Ivanka, Jared e quelli
per cui le regole non valgono

| La figlia di Trump e il marito hanno passato la Pasqua spostandosi a piacimento, e la satira li ha massacrati: basta chiamarsi Trump per sentirsi automaticamente immune a regole e leggi

+ Miei preferiti
In Italia abbiamo Sara Cunial, 40 anni, no-vax, entrata in Parlamento grazie ai 5Stelle che poi l’hanno scaricata: il giorno di Pasqua, mentre l’Italia viveva forse uno dei giorni più surreali della propria storia recente, la polizia la ferma sulla strada del mare che da Roma porta verso i litorali laziali. Lei accampa “motivi istituzionali” e qualche giorno dopo si vanta di non aver preso neanche la multa, rivendicando il diritto di spostamento in quanto parlamentare.

Cose all’italiana, si direbbe, ma non lamentiamoci troppo, perché nelle file del “lei non sa chi sono io”, in America hanno appena assoldato nientemeno che Ivanka Trump e suo marito Jared Kushner, altri due soggetti convinti che le regole per loro non valgono.

L’8 aprile, poco prima di mezzogiorno, Ivanka Trump ha twittato un messaggio diretto alla comunità ebrea che si preparava a festeggiare la Pasqua: “Stasera ci riuniamo per celebrare un sedar (il primo giorno della Pasqua ebraica) senza precedenti”. Poco dopo, Ivanka, Jared e i loro tre figli ha infranto il divieto di spostamento andando in macchina da Washington al “Trump National Golf Club Bedminster”, nel New Jersey.

La Casa Bianca ha tentato una difesa: “Il viaggio non era diverso da uno di lavoro: a Bedminster Ivanka ha messo in pratica il distanziamento sociale e il lavoro da remoto. Il suo non è stato un viaggio con veicoli commerciali: ha solo scelto di trascorrere una vacanza in privato con la sua famiglia”.

Apriti cielo: Ivanka e consorte si sono conquistati le prime pagine, diventando bersaglio di satire taglienti e ironie senza sconti. “La regola della legge “fai-da-te” è un classico esempio del modo in cui Trump e la sua covata si sono comportati per tutta la vita, ma ancora di più da quando sono arrivati alla Casa Bianca. Il messaggio è che le regole sono importanti e tutti devono seguirle, a meno che non siate imparentati con Trump, nel qual caso avrete la possibilità di stabilire quando e come farlo”.

Michael D’Antonio, autore di una biografia non autorizzata di Trump pubblicata nel 2016: “La conclamata tendenza di Donald a mettere in ombra la verità, a infrangere le regole e a ignorare i danni che provoca sono diventate evidenti fin dalla sua comparsa, quando si è fatto un nome fra i palazzinari di New York, e continuano a essere una parte essenziale del suo carattere. Ora, come Presidente, si è convinto che i limiti del suo ufficio, a cui i suoi predecessori si attenevano scrupolosamente, non possano applicarsi a lui”.

“Le regole, per Trump e la sua famiglia, sono cose che gli altri devono seguire, ma non loro, perché in quanto appartenenti alla dinastia immuni da leggi, regole e norme. Ciò che rende il viaggio della Pasqua ebraica di Ivanka e Jared molto peggiore è che non solo si fanno beffe di quello che milioni di americani stanno rispettando con grande fatica, ma lo fanno mentre tentano di spacciare l’immagine di gente che fa sacrifici: basta seguire Ivanka sui suoi social per capirlo. L’idea di fondo è chiara: impegnarsi a convincere l’opinione pubblica che lei è una persona normale, attenta e scrupolosa, quando in realtà è esattamente come suo padre, se non peggio”.

Stati Uniti
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia