentali.

John Bolton, figura centrale di numerosi episodi della presidenza Trump finiti sotto la lente, non ha mai nascosto di aver sollevato numerose preoccupazioni sull’operato del presidente, bollando come “dug deal”, affare sporco, sia le elezioni del 2016 che l’impegno con cui numerosi funzionari della Casa Bianca gestivano le pressioni sull’Ucraina, per spingere il governo ad avviare un’inchiesta in grado di affossare la famiglia Biden. Non solo: secondo diversi testimoni, proprio Bolton avrebbe incoraggiato gli uomini del suo staff a dare l’allarme nel caso di atteggiamenti e azioni illegali.

Riguardo all’Ucrainagate, finora costata la galera a due soci di Rudy Giuliani, l’ex sindaco di New York diventato avvocato di fiducia di Trump, il “Wall Street Journal” rivela che le pressioni erano iniziate ben prima dell’elezione di Volodymyr Zelens’kyj. Anche con il suo predecessore, Petro Porshenko, i funzionari americani avevano esercitato lo stesso tipo di pressioni.

Stati Uniti
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi