Juli Briksman e la vittoria del dito medio

| Due anni fa era stata fotografata mentre alzava il dito al passaggio di Trump. Aveva perso il lavoro, e due anni dopo ha deciso di candidarsi nelle file dei Dem, strappando un seggio nei consiglio della sua città

+ Miei preferiti
Se Trump e i Repubblicani le hanno prese e i Dem hanno poco da festeggiare, dovendo gestire la grana dell’impeachment, allora chi ha vinto l’Election Day dei giorni scorsi? Una risposta, per gli americani, c’è: si chiama Juli Briksman, è stata appena eletta nel collegio dei supervisori della contea di Loudoun, in Virginia. Una vittoria completa e totale per una donna di 54 anni, madre di due bambini attivista e sportiva, che due anni fa era finita sulle prime pagine dei media di tutto il mondo per un gesto fatto d’istinto, senza pensare alle conseguenze che avrebbe potuto avere.

Era il 28 ottobre del 2017, Juli stava tornando verso casa in sella alla sua biciletta, quando accanto a lei passa l’infinito corteo che accompagna ogni movimento del presidente Trump. Juli non ci pensa neanche un istante: alza il dito medio all’indirizzo del presidente, che probabilmente non si accorge di nulla: in compenso, un fotografo dell’agenzia “AFP” la immortala e Juli finisce in prima pagina. Qualche giorno dopo, l’Huffington Post riesce ad intervistarla, e se Juli guadagna popolarità fra chi non sopporta Trump, la sua vita subisce un tracollo: la “Akima LLC”, azienda per cui lavora, legata ad appalti governativi, temendo le ire della Casa Bianca la licenzia in tronco e lei si ritrova a fare i conti con quel dito che non ne aveva voluto sapere di stare fermo. Quando la vicenda diventa di dominio pubblico, parte una campagna crowdfunding che raccoglie in un amen 142mila dollari messi a sua disposizione per le esigenze familiari. Perfino rinvigorita dalla popolarità, Juli si trasforma in un’attivista Dem: appoggia la candidatura al Congresso di Jennifer Wexton e si offre come volontaria ai seggi elettorali. Poi, otto mesi fa, decide di candidarsi, e chi si era innamorato di quel dito in aria rimette mano al portafoglio decide di appoggiarla: in un altro amen raccoglie 150mila dollari utili per finanziare la campagna elettorale.

“Quando l’ho visto il sangue mi è andato in ebollizione, e quel gesto lo rifarei, non mi sono mai pentita - ha sempre commentato Juli durante la sua campagna elettorale, quando ovunque arrivasse le chiedevano di raccontare l’episodio del dito medio – ma sono entusiasta di aver rappresentato chi contesta Trump e il suo programma retrogrado. Abbiamo lavorato molto duramente per questa campagna, e ora sono entusiasta di poter dare il mio contributo attivo alla vita di una comunità come Loudoun”.

Galleria fotografica
Juli Briksman e la vittoria del dito medio - immagine 1
Stati Uniti
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda
Il clan Trump accusato di truffa
Il clan Trump accusato di truffa
Quattro persone “che tentavano di inseguire il sogno americano”, hanno denunciato Trump e i suoi figli per essere stati attirati in una rete creata per “trarre profitto dai più poveri e vulnerabili”
Trump a testa bassa contro l’OMS
Trump a testa bassa contro l’OMS
Una lettera zeppa di accuse inviata al presiedente dell’Organizzazione Mondiale della Sanità suona come un ultimatum: o si cambia o blocchiamo i finanziamenti
Barack Attack
Barack Attack
Obama scende in campo attaccando Trump senza mai nominarlo: “Non fa neanche finta di governare”. La replica del presidente: “Dovrebbe andare in galera insieme a Biden”. Uno scontro infuocato