Juli Briksman e la vittoria del dito medio

| Due anni fa era stata fotografata mentre alzava il dito al passaggio di Trump. Aveva perso il lavoro, e due anni dopo ha deciso di candidarsi nelle file dei Dem, strappando un seggio nei consiglio della sua città

+ Miei preferiti
Se Trump e i Repubblicani le hanno prese e i Dem hanno poco da festeggiare, dovendo gestire la grana dell’impeachment, allora chi ha vinto l’Election Day dei giorni scorsi? Una risposta, per gli americani, c’è: si chiama Juli Briksman, è stata appena eletta nel collegio dei supervisori della contea di Loudoun, in Virginia. Una vittoria completa e totale per una donna di 54 anni, madre di due bambini attivista e sportiva, che due anni fa era finita sulle prime pagine dei media di tutto il mondo per un gesto fatto d’istinto, senza pensare alle conseguenze che avrebbe potuto avere.

Era il 28 ottobre del 2017, Juli stava tornando verso casa in sella alla sua biciletta, quando accanto a lei passa l’infinito corteo che accompagna ogni movimento del presidente Trump. Juli non ci pensa neanche un istante: alza il dito medio all’indirizzo del presidente, che probabilmente non si accorge di nulla: in compenso, un fotografo dell’agenzia “AFP” la immortala e Juli finisce in prima pagina. Qualche giorno dopo, l’Huffington Post riesce ad intervistarla, e se Juli guadagna popolarità fra chi non sopporta Trump, la sua vita subisce un tracollo: la “Akima LLC”, azienda per cui lavora, legata ad appalti governativi, temendo le ire della Casa Bianca la licenzia in tronco e lei si ritrova a fare i conti con quel dito che non ne aveva voluto sapere di stare fermo. Quando la vicenda diventa di dominio pubblico, parte una campagna crowdfunding che raccoglie in un amen 142mila dollari messi a sua disposizione per le esigenze familiari. Perfino rinvigorita dalla popolarità, Juli si trasforma in un’attivista Dem: appoggia la candidatura al Congresso di Jennifer Wexton e si offre come volontaria ai seggi elettorali. Poi, otto mesi fa, decide di candidarsi, e chi si era innamorato di quel dito in aria rimette mano al portafoglio decide di appoggiarla: in un altro amen raccoglie 150mila dollari utili per finanziare la campagna elettorale.

“Quando l’ho visto il sangue mi è andato in ebollizione, e quel gesto lo rifarei, non mi sono mai pentita - ha sempre commentato Juli durante la sua campagna elettorale, quando ovunque arrivasse le chiedevano di raccontare l’episodio del dito medio – ma sono entusiasta di aver rappresentato chi contesta Trump e il suo programma retrogrado. Abbiamo lavorato molto duramente per questa campagna, e ora sono entusiasta di poter dare il mio contributo attivo alla vita di una comunità come Loudoun”.

Galleria fotografica
Juli Briksman e la vittoria del dito medio - immagine 1
Stati Uniti
L’ultimo volo di “Mad Mike”
L’ultimo volo di “Mad Mike”
Con un razzo costruito in proprio voleva dimostrare le teorie terrapiattiste: si è schiantato in una zona desertica della California
Lo scandalo della Wells Fargo
Lo scandalo della Wells Fargo
Un nome quasi leggendario del selvaggio West, diventato una delle più potenti banche americane, è finito nelle grane per uno “scandalo sconcertante per dimensione, portata e durata”
Condannato Roger Stone, amico e consigliere di Trump
Condannato Roger Stone, amico e consigliere di Trump
Lobbista di vecchia data, deve scontare 3 anni e 4 mesi di galera per essere stato uno degli artefici del “Russiagate”, facendo da intermediario fra hacker, WikiLeaks e i russi
USA, giustiziato Nicholas Sutton
USA, giustiziato Nicholas Sutton
Era stato condannato a morte per l’omicidio di un altro detenuto, mentre era in galera per scontare la pena per altri tre omicidi. Eppure, perfino i parenti delle sue vittime si sono battute per salvargli la vita
I Boy Scout of America dichiarano bancarotta
I Boy Scout of America dichiarano bancarotta
Centinaia di cause per abusi sessuali subiti da giovani in 72 anni rischiano di non avere mai giustizia e risarcimenti
Virginia, dove tutti vogliono le armi
Virginia, dove tutti vogliono le armi
Da Culpeper County 2A, piccolo centro rurale, è partita una protesta contro il tentativo di limitare il possesso delle armi da fuoco. Tutti sono disposti ad andare contro la legge, compreso lo sceriffo
Huawei accusata di furto di segreti industriali
Huawei accusata di furto di segreti industriali
La procura di Brooklyn avrebbe avviato un’inchiesta, ma l’azienda cinese risponde piccata: in America le backdoor sotto accusa sono obbligatorie per legge
Il killer di El Paso in tribunale
Il killer di El Paso in tribunale
Patrick Crusius, autore lo scorso agosto della strage nel supermercato Walmart costata la vita a 22 persone, è comparso in tribunale per ascoltare le 90 accuse formulate dal giudice sul suo conto. Presenti alcuni dei sopravvissuti
La crisi di Joe Biden
La crisi di Joe Biden
Dato per superfavorito nella corsa alle primarie Dem, l’ex vice di Obama arranca sempre più nei sondaggi. E anche se continua a dispensare ottimismo, la sua corsa appare sempre più in bilico
USA: la volontaria che rubava i fondi della chiesa
USA: la volontaria che rubava i fondi della chiesa
Una donna, responsabile amministrativa della St. Paul’s Baptist Church, nel New Jersey, i cinque anni ha rubato più di mezzo milioni di dollari