Impeachment, l’ora di John Bolton

| L’ex consigliere per la sicurezza nazionale, voluto ed epurato da Trump, sarebbe pronto a deporre. E potrebbe essere la svolta definitiva dell’impeachment

+ Miei preferiti
E alla fine arriva John, come nei film, per salvare all’ultimo istante un amico assediato dai nemici, una famiglia in pericolo, un cervo sfuggito ai veterinari dell’amaro Montenegro. Questa volta l’ennesimo John, di cognome Bolton, baffi bianchi e occhialini da sceriffo saggio, ha il compito di dare la volata all’impeachment contro Donald Trump, il presidente che prima l’ha voluto come consigliere per la sicurezza nazionale, salvo poi licenziarlo in tronco un anno dopo. Proprio su questo dettaglio, si capisce che fra i due non corresse buon sangue: Trump afferma di averlo accompagnato a calci fino alla porta della Casa Bianca, Bolton nega, dicendo che è stato lui andarsene, sbattendo ogni porta possibile.

Questioni di grana grossa che adesso, due mesi dopo l’epurazione, diventano il piatto su cui si consuma la vendetta dell’avvocato di Baltimora diventato politico di razza. È lui la pedina su cui si giocano le fasi finali dell’inchiesta che può portare all’incriminazione del presidente, un nome emerso più volte dai testimoni che finora si sono alternati davanti alla commissione del Congresso.

Secondo gli analisti politici, la sua deposizione sarà (o sarebbe) un vero colpo di scena nel tortuoso percorso dell’impeachment, perché Bolton era già stato invitato, ma aveva declinato appellandosi alla norma che concede ai funzionari della Casa Bianca di non presentarsi in audizione. Ma ora qualcosa è cambiato: John Bolton ci ha ripensato, e dagli indizi seminati finora, sembra nutrire intenzioni bellicose: “È tempo di parlare”. Per vuotare il sacco attende solo un mandato di comparizione ufficiale, perché siano i giudici a prendersi la responsabilità della deposizione.

Finora non era riuscito a far sentire la propria voce denunciando il blocco del suo account Twitter, secondo lui su ordine espresso di Trump, che ovviamente nega. Ma quando la questione stava implodendo, l’account è tornato attivo e John non se l’è fatto ripetere due volte: “Avevano paura di quello che averi potuto dire? Mi spiace deludere chi speculava sul fatto che mi stavo nascondendo, non era così: restate sintonizzati”.

Trump, temendo l’arrivo di nuovi container di materiale organico, ha tentato l’approccio morbido - “Abbiamo un buon rapporto” – ma Bolton non ha raccolto, e neanche risposto. In compenso, il suo team legale ha seminato ad arte piccole dosi di esplosivo, con frasi come “Ha una conoscenza diretta di incontri e colloqui”. Roba che sarà utile soprattutto per un libro che pare stia scrivendo, a fronte di un contratto da due milioni di dollari.

Stati Uniti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi