In un libro la verità sull’Ucrainagate

| Imbarazzo fra i Repubblicani per il libro di John Bolton, che svelato in anteprima dal New York Times dice di avere le prove che gli aiuti all’Ucraina furono bloccati per pretendere un’inchiesta sui Biden

+ Miei preferiti
Trump ci era quasi riuscito: sull’impeachment stava miseramente calando la morbosa attenzione dei media internazionali, come tutte le questioni che dopo un po’ danno alla noia perché non succede più nulla, al pari dell’infinita Brexit degli inglesi. Ma la realtà americana è spesso simile ai loro stessi film, con i colpi di scena improvvisi che cambiano tutto.

A dare nuova spinta e vigore alla procedura di messa in stato di accusa, per giorni e giorni impantanata in parole, discussioni e dibattiti infiniti, serviva qualcosa in più, un’impennata, la scossa capace di far tremare il prezioso vasellame della Casa Bianca e gli enormi lampadari in cristallo di Capitol Hill. Un sussulto che è arrivato puntale, disseminato in 528 pagine per di più firmate da John Bolton, classe 1948, un nome che pesa: avvocato di lungo corso di Baltimora ed ex rappresentante permanente alle Nazioni Unite, era stato voluto da Trump in persona nella sua squadra di fedelissimi il 9 aprile 2018 come Consigliere per la Sicurezza Nazionale, e licenziato senza preavviso il 10 settembre dell’anno successivo. Come spesso accade a chi passa attraverso la “cura Trump”, Bolton non l’ha presa affatto bene, e lasciando la White House dev’essersi accorto di un paio di sassolini appuntiti rimasti nelle scarpe.

Sassolini diventati macigni nelle pagine di “The Room Where is Happened”, letteralmente “la stanza dove tutto è successo”, un titolo a cui servono poche spiegazioni. Il volume, atteso nelle librerie il prossimo 17 marzo, è finito in anteprima nelle mani del “New York Times” che ne ha dato ampie anticipazioni, avvisando che contiene la possibile “svolta” dell’impeachment, la “smoking gun”, la pistola fumante che nei gialli serve alla polizia per incastrare l’assassino.

Nel caso di Bolton, ci sarebbe la prova definitiva che le ricostruzioni dell’Ucrainagate erano reali e fondate: Donald Trump avrebbe davvero trattenuto 391 milioni di dollari in aiuti militari approvati dal Congresso e promessi all’Ucraina fin quando il governo non avesse aperto un’indagine sul suo rivale Dem Joe Biden e suo figlio Hunter. Un colpo alle ginocchia del team di avvocati di Trump, che ha basato tutto l’impianto difensivo sull’idea che il blocco del denaro non fosse una merce di scambio, ma il frutto di una preoccupazione che Trump, da statista di razza, nutriva sulla dilagante corruzione dell’Ucraina.

Scendendo nel dettaglio, il volume rivela che nell’agosto 2019, nel corso di una riunione, Bolton aveva introdotto nel panel delle questioni da discutere proprio il pacchetto di aiuti all’Ucraina, ancora bloccato, esprimendo la propria preoccupazione perché la scadenza del termine era ormai prossima. Ma Trump era stato inamovibile, affermando che non avrebbe dato ordine di sbloccare nulla fin quando non avrebbe avuto notizia dell’avvio dell’indagine ai carico dei Biden. Bolton si era permesso di insistere, temendo le ripercussioni di uno stanziamento deciso dal Congresso: come lui la pensavano il segretario di Stato Mike Pompeo e il segretario alla difesa Mark T. Esper, ma Trump era stato inflessibile, ricordando a tutti che nel 2016 l’Ucraina aveva apertamente fatto il tifo per Hillary Clinton, e come tale andava considerato un paese politicamente ostile.

Non basta ancora: tempo dopo Pompeo avrebbe confidato a Bolton che le accuse mosse contro l’ambasciatrice americana in Ucraina, Marie Yovanovich, erano del tutto false e create ad arte da Rudy Giuliani perché considerava la diplomatica un elemento di fastidio per alcuni “dei suoi clienti”.

Anche il procuratore generale William Barr avrebbe confidato a Bolton diversi timori: Trump sembrava intenzionato a concedere favori ai leader di Cina e Turchia influendo su alcune indagini in corso nel Dipartimento di Giustizia.

Parallelamente a tutto questo, come, quando e perché il libro sia finito nelle mani del NYT resta un mistero: secondo il regolamento, Bolton aveva depositato alcune copie in anteprima alla divisione del Consiglio di Sicurezza Nazionale che si occupa della gestione dei documenti per l’eventuale revisione e perché verificasse che non rivelava informazioni classificate. Ma visto che Bolton e il suo editore, la “Simon & Schuster”, negano con forza di aver inviato il manoscritto al quotidiano, l’unica alternativa possibile è che sia partito dalla stessa Casa Bianca, per mano di qualcuno che non vede l’ora di vedere Trump uscire di scena. Non sarebbe la prima volta che personale dello staff lavora nell’ombra per fermare il presidente.

Inevitabilmente, le rivelazioni hanno riacceso le possibilità di ascoltare nuovi testimoni al Senato: perché succeda servono 51 voti, e i Dem dispongono solo di 47. Ma la “smoking gun” di Bolton, specchiato uomo di destra e reazionario, sembra aver fatto centro: diversi Repubblicani, come Mitt Romney, Lamar Alexander, Patrick Toomey, Susan Collins e Ron Johson si sono detti favorevoli o molto vicini a esserlo, perché a questo punto vogliono vederci chiaro anche loro.

Furiosa e sprezzante la reazione di Trump: “Non ho mai detto a Bolton che l’aiuto all’Ucraina era legato alle indagini sui Biden: se lui l’ha affermato, è solo per vendere il libro”.

Galleria fotografica
In un libro la verità sull’Ucrainagate - immagine 1
Stati Uniti
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari
Trump: la politica dell’autodistruzione
Trump: la politica dell’autodistruzione
In vistoso e preoccupante calo nei sondaggi, il presidente è inerme e senza idee di fronte alla recrudescenza di contagi e alle proteste razziali
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Cinque morti, fra cui due fratellini di 7 e 17 anni, in una delle vicende più assurde di sempre, che da mesi tiene l’America con il fiato sospeso
Mary Trump, la vendetta della nipotina
Mary Trump, la vendetta della nipotina
È in corso un’altra battaglia per evitare la pubblicazione dell’ennesimo libro dedicato alla discussa figura di Trump. Questa volta l’ha scritto sua nipote, che promette di svelare 50 anni di arcani e porcherie finanziarie del presidente
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
Una furiosa resa dei conti pare abbia impegnato il presidente e il suo staff nel viaggio di ritorno alla Casa Bianca. Tutti sono al lavoro per studiare come proseguire nella campagna elettorale, senza rinunciare agli eventi
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
L’esordio pubblico del presidente vittima di un passaparola giovanile, con migliaia di prenotazioni di posti da lasciare rigiorosamente vuoti. A lanciare il tam-tam una signora dell’Iowa