Ingresso vietato negli Usa per i killer di Khashoggi

| L’annuncio del segretario di Stato Mike Pompeo, “per gravi violazioni dei diritti umani”. Una presa di posizione tardiva, resa necessaria da rapporti dei servizi segreti e inchieste giornalistiche

+ Miei preferiti
L’annuncio di Mike Pompeo, segretario di Stato americano, è la prima risposta concreta della Casa Bianca alle richieste del Congresso di assumere una posizione ferma in merito all’efferato omicidio del giornalista Jamal Khashoggi, il collaboratore del “Washington Post” assassinato lo scorso 2 ottobre all’interno del consolato saudita di Istanbul. 

A riferirlo è il Dipartimento di Stato Americano: “Il segretario di Stato Mike Pompeo denuncia pubblicamente le seguenti persone per i loro ruoli nell’omicidio di Jamal Khashoggi: secondo informazioni credibili sono coinvolti in gravi violazioni dei diritti umani”. La sanzione – che si estende anche ai familiari – prevede il divieto assoluto per 16 sauditi di entrare negli Stati Uniti, e arriva dopo la revoca del visto ad una ventina di funzionari sauditi e al congelamento dei fondi di altre 17 persone in qualche modo legale al regno di Riad. Fra questi spicca il nome di Saud-al-Qahtani, ex consigliere personale del principe Mohammed bin Salman, e Maher Mutreb, uno dei probabili capi della squadra che eliminò Kashoggi.

Secondo alcuni rapporti della Cia passati al vaglio del Congresso, nell’omicidio del giornalista emergerebbe un coinvolgimento diretto del principe ereditario saudita. Sospetti resi ancor più validi da un’inchiesta del “New York Times” su una campagna segreta voluta dal principe per mettere a tacere i dissidenti utilizzando tutti i mezzi a disposizione, leciti e illeciti. È stato anche accertato che la squadra di specialisti che eliminò Kashoggi, giunta appositamente da Riad, avrebbe partecipato ad almeno dodici operazioni simili a partire dal 2017: in molti casi, il team riuscì a riportare in patria cittadini sauditi residenti all’estero, subito ingoiati dalle prigioni e di cui non si sa più nulla. Rivelazioni che avevano creato un certo imbarazzo nello staff presidenziale, fino a quel momento portato a mantenere una linea morbida verso bin Salman, il principe che da sempre si dichiara estraeo alla morte del giornalista.

Stati Uniti
La brutta avventura di Tiger Woods
La brutta avventura di Tiger Woods
Il grande campione di golf si sta riprendendo dall’intervento chirurgico a cui è stato sottoposto dopo un grave incidente automobilistico. La polizia al lavoro per chiarire la dinamica dell’accaduto, che non ha coinvolto altri veicoli
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
La Corte Suprema ordina a Trump di consegnare i documenti fiscali
Strana spianata all’indagine su finanziamenti illeciti di un procuratore distrettuale di New York. Per l’ex presidente si tratta di una sonora sconfitta: finora era sempre riuscito a nascondere l’entità del suo impero
Arrestata la moglie di El Chapo
Arrestata la moglie di El Chapo
L’ex reginetta di bellezza Emma Coronel Aispuro, 31 anni, è accusata di aver introdotto negli Stati Uniti ingenti quantitativi di droga. La donna era tenuta da tempo sotto stretta sorveglianza dall'FBI
Il peso di 500.000 morti
Il peso di 500.000 morti
Una cifra impressionante, che costringe Biden e Fauci a trattenere l’ottimismo: la corsa al vaccino è iniziata, ma quello che potrebbe accadere con le nuove varianti toglie il sonno
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
Nuove prove sulla morte di Malcolm X
La famiglia di un ex agente di polizia svela una lettera secondo cui l’FBI e il Dipartimento di Polizia di New York sarebbero i veri mandanti dell’omicidio del leader dei diritti civili
Disastro aereo sfiorato a Denver
Disastro aereo sfiorato a Denver
Esplode uno dei motori di un Boeing in fase di decollo, seminando detriti metallici in una zona abitata. Nessuna conseguenza per le 241 persone a bordo
La vacanza del senatore, mentre «snownado» piega il Texas
La vacanza del senatore, mentre «snownado» piega il Texas
Il quotatissimo Ted Cruz paparazzato con la famiglia mentre partiva per una vacanza in Messico. Travolto dalle critiche è rientrato di corsa, ma la sua carriera potrebbe finire qui
Il Texas in ginocchio
Il Texas in ginocchio
Milioni di persone bloccate senza luce e acqua, mentre si registrano le prime carenze di cibo. Il presidente Biden ha chiesto lo stato di emergenza
Joe Lingon, libero dopo 68 anni di galera
Joe Lingon, libero dopo 68 anni di galera
Il più anziano e longevo ergastolano di tuta l’America è tornato ad essere un uomo libero. Aveva rifiutato per tre volte la libertà condizionata
Trump all’attacco dei repubblicani
Trump all’attacco dei repubblicani
L’ex presidente è tornato a far sentire la propria voce, dando di fatto il via alla resa dei conti in casa repubblicana. Nel mirino chi ha votato perché fosse condannato e il leader McConnell, “un cupo scribacchino”