Impeachment, l’ora di John Bolton

| L’ex consigliere per la sicurezza nazionale, voluto ed epurato da Trump, sarebbe pronto a deporre. E potrebbe essere la svolta definitiva dell’impeachment

+ Miei preferiti
E alla fine arriva John, come nei film, per salvare all’ultimo istante un amico assediato dai nemici, una famiglia in pericolo, un cervo sfuggito ai veterinari dell’amaro Montenegro. Questa volta l’ennesimo John, di cognome Bolton, baffi bianchi e occhialini da sceriffo saggio, ha il compito di dare la volata all’impeachment contro Donald Trump, il presidente che prima l’ha voluto come consigliere per la sicurezza nazionale, salvo poi licenziarlo in tronco un anno dopo. Proprio su questo dettaglio, si capisce che fra i due non corresse buon sangue: Trump afferma di averlo accompagnato a calci fino alla porta della Casa Bianca, Bolton nega, dicendo che è stato lui andarsene, sbattendo ogni porta possibile.

Questioni di grana grossa che adesso, due mesi dopo l’epurazione, diventano il piatto su cui si consuma la vendetta dell’avvocato di Baltimora diventato politico di razza. È lui la pedina su cui si giocano le fasi finali dell’inchiesta che può portare all’incriminazione del presidente, un nome emerso più volte dai testimoni che finora si sono alternati davanti alla commissione del Congresso.

Secondo gli analisti politici, la sua deposizione sarà (o sarebbe) un vero colpo di scena nel tortuoso percorso dell’impeachment, perché Bolton era già stato invitato, ma aveva declinato appellandosi alla norma che concede ai funzionari della Casa Bianca di non presentarsi in audizione. Ma ora qualcosa è cambiato: John Bolton ci ha ripensato, e dagli indizi seminati finora, sembra nutrire intenzioni bellicose: “È tempo di parlare”. Per vuotare il sacco attende solo un mandato di comparizione ufficiale, perché siano i giudici a prendersi la responsabilità della deposizione.

Finora non era riuscito a far sentire la propria voce denunciando il blocco del suo account Twitter, secondo lui su ordine espresso di Trump, che ovviamente nega. Ma quando la questione stava implodendo, l’account è tornato attivo e John non se l’è fatto ripetere due volte: “Avevano paura di quello che averi potuto dire? Mi spiace deludere chi speculava sul fatto che mi stavo nascondendo, non era così: restate sintonizzati”.

Trump, temendo l’arrivo di nuovi container di materiale organico, ha tentato l’approccio morbido - “Abbiamo un buon rapporto” – ma Bolton non ha raccolto, e neanche risposto. In compenso, il suo team legale ha seminato ad arte piccole dosi di esplosivo, con frasi come “Ha una conoscenza diretta di incontri e colloqui”. Roba che sarà utile soprattutto per un libro che pare stia scrivendo, a fronte di un contratto da due milioni di dollari.

Stati Uniti
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti
Barack Attack
Barack Attack
Obama scende in campo attaccando Trump senza mai nominarlo: “Non fa neanche finta di governare”. La replica del presidente: “Dovrebbe andare in galera insieme a Biden”. Uno scontro infuocato