Incinta ferita, il feto muore, lei accusata di omicidio

| Una donna le ha sparato 5 colpi di pistola nell'addome, il bimbo che portava in grembo è morto ma per i giudici dell'Alabama la madre è colpevole di omicidio. L'assassina? E' libera. Rivolta social

+ Miei preferiti
Di Maria Lopez
Una donna dell'Alabama che è stata colpita nello stomaco da un colpo di pistola mentre era incinta -  i proiettili hanno ucciso il feto - è stata accusata di omicidio colposo. Marshae Jones era incinta di cinque mesi quando è stata ferita da un'altra donna in dicembre fuori da un negozio a Pleasant Grove, vicino a Birmingham. Mercoledì scorso, Jones, 27 anni, è stato incriminata da una  giuria della contea di Jefferson con l'accusa di omicidio colposo e dovrebbe essere tenuto nel carcere della contea di Jefferson con una cuazione di 50.000 dollari, mentre la donna accusata di averle sparato è libera, ha riferito AL.com.
Il caso ha sollevato l'allarme fra i gruppi a favore della scelta, la  "prova choc" di come le leggi restrittive dell'aborto della condizione ora stanno usando contro le donne incinte. L'indagine ha indicato che l'unica vera vittima in questo era il bambino non ancora nato", ha detto il tenente Danny Reid della polizia di Pleasant Grove dopo la sparatoria, ha riferito AL.com e. "E' stata la madre del bambino che ha iniziato e continuato una lite che ha portato alla morte del proprio figlio non ancora nato".
Il casingolare caso viene alla liuce dopo che il governatore dell'Alabama, Kay Ivey, ha firmato a maggio una legge che vieta l'aborto in quasi tutte le circostanze - compresi stupro e incesto - che pone una sfida alla Corte Suprema che ha garantito i diritti di aborto in tutta la nazione.
L'Alabama è uno dei 38 stati con leggi che riconoscono il feto come potenziale vittima. È anche uno stato "stand-your-ground", il che significa che le persone possono usare la forza fisica per difendersi se la loro ragione è considerata "giustificabile". La sentenza ha suscitato proteste su Twitter - anche da parte di gruppi favorevoli all'aborto, che si sono espressi a favore di Jones. "Marshae Jones è stato incriminatq per omicidio colposo per aver perso una gravidanza dopo essere stato colpito nell'addome CINQUE volte", e chi ha sparato è libero", ha scritto il gruppo dl Yellowhammer Fund su Twitter. "Stiamo per far uscire Marshae dal carcere e assisterla con la sua rappresentanza legale". Ilyse Hogue, presidente di Naral Pro-Choice America, ha twittato: "Marshae Jones è stata incriminata per omicidio quando qualcuno le ha sparato allo stomaco mentre era incinta, ponendo fine alla sua gravidanza. Hanno detto che ha iniziato lei. L'assassina  è tranquillamente fuori dal carcere. Questo è quel che succede nel 2019 a una donna incinta di colore senza . Questo accade ora".
 
Stati Uniti
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia