Impeachment: top secret le email di Trump sull’Ucrainagate

| L’amministrazione conferma di aver reso documenti sensibili e riservati le email in cui il presidente tratterebbe la delicata questione degli aiuti all’Ucraina. Per Trump sempre più vicina l’assoluzione

+ Miei preferiti
La decisione di non ammettere nuovi testimoni accelera la conclusione dell’impeachment, che entro la prossima settimana potrebbe chiudersi come secondo previsioni, con l’assoluzione di Donald Trump.

Ma questo nulla toglie all’aria nefasta che continua a circondare il Senato e l’intero processo su cui si basa la messa in stato d’accusa: nelle scorse ore, l’amministrazione ha rivelato di aver messo il sigillo “top secret” ad una serie di email che probabilmente dimostrerebbero ancora una volta il presunto congelamento degli aiuti promessi all’Ucraina in cambio di un’inchiesta giudiziaria sui Biden. La notizia, rilasciata verso la mezzanotte di venerdì (ora americana), è il primo riconoscimento ufficiale da parte dell’amministrazione Trump dell’esistenza di un fitto carteggio con le autorità ucraine e del preciso piano del Presidente sulla gestione degli aiuti, ma soprattutto il suo diretto coinvolgimento nella questione. Le email sono state secretate con l’obiettivo, ampliamente raggiunto, di tenerle nascoste al Congresso nel corso delle indagini.

Ufficialmente, la decisione di blindare con il segreto di Stato le comunicazioni nasce poiché esprimono “pareri del Presidente, del Vice Presidente o dei consulenti riguardo alle decisioni sulla portata, la durata e lo scopo della sospensione dell’assistenza economica all’Ucraina”.

Il leader Dem del Senato, Chuck Schumer, ha tuonato contro i colleghi: “Ogni singolo senatore repubblicano ha votato per sostenere l’insabbiamento da parte della Casa Bianca di documenti potenzialmente importanti che rivelano la verità. Vi chiedo di non fare errori, perché alla fine la verità verrà fuori e i repubblicani dovranno rispondere del perché sono stati così determinati a permettere al presidente di nascondere ogni cosa”.

È una nuova dose di curaro sulle presunto bugie e manipolazioni di cui Trump sarebbe maestro, che arriva qualche giorno di distanza dallo stop imposto dalla Casa Bianca alla pubblicazione del libro scandalo di John Bolton, ex consigliere la sicurezza nazionale con il dente avvelenato, poiché contiene informazioni “non divulgabili che potrebbero mettere a repentaglio la sicurezza del Paese”.

Stati Uniti
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari
Trump: la politica dell’autodistruzione
Trump: la politica dell’autodistruzione
In vistoso e preoccupante calo nei sondaggi, il presidente è inerme e senza idee di fronte alla recrudescenza di contagi e alle proteste razziali
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Cinque morti, fra cui due fratellini di 7 e 17 anni, in una delle vicende più assurde di sempre, che da mesi tiene l’America con il fiato sospeso
Mary Trump, la vendetta della nipotina
Mary Trump, la vendetta della nipotina
È in corso un’altra battaglia per evitare la pubblicazione dell’ennesimo libro dedicato alla discussa figura di Trump. Questa volta l’ha scritto sua nipote, che promette di svelare 50 anni di arcani e porcherie finanziarie del presidente
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
Una furiosa resa dei conti pare abbia impegnato il presidente e il suo staff nel viaggio di ritorno alla Casa Bianca. Tutti sono al lavoro per studiare come proseguire nella campagna elettorale, senza rinunciare agli eventi
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
L’esordio pubblico del presidente vittima di un passaparola giovanile, con migliaia di prenotazioni di posti da lasciare rigiorosamente vuoti. A lanciare il tam-tam una signora dell’Iowa