Impeachment: senza esclusione di colpi

| In meno di due settimane dalla richiesta di avviare la procedura contro Trump, una serie infinita di colpi di scena, accuse, insulti e sondaggi stanno avvelenando la politica americana

+ Miei preferiti
Statisticamente, una delle grane politiche con meno certezze negli Stati Uniti è l’impeachment. La procedura, prevista dalla Costituzione americana per rimuovere un presidente in carica, è decisamente merce rara: finora è stata utilizzata solo due volte, nel 1868 contro Andrew Johnson, accusato di aver violato i limiti dei suoi poteri rimuovendo il ministro della guerra, e alla fine degli anni Novanta per Bill Clinton, coinvolto con tutte le scarpe nel “caso Lewinsky”, la stagista con cui ebbe una lunga relazione sessuale. In mezzo, nel 1974, Richard Nixon l’aveva solo sfiorata, preferendo dimettersi prima che scattasse, sull’onda del “Watergate”. Ma di fatto, nessuno è mai stato rimosso dal suo incarico.

Secondo molti analisti, con Donald Trump potrebbe essere la volta buona, visto che a nemmeno due settimane dalla richiesta formulata dalla speaker della camera Nancy Pelosi, i colpi di scena sono così tanti – e pesanti – da trasformare l’impeachment in una delle peggiori minacce mai lanciate verso la Casa Bianca.

La stampa americana si è schierata compatta contro il presidente, mettendo in atto una campagna di indagini e scoop che suona un po’ come la vendetta dopo anni di attacchi, insulti e minacce lanciati dai celebri tweet di Trump, che numeri alla mano, da quando è scattata la procedura di impeachment ha aumentato la dose giornaliera di veleni.

Il pasticcio, ribattezzato “Ucraina-gate”, nasce intorno ad una telefonata fra Trump e il presidente Volodimir Zelenskij in cui il primo aveva chiesto al secondo un favore personale: un’inchiesta sul figlio di Joe Biden, temibile rivale Dem nella corsa alla rielezione. Biden, ovviamente, cavalca al meglio la spinta bollando Trump come “bugiardo e corrotto”, e minacciandolo di “suonarlo come un tamburo alle prossime elezioni”. 

Ma questo è il meno, fa parte della retorica politica tipica degli americani, che in fondo all’anima restano sempre degli amabili cowboy. Il peggio sono i “whistleblower”, termine che da queste parti andrebbe tradotto come “segnalatore di illeciti”. In pratica, qualcuno che denuncia attività fraudolente e/o irregolarità all’interno del governo. Dopo il primo, protetto da anonimato, ne è spuntato fuori un secondo, e anche lui avrebbe informazioni dirette sull’ormai celebre telefonata del 25 luglio scorso fra Trump e Zelenskij. Non ha ancora reso ufficiale la propria denuncia, ma pare sia pronto a farlo nelle prossime ore.

Poi c’è la ridda dei testimoni, che inizia con Kurt Volker, ex inviato della Casa Bianca in Ucraina, che dopo essersi dimesso ha rivelato una serie di messaggi fra il presidente e diversi diplomatici americani in Europa, in cui il tenore sarebbe: valutiamo bene se sospendere il pacchetto di aiuti all’Ucraina. Per i media americani la prova che mancava, quasi la celebre “pistola fumante”, come viene definita la flagranza di reato.

Trump, messo in un angolo, non molla, anzi rincara la dose giocando al rialzo: ho chiesto anche alla Cina e all’Australia di indagare su Biden. Tipica teoria trumpiana: un reato commesso alla luce del sole diventa meno reato. Dimentica che la richiesta di aiuto a qualsiasi potenza straniera in America è un reato, e anche piuttosto grave. Poi, nel corso di una recentissima conference call, Trump avrebbe tentato il gioco delle tre carte: quella telefonata non volevo neanche farla, aveva insistito Rick Perry, segretario all’energia.

E merita un angolino anche Mitt Romney, repubblicano come Trump ma non proprio un suo ammiratore, che ha definito “sbagliata e spaventosa” la telefonata, ricevendo in cambio una serie di insulti che è meglio non tradurre. Non è il solo Repubblicano ad essere molto perplesso: fra gli indecisi se saltare il fosso dell’impeachment ci sarebbero Mark Amodei del Nevada, Fred Upton del Michigan, Will Hurd del Texas, Adam Kinzinger dell’Illinois e la senatrice Susan Collins del Maine.

All’orizzonte spunta anche George Conway, marito di Kellyanne, “Counselor to the President” che, avendo notizie di prima mano, non esita a definire Trump un “malato mentale con disturbi narcisistici della personalità e affetto da psicopatia”: secondo lui, l’impeachment è una perdita di tempo, bisognerebbe passare direttamente al 25esimo emendamento, quello che permette di rimuovere il presidente di peso.

Per finire con i sondaggi, pane e companatico di qualsiasi sistema politico: secondo l’Economist, il 44% degli americani è per l’impeachment, 43% per “Politico” e l’HuffiPost, 47 per la CNN, 49 per NPR/PBS e addirittura 55% per la CBS.

Stati Uniti
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia
La lobby delle armi in bancarotta
La lobby delle armi in bancarotta
Una procedura pilotata che permette alla NRA di lasciare le inchieste penali di New York per cercare rifugio in Texas, dove le leggi sulle armi sono più permissive
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
L’ultimo weekend di Trump, mentre la giustizia incombe
A quattro giorni dalla fine del suo mandato, Trump sa che dovrà affrontare la prima delle tante inchieste che lo vedono coinvolto: il procuratore di New York ha messo gli occhi su una proprietà di famiglia
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Lo scandalo dei bagni per la scorta di Ivanka
Agli uomini dei servizi segreti che si occupano della sicurezza di Ivanka e suo marito Jahred, è vietato l’uso dei bagni. Da anni, gli uomini della scorta lottano per avere un posto, che finalmente gli è stato affittato dal governo