Ingresso vietato negli Usa per i killer di Khashoggi

| L’annuncio del segretario di Stato Mike Pompeo, “per gravi violazioni dei diritti umani”. Una presa di posizione tardiva, resa necessaria da rapporti dei servizi segreti e inchieste giornalistiche

+ Miei preferiti
L’annuncio di Mike Pompeo, segretario di Stato americano, è la prima risposta concreta della Casa Bianca alle richieste del Congresso di assumere una posizione ferma in merito all’efferato omicidio del giornalista Jamal Khashoggi, il collaboratore del “Washington Post” assassinato lo scorso 2 ottobre all’interno del consolato saudita di Istanbul. 

A riferirlo è il Dipartimento di Stato Americano: “Il segretario di Stato Mike Pompeo denuncia pubblicamente le seguenti persone per i loro ruoli nell’omicidio di Jamal Khashoggi: secondo informazioni credibili sono coinvolti in gravi violazioni dei diritti umani”. La sanzione – che si estende anche ai familiari – prevede il divieto assoluto per 16 sauditi di entrare negli Stati Uniti, e arriva dopo la revoca del visto ad una ventina di funzionari sauditi e al congelamento dei fondi di altre 17 persone in qualche modo legale al regno di Riad. Fra questi spicca il nome di Saud-al-Qahtani, ex consigliere personale del principe Mohammed bin Salman, e Maher Mutreb, uno dei probabili capi della squadra che eliminò Kashoggi.

Secondo alcuni rapporti della Cia passati al vaglio del Congresso, nell’omicidio del giornalista emergerebbe un coinvolgimento diretto del principe ereditario saudita. Sospetti resi ancor più validi da un’inchiesta del “New York Times” su una campagna segreta voluta dal principe per mettere a tacere i dissidenti utilizzando tutti i mezzi a disposizione, leciti e illeciti. È stato anche accertato che la squadra di specialisti che eliminò Kashoggi, giunta appositamente da Riad, avrebbe partecipato ad almeno dodici operazioni simili a partire dal 2017: in molti casi, il team riuscì a riportare in patria cittadini sauditi residenti all’estero, subito ingoiati dalle prigioni e di cui non si sa più nulla. Rivelazioni che avevano creato un certo imbarazzo nello staff presidenziale, fino a quel momento portato a mantenere una linea morbida verso bin Salman, il principe che da sempre si dichiara estraeo alla morte del giornalista.

Stati Uniti
I giovani americani e il test del giovedì
I giovani americani e il test del giovedì
Sta prendendo piede un po’ ovunque: ci si sottopone al tampone il giovedì per poter trascorrere il weekend in piena libertà. Ma gli esperti ammoniscono: attenzione, non funziona così
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
La Purdue Pharma si dichiara colpevole
L’azienda ritenuta responsabile della crisi sanitaria degli oppiacei ammette di aver giocato sporco favorendo la diffusione degli antidolorifici. Niente galera per proprietari e dirigenti ma una sanzione colossale
La città degli angeli (e dei morti)
La città degli angeli (e dei morti)
Los Angeles ha raggiunto i 300 omicidi dall’inizio dell’anno: quasi tutti sono avvenuti per strada, dove ormai la legge sembra non arrivare più
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
L’addio di Trump, costellato di condanne a morte
Dopo Orlando Hall, giustiziato giovedì scorso, l’8 dicembre l’iniezione letale toccherà a Lisa Montgomery, seguita l’11 da Alfred Bourgeois. Il 14 gennaio entrerà nella death room Cory Johnson, seguito il giorno successivo a Dustin Higgs
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Covid-19: neri e ispanici muoiono più dei bianchi
Secondo uno studio, l’aspettativa di vita dei neri e latino-americani in America si ridurrà a causa della pandemia. Non è solo una questione genetica, ma le conseguenze di una società in cui la disuguaglianza è pura normalità
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Il clan Trump scalpita per entrare in politica
Lara, moglie di Eric, sarebbe pronta per candidarsi al Senato in North Carolina, mentre Ivanka sogna di fare il sindaco di New York e suo fratello Don Jr. è tentato dalle presidenziali del 2024
Gli strateghi della battaglia di Trump
Gli strateghi della battaglia di Trump
Secondo il “Washington Post”, Rudy Giuliani e Steve Bannon guiderebbero il “dream team” del presidente con l’obiettivo di ritardare quanto più possibile la certificazione finale dei risultati elettorali per delegittimare Biden
Trump: i giorni della vendetta
Trump: i giorni della vendetta
Poche ore fa, con un Tweet, il presidente ha licenziato il capo della cybersecurity, dopo aver liquidato il Segretario alla Difesa Mark Esper. E altre due teste potrebbero saltare a breve: i direttori della CIA e dell’FBI
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Più 82mila Boy Scout hanno denunciato abusi e violenze
Dallo scandalo emerso dopo un’inchiesta del “NY Times”, si è aperta una voragine che ha letteralmente travolto la più antica organizzazione scoutistica del mondo. Ma secondo gli esperti è solo la punta dell’iceberg
La discesa di Jared e Ivanka, che New York non vuole più
La discesa di Jared e Ivanka, che New York non vuole più
La scena sociale a cui erano abituati prima della parentesi politica ha già iniziato a prendere le distanze dalla “coppia reale”, in realtà mai troppo digerita