Joe chiama Michelle: insieme per battere Trump

| Biden sogna l’ex first lady come vice presidente, certo che la sua presenza così amata e influente gli darebbe la certezza di rimandare a casa Trump. Ma lei non sembra per nulla interessata

+ Miei preferiti
È da quando gli Obama hanno lasciato la Casa Bianca, al termine del secondo mandato di Barack, che gli Stati Uniti sperano in una discesa in campo di Michelle, una delle First Lady più amate della storia. Ma lei, forse per aver assistito con i propri occhi a quanto complicato sia il ruolo di leader della più grande potenza mondiale, ha sempre risposto picche.

Ma ora, c’è una nuova speranza a farsi strada: che Michelle dica sì alle lusinghe di Joe Biden, candidato Dem alla sfida presidenziale e grande amico degli Obama. È stato proprio Joe a lasciare qualche spiraglio di speranza nel corso di un’intervista, rispondendo alla domanda sulla sua scelta per il ruolo di vicepresidente. “La prenderei al volo: è brillante, conosce il ruolo ed è una figura molto amata. In più, gli Obama sono dei grandissimi amici”.

Un’ammissione che in realtà affonda nella promessa di Biden di scegliere una donna come vice, che con l’ex first lady significherebbe addirittura giocarsi il jolly. Secondo la “Gallup”, celebre società americana di analisi, fra il 2018 e l’anno successivo Michelle Obama è stata una delle donne più ammirate del mondo, quindi – per deduzione - non c’è un’altra donna in America che Biden potrebbe scegliere come suo VP per mettere al caldo le possibilità di vittoria contro Trump.

La vera domanda però non è se Michelle sia disposta o meno ad aiutare Biden, quanto piuttosto se accetterebbe di tornare alla Casa Bianca. Finora, tutti i segnali suggeriscono che la risposta alla domanda sia un secco e ostinato “no”.

Nel suo libro, venduto in 10 milioni di copie in tutto il mondo, Michelle l’ha detto senza mezzi termini: “Non ho alcuna intenzione di candidarmi, né ora e né mai”. Una decisione a cui l’ex first lady ha dato una spiegazione: il suo periodo alla Casa Bianca le aveva reso impossibile vivere una vita normale: “Non si può passare la vita dietro il finestrino scuro di una macchina. La mia famiglia ha sacrificato tutto questo, e sia chiaro non è una lamentela, ma proprio perché ci sono passata, candidarmi vorrebbe dire risalire su quella macchina con i finestrini scuri”.

Chi è vicino agli Obama è altrettanto scettico sul fatto che una carica politica sarà mai nel futuro dell’ex first lady. “Penso che abbia la stessa possibilità di entrare nelle file dei ballerini del Bolshoi di Mosca - ha commentato ironicamente l’ex capo stratega di Obama, David Axelrod - non succederà mai. Ha dedicato parte della sua vita al paese, e ora userà la sua incredibile popolarità per fare del bene, ma non attraverso la politica”.

Ma come ricordano gli analisti, questa è la politica, baby: quando qualcuno dice di non essere interessato, c’è sempre qualche motivo per essere un po’ scettici. Dopo tutto, Barack Obama aveva negato categoricamente qualsiasi interesse a candidarsi alla presidenza nel 2008, e sappiamo come è andata a finire.

È vero, a differenza di Barack, che era già attivamente in politica, Michelle non ha mai voluto candidarsi a nulla, ma è comunque impossibile escludere del tutto la possibilità che la signora Obama accetti la carica di vice presidente, perché se Biden riuscisse a convincerla che insieme avrebbero maggiori probabilità di mettere fine alla presidenza di Trump, potrebbe far leva sul suo forte senso del patriottismo.

Stati Uniti
Brandon Hole, 19 anni e 8 morti
Brandon Hole, 19 anni e 8 morti
È il numero delle vittime che un giovane affetto da problemi mentali ha fatto in un magazzino a Indianapolis. Si tratta della 45esima strage avvenuta in America dall’inizio dell’anno, e ancora una volta Biden chiede che sia l’ultima
Ancora sangue sulle strade americane
Ancora sangue sulle strade americane
Un uomo armato di mitragliatrice ha fatto una strage in un magazzino logistico a Indianapolis. Mentre da Chicago arrivano le inquietanti immagini dell’uccisione senza motivo di Adam Toledo, un 13enne
Sesso, droga & deputati
Sesso, droga & deputati
Emergono dettagli sullo scandalo che ha come protagonista unico il deputato repubblicano della Florida Matt Gaetz, sospettato di avere una passione smodata per le minorenni
Una nuova indagine sulla Cina ogni 10 ore
Una nuova indagine sulla Cina ogni 10 ore
È quanto ha dichiarato Christopher Wray, direttore dell’FBI, raccontando davanti al Senato di 2.000 indagini collegate a Pechino, una presenza forte, costante e insidiosa
L’agente Kim Potter accusata di omicidio
L’agente Kim Potter accusata di omicidio
L’ormai ex agente di polizia di Minneapolis che ha ucciso Daunte Wright arrestata e rilasciata su cauzione. Rischia fino a 10 anni di carcere, mentre per la strade la rabbia aumenta
Terremoto nel Dipartimento di polizia di Minneapolis
Terremoto nel Dipartimento di polizia di Minneapolis
Si sono dimessi il capo del dipartimento e Km Potter, l’agente che ha ucciso Duane Wright con un colpo di pistola credendo di avere in mano il teaser. Intanto in città cresce la tensione
Afroamericano ucciso dalla polizia, torna la tensione a Minneapolis
Afroamericano ucciso dalla polizia, torna la tensione a Minneapolis
Daunte Wright, 20 anni, ucciso da un agente mentre tentava di opporsi all’arresto. I manifestanti sono tornati per le strade minacciando la polizia. In città la tensione è già alta per il processo per la morte di George Floyd
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Philip Adams, con una lunga carriera nella massima divisione del football americano, prima di togliersi la vita ha ucciso un medico, sua moglie, due dei loro nipoti e un tecnico che lavorava ad un impianto di aria condizionata
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Il presidente promette di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per limitare l’uso delle armi da fuoco, a cominciare dalle “ghost guns”, kit di montaggio venduti liberamente senza alcun controllo
New York, la grande fuga dei ricconi
New York, la grande fuga dei ricconi
L’aumento della tassazione per chi guadagna un milione di dollari all’anno ha messo le ali ai piedi dei Paperoni newyorkesi, indecisi se prendere casa a Miami o Austin, in Texas