Impeachment: top secret le email di Trump sull’Ucrainagate

| L’amministrazione conferma di aver reso documenti sensibili e riservati le email in cui il presidente tratterebbe la delicata questione degli aiuti all’Ucraina. Per Trump sempre più vicina l’assoluzione

+ Miei preferiti
La decisione di non ammettere nuovi testimoni accelera la conclusione dell’impeachment, che entro la prossima settimana potrebbe chiudersi come secondo previsioni, con l’assoluzione di Donald Trump.

Ma questo nulla toglie all’aria nefasta che continua a circondare il Senato e l’intero processo su cui si basa la messa in stato d’accusa: nelle scorse ore, l’amministrazione ha rivelato di aver messo il sigillo “top secret” ad una serie di email che probabilmente dimostrerebbero ancora una volta il presunto congelamento degli aiuti promessi all’Ucraina in cambio di un’inchiesta giudiziaria sui Biden. La notizia, rilasciata verso la mezzanotte di venerdì (ora americana), è il primo riconoscimento ufficiale da parte dell’amministrazione Trump dell’esistenza di un fitto carteggio con le autorità ucraine e del preciso piano del Presidente sulla gestione degli aiuti, ma soprattutto il suo diretto coinvolgimento nella questione. Le email sono state secretate con l’obiettivo, ampliamente raggiunto, di tenerle nascoste al Congresso nel corso delle indagini.

Ufficialmente, la decisione di blindare con il segreto di Stato le comunicazioni nasce poiché esprimono “pareri del Presidente, del Vice Presidente o dei consulenti riguardo alle decisioni sulla portata, la durata e lo scopo della sospensione dell’assistenza economica all’Ucraina”.

Il leader Dem del Senato, Chuck Schumer, ha tuonato contro i colleghi: “Ogni singolo senatore repubblicano ha votato per sostenere l’insabbiamento da parte della Casa Bianca di documenti potenzialmente importanti che rivelano la verità. Vi chiedo di non fare errori, perché alla fine la verità verrà fuori e i repubblicani dovranno rispondere del perché sono stati così determinati a permettere al presidente di nascondere ogni cosa”.

È una nuova dose di curaro sulle presunto bugie e manipolazioni di cui Trump sarebbe maestro, che arriva qualche giorno di distanza dallo stop imposto dalla Casa Bianca alla pubblicazione del libro scandalo di John Bolton, ex consigliere la sicurezza nazionale con il dente avvelenato, poiché contiene informazioni “non divulgabili che potrebbero mettere a repentaglio la sicurezza del Paese”.

Stati Uniti
L’ultimo volo di “Mad Mike”
L’ultimo volo di “Mad Mike”
Con un razzo costruito in proprio voleva dimostrare le teorie terrapiattiste: si è schiantato in una zona desertica della California
Lo scandalo della Wells Fargo
Lo scandalo della Wells Fargo
Un nome quasi leggendario del selvaggio West, diventato una delle più potenti banche americane, è finito nelle grane per uno “scandalo sconcertante per dimensione, portata e durata”
Condannato Roger Stone, amico e consigliere di Trump
Condannato Roger Stone, amico e consigliere di Trump
Lobbista di vecchia data, deve scontare 3 anni e 4 mesi di galera per essere stato uno degli artefici del “Russiagate”, facendo da intermediario fra hacker, WikiLeaks e i russi
USA, giustiziato Nicholas Sutton
USA, giustiziato Nicholas Sutton
Era stato condannato a morte per l’omicidio di un altro detenuto, mentre era in galera per scontare la pena per altri tre omicidi. Eppure, perfino i parenti delle sue vittime si sono battute per salvargli la vita
I Boy Scout of America dichiarano bancarotta
I Boy Scout of America dichiarano bancarotta
Centinaia di cause per abusi sessuali subiti da giovani in 72 anni rischiano di non avere mai giustizia e risarcimenti
Virginia, dove tutti vogliono le armi
Virginia, dove tutti vogliono le armi
Da Culpeper County 2A, piccolo centro rurale, è partita una protesta contro il tentativo di limitare il possesso delle armi da fuoco. Tutti sono disposti ad andare contro la legge, compreso lo sceriffo
Huawei accusata di furto di segreti industriali
Huawei accusata di furto di segreti industriali
La procura di Brooklyn avrebbe avviato un’inchiesta, ma l’azienda cinese risponde piccata: in America le backdoor sotto accusa sono obbligatorie per legge
Il killer di El Paso in tribunale
Il killer di El Paso in tribunale
Patrick Crusius, autore lo scorso agosto della strage nel supermercato Walmart costata la vita a 22 persone, è comparso in tribunale per ascoltare le 90 accuse formulate dal giudice sul suo conto. Presenti alcuni dei sopravvissuti
La crisi di Joe Biden
La crisi di Joe Biden
Dato per superfavorito nella corsa alle primarie Dem, l’ex vice di Obama arranca sempre più nei sondaggi. E anche se continua a dispensare ottimismo, la sua corsa appare sempre più in bilico
USA: la volontaria che rubava i fondi della chiesa
USA: la volontaria che rubava i fondi della chiesa
Una donna, responsabile amministrativa della St. Paul’s Baptist Church, nel New Jersey, i cinque anni ha rubato più di mezzo milioni di dollari