Juli Briksman e la vittoria del dito medio

| Due anni fa era stata fotografata mentre alzava il dito al passaggio di Trump. Aveva perso il lavoro, e due anni dopo ha deciso di candidarsi nelle file dei Dem, strappando un seggio nei consiglio della sua città

+ Miei preferiti
Se Trump e i Repubblicani le hanno prese e i Dem hanno poco da festeggiare, dovendo gestire la grana dell’impeachment, allora chi ha vinto l’Election Day dei giorni scorsi? Una risposta, per gli americani, c’è: si chiama Juli Briksman, è stata appena eletta nel collegio dei supervisori della contea di Loudoun, in Virginia. Una vittoria completa e totale per una donna di 54 anni, madre di due bambini attivista e sportiva, che due anni fa era finita sulle prime pagine dei media di tutto il mondo per un gesto fatto d’istinto, senza pensare alle conseguenze che avrebbe potuto avere.

Era il 28 ottobre del 2017, Juli stava tornando verso casa in sella alla sua biciletta, quando accanto a lei passa l’infinito corteo che accompagna ogni movimento del presidente Trump. Juli non ci pensa neanche un istante: alza il dito medio all’indirizzo del presidente, che probabilmente non si accorge di nulla: in compenso, un fotografo dell’agenzia “AFP” la immortala e Juli finisce in prima pagina. Qualche giorno dopo, l’Huffington Post riesce ad intervistarla, e se Juli guadagna popolarità fra chi non sopporta Trump, la sua vita subisce un tracollo: la “Akima LLC”, azienda per cui lavora, legata ad appalti governativi, temendo le ire della Casa Bianca la licenzia in tronco e lei si ritrova a fare i conti con quel dito che non ne aveva voluto sapere di stare fermo. Quando la vicenda diventa di dominio pubblico, parte una campagna crowdfunding che raccoglie in un amen 142mila dollari messi a sua disposizione per le esigenze familiari. Perfino rinvigorita dalla popolarità, Juli si trasforma in un’attivista Dem: appoggia la candidatura al Congresso di Jennifer Wexton e si offre come volontaria ai seggi elettorali. Poi, otto mesi fa, decide di candidarsi, e chi si era innamorato di quel dito in aria rimette mano al portafoglio decide di appoggiarla: in un altro amen raccoglie 150mila dollari utili per finanziare la campagna elettorale.

“Quando l’ho visto il sangue mi è andato in ebollizione, e quel gesto lo rifarei, non mi sono mai pentita - ha sempre commentato Juli durante la sua campagna elettorale, quando ovunque arrivasse le chiedevano di raccontare l’episodio del dito medio – ma sono entusiasta di aver rappresentato chi contesta Trump e il suo programma retrogrado. Abbiamo lavorato molto duramente per questa campagna, e ora sono entusiasta di poter dare il mio contributo attivo alla vita di una comunità come Loudoun”.

Galleria fotografica
Juli Briksman e la vittoria del dito medio - immagine 1
Stati Uniti
Ancora sangue sulle strade americane
Ancora sangue sulle strade americane
Un uomo armato di mitragliatrice ha fatto una strage in un magazzino logistico a Indianapolis. Mentre da Chicago arrivano le inquietanti immagini dell’uccisione senza motivo di Adam Toledo, un 13enne
L’agente Kim Potter accusata di omicidio
L’agente Kim Potter accusata di omicidio
L’ormai ex agente di polizia di Minneapolis che ha ucciso Daunte Wright arrestata e rilasciata su cauzione. Rischia fino a 10 anni di carcere, mentre per la strade la rabbia aumenta
Sesso, droga & deputati
Sesso, droga & deputati
Emergono dettagli sullo scandalo che ha come protagonista unico il deputato repubblicano della Florida Matt Gaetz, sospettato di avere una passione smodata per le minorenni
Una nuova indagine sulla Cina ogni 10 ore
Una nuova indagine sulla Cina ogni 10 ore
È quanto ha dichiarato Christopher Wray, direttore dell’FBI, raccontando davanti al Senato di 2.000 indagini collegate a Pechino, una presenza forte, costante e insidiosa
Terremoto nel Dipartimento di polizia di Minneapolis
Terremoto nel Dipartimento di polizia di Minneapolis
Si sono dimessi il capo del dipartimento e Km Potter, l’agente che ha ucciso Duane Wright con un colpo di pistola credendo di avere in mano il teaser. Intanto in città cresce la tensione
Afroamericano ucciso dalla polizia, torna la tensione a Minneapolis
Afroamericano ucciso dalla polizia, torna la tensione a Minneapolis
Daunte Wright, 20 anni, ucciso da un agente mentre tentava di opporsi all’arresto. I manifestanti sono tornati per le strade minacciando la polizia. In città la tensione è già alta per il processo per la morte di George Floyd
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Ex giocatore della NFL fa strage di una famiglia
Philip Adams, con una lunga carriera nella massima divisione del football americano, prima di togliersi la vita ha ucciso un medico, sua moglie, due dei loro nipoti e un tecnico che lavorava ad un impianto di aria condizionata
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Biden: «Basta con le armi, sono un imbarazzo internazionale»
Il presidente promette di fare tutto ciò che è nelle sue possibilità per limitare l’uso delle armi da fuoco, a cominciare dalle “ghost guns”, kit di montaggio venduti liberamente senza alcun controllo
New York, la grande fuga dei ricconi
New York, la grande fuga dei ricconi
L’aumento della tassazione per chi guadagna un milione di dollari all’anno ha messo le ali ai piedi dei Paperoni newyorkesi, indecisi se prendere casa a Miami o Austin, in Texas
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
Processo Floyd, la polizia scarica Derek Chauvin
I vertici del dipartimento di polizia bollano come “inappropriate e non necessarie” le azioni dell’agente Derek Chauvin. “Sapeva perfettamente cosa stava facendo”