Joel Francisco, il caso che divide l’America

| Scarcerato per un cavillo legale reso possibile dalla riforma della giustizia, è tornato alla vita di prima, uccidendo un uomo di 44 anni

+ Miei preferiti
Il caso di Joel Francisco è una pietra miliare della riforma della giustizia penale, approvata con il sostegno del presidente Trump e il raro sostegno bipartisan, grazie a cui gente come Francisco poteva usufruire di una seconda possibilità grazie ad una riduzione della pena per condanne di spaccio. Dietro le sbarre, l’ex pusher aveva fatto “sforzi significativi per la riabilitazione post condanna” e si era dissociato dalla sua banda, impegnandosi “ad una vita rispettosa della legge”.

A febbraio, con l’approvazione dei pubblici ministeri federali e di un giudice del tribunale distrettuale, Francisco è diventato uno dei primi prigionieri federali ad essere scarcerato per il “First Step Act”. Ma le promesse sono durate poco: il mese scorso è stato nuovamente arrestato, questa volta con l’accusa di aver pugnalato a morte il 46enne Troy Pine a Providence, in Rhode Island.

Secondo il Dipartimento della Giustizia più di 4.700 detenuti sono stati rilasciati in base alla legge, e si ritiene che Francisco sia il primo di loro ad essere accusato di omicidio. Il suo caso sta sollevando domande e facendo riemergere le preoccupazioni da chi aveva criticato la legge fin dall’inizio.

“Questo caso è sconvolgente, ma non è una sorpresa - ha commentato il senatore Tom Cotton, uno dei maggiori critici del disegno di legge in Campidoglio - lasciare i criminali violenti uscire di prigione porta a più crimini e più vittime”.

Per la polizia di Providence, Francisco era un vecchio cliente delle celle. Soprannominato “principe ereditario”, apparteneva alla banda dei Latin Kings e già a 19 anni era stato condannato per aggressione. Nel 2004 era diventato  il principale indiziato di traffico di droga. Fu arrestato quell’anno insieme a diversi altri spacciatori accusati di spaccio di cocaina e crack. È stato condannato al carcere a vita per recidiva grazie al cumulo delle due condanne precedenti.

Il suo rilascio aveva sollevato forti dubbi nell’opinione pubblica. “Spero che si sia riabilitato, ma dopo averlo conosciuto ho seri dubbi”, aveva commentato il comandante della polizia Thomas Verdi al “Providence Journal”: “Ha una forte propensione alla violenza”. Il rilascio rientrava in una disposizione del First Step Act che punta a compensare una disparità delle condanne federali che avevano visto gli spacciatori di crack condannati affrontare un periodo di prigione molto più lungo rispetto a chi spacciava crack. Il divario nelle condanne, che ha avuto un impatto enorme, è stato ridotto nel 2010. A partire dal mese scorso, 1.540 persone sono state rilasciate come risultato del provvedimento di “drug resentencing”.

Appena esce, Francisco si trasferisce in un piccolo appartamento collegato alla chiesa di cui suo padre è il pastore. In una breve intervista il mese scorso, Samuel Francisco ha assicurato che stava cercando di rimettere in carreggiata la vita di suo figlio.

Quando ha fatto domanda per il rilascio anticipato, Francisco aveva accumulato 360 ore di lezioni di arti culinarie e guadagnato certificati per i corsi medici sull’abuso di droga.

Ma nel luglio scorso, Joel Francisco è tornato in custodia, accusato di aver cercato di entrare in casa della sua ex fidanzata. Secondo un rapporto della polizia, la sua ex ha chiamato le autorità nelle prime ore del mattino dopo aver sentito qualcuno che tentava di aprire la finestra della sua camera da letto. Quando gli agenti sono arrivati, hanno trovato Francisco in piedi sul portico anteriore della casa. Un “oggetto sconosciuto” che ha gettato nei cespugli è stato indentificato come un coltello a serramanico nero.

I pubblici ministeri hanno individuato prove sufficienti all’incriminazione.

Stati Uniti
Un uomo afferma di essere il bimbo scomparso 25 anni prima
Un uomo afferma di essere il bimbo scomparso 25 anni prima
Si chiama Mike Cash, ha 29 anni, ma nutre il sospetto che potrebbe essere D’Wan Sims, un bimbo di quattro anni scomparso nel nulla a Detroit nel dicembre 1994
L.A., agente sotto accusa per vilipendio di cadavere
L.A., agente sotto accusa per vilipendio di cadavere
Un agente della polizia di Los Angeles ripreso dalla videocamera corporale mentre palpeggia ripetutamente il seno di una giovane donna morta qualche ora prima. Rischia fino a tre anni di carcere
Siri lo salva da un lago ghiacciato
Siri lo salva da un lago ghiacciato
Un giovane finito nelle acque del lago Winnebago ha chiesto all’assistente vocale di avvisare i soccorsi. È stato salvato dai vigili del fuoco, cavandosela con un grande spavento
I whistleblower che inchiodano la Boeing
I whistleblower che inchiodano la Boeing
L’azienda era stata avvisata più volte della pericolosità dei 737 MAX per difetti di fabbricazione, problemi nell’assemblaggio e malfunzionamenti del nuovo stabilizzatore. Ma sono stati ignorati
Afghanistan Papers, tutte le bugie della guerra
Afghanistan Papers, tutte le bugie della guerra
In un’inchiesta costata anni di lavoro e battaglie legali, il Washington Post svela le approssimazioni che da 18 anni gettano ombre e confusione sulla guerra in Afghanistan
Il giorno dell’impeachment
Il giorno dell’impeachment
Formulati ufficialmente gli atti d’accusa contro il presidente Trump, ritenuto colpevole di abuso di potere e ostruzione alle indagini della Camera. La Casa Bianca respinge ogni cosa
Addio a Pete Frates, l’inventore dell’Ice Bucket Challenge
Addio a Pete Frates, l’inventore dell’Ice Bucket Challenge
Malato di SLA, aveva ideato la sfida del secchio d’acqua ghiacciata per raccogliere fondi destinati alla ricerca. Si è spento in queste ore, dopo otto anni in cui ha lottato con tutte le forze per dare coraggio a se stesso e agli altri
Una donna, quattro uomini e una neonata
Una donna, quattro uomini e una neonata
La surreale storia di Tory Ojeda, 20enne di Jacksonville, in Florida, che vive da anni con i suoi quattro giovani amanti e ora hanno deciso di fare da padri tutti insieme alla piccola che nascerà a breve
Uber, il rapporto shock
Uber, il rapporto shock
Oltre 6.000 aggressioni a scopi sessuali nel biennio 2017-2018, con 235 stupri 107 morti. Numeri su cui l’azienda tenta di porre rimedio
USA, 7 morti in due sparatorie in Florida
USA, 7 morti in due sparatorie in Florida
Quattro persone uccise è il bilancio di una rapina sventata dalla polizia a Coral Glabes, mentre poche ore un uomo ha aperto il fuoco nella base della marina di Pensacola, uccidendo tre persone e ferendone altre 11