Joe chiama Michelle: insieme per battere Trump

| Biden sogna l’ex first lady come vice presidente, certo che la sua presenza così amata e influente gli darebbe la certezza di rimandare a casa Trump. Ma lei non sembra per nulla interessata

+ Miei preferiti
È da quando gli Obama hanno lasciato la Casa Bianca, al termine del secondo mandato di Barack, che gli Stati Uniti sperano in una discesa in campo di Michelle, una delle First Lady più amate della storia. Ma lei, forse per aver assistito con i propri occhi a quanto complicato sia il ruolo di leader della più grande potenza mondiale, ha sempre risposto picche.

Ma ora, c’è una nuova speranza a farsi strada: che Michelle dica sì alle lusinghe di Joe Biden, candidato Dem alla sfida presidenziale e grande amico degli Obama. È stato proprio Joe a lasciare qualche spiraglio di speranza nel corso di un’intervista, rispondendo alla domanda sulla sua scelta per il ruolo di vicepresidente. “La prenderei al volo: è brillante, conosce il ruolo ed è una figura molto amata. In più, gli Obama sono dei grandissimi amici”.

Un’ammissione che in realtà affonda nella promessa di Biden di scegliere una donna come vice, che con l’ex first lady significherebbe addirittura giocarsi il jolly. Secondo la “Gallup”, celebre società americana di analisi, fra il 2018 e l’anno successivo Michelle Obama è stata una delle donne più ammirate del mondo, quindi – per deduzione - non c’è un’altra donna in America che Biden potrebbe scegliere come suo VP per mettere al caldo le possibilità di vittoria contro Trump.

La vera domanda però non è se Michelle sia disposta o meno ad aiutare Biden, quanto piuttosto se accetterebbe di tornare alla Casa Bianca. Finora, tutti i segnali suggeriscono che la risposta alla domanda sia un secco e ostinato “no”.

Nel suo libro, venduto in 10 milioni di copie in tutto il mondo, Michelle l’ha detto senza mezzi termini: “Non ho alcuna intenzione di candidarmi, né ora e né mai”. Una decisione a cui l’ex first lady ha dato una spiegazione: il suo periodo alla Casa Bianca le aveva reso impossibile vivere una vita normale: “Non si può passare la vita dietro il finestrino scuro di una macchina. La mia famiglia ha sacrificato tutto questo, e sia chiaro non è una lamentela, ma proprio perché ci sono passata, candidarmi vorrebbe dire risalire su quella macchina con i finestrini scuri”.

Chi è vicino agli Obama è altrettanto scettico sul fatto che una carica politica sarà mai nel futuro dell’ex first lady. “Penso che abbia la stessa possibilità di entrare nelle file dei ballerini del Bolshoi di Mosca - ha commentato ironicamente l’ex capo stratega di Obama, David Axelrod - non succederà mai. Ha dedicato parte della sua vita al paese, e ora userà la sua incredibile popolarità per fare del bene, ma non attraverso la politica”.

Ma come ricordano gli analisti, questa è la politica, baby: quando qualcuno dice di non essere interessato, c’è sempre qualche motivo per essere un po’ scettici. Dopo tutto, Barack Obama aveva negato categoricamente qualsiasi interesse a candidarsi alla presidenza nel 2008, e sappiamo come è andata a finire.

È vero, a differenza di Barack, che era già attivamente in politica, Michelle non ha mai voluto candidarsi a nulla, ma è comunque impossibile escludere del tutto la possibilità che la signora Obama accetti la carica di vice presidente, perché se Biden riuscisse a convincerla che insieme avrebbero maggiori probabilità di mettere fine alla presidenza di Trump, potrebbe far leva sul suo forte senso del patriottismo.

Stati Uniti
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi
Chicago, sparatoria al funerale
Chicago, sparatoria al funerale
Nessuna vittima ma 14 feriti per quella che doveva essere una strage: Trump minaccia di inviare le truppe federali per riportare l’ordine, ma il sindaco dice di no
New York, in aumento i casi di violenza
New York, in aumento i casi di violenza
Una preoccupante impennata di sparatorie, morti e feriti nella Grande Mela, ormai ex città “più sicura d’America”. Fra le cause povertà, disoccupazione e rabbia