Juli Briksman e la vittoria del dito medio

| Due anni fa era stata fotografata mentre alzava il dito al passaggio di Trump. Aveva perso il lavoro, e due anni dopo ha deciso di candidarsi nelle file dei Dem, strappando un seggio nei consiglio della sua città

+ Miei preferiti
Se Trump e i Repubblicani le hanno prese e i Dem hanno poco da festeggiare, dovendo gestire la grana dell’impeachment, allora chi ha vinto l’Election Day dei giorni scorsi? Una risposta, per gli americani, c’è: si chiama Juli Briksman, è stata appena eletta nel collegio dei supervisori della contea di Loudoun, in Virginia. Una vittoria completa e totale per una donna di 54 anni, madre di due bambini attivista e sportiva, che due anni fa era finita sulle prime pagine dei media di tutto il mondo per un gesto fatto d’istinto, senza pensare alle conseguenze che avrebbe potuto avere.

Era il 28 ottobre del 2017, Juli stava tornando verso casa in sella alla sua biciletta, quando accanto a lei passa l’infinito corteo che accompagna ogni movimento del presidente Trump. Juli non ci pensa neanche un istante: alza il dito medio all’indirizzo del presidente, che probabilmente non si accorge di nulla: in compenso, un fotografo dell’agenzia “AFP” la immortala e Juli finisce in prima pagina. Qualche giorno dopo, l’Huffington Post riesce ad intervistarla, e se Juli guadagna popolarità fra chi non sopporta Trump, la sua vita subisce un tracollo: la “Akima LLC”, azienda per cui lavora, legata ad appalti governativi, temendo le ire della Casa Bianca la licenzia in tronco e lei si ritrova a fare i conti con quel dito che non ne aveva voluto sapere di stare fermo. Quando la vicenda diventa di dominio pubblico, parte una campagna crowdfunding che raccoglie in un amen 142mila dollari messi a sua disposizione per le esigenze familiari. Perfino rinvigorita dalla popolarità, Juli si trasforma in un’attivista Dem: appoggia la candidatura al Congresso di Jennifer Wexton e si offre come volontaria ai seggi elettorali. Poi, otto mesi fa, decide di candidarsi, e chi si era innamorato di quel dito in aria rimette mano al portafoglio decide di appoggiarla: in un altro amen raccoglie 150mila dollari utili per finanziare la campagna elettorale.

“Quando l’ho visto il sangue mi è andato in ebollizione, e quel gesto lo rifarei, non mi sono mai pentita - ha sempre commentato Juli durante la sua campagna elettorale, quando ovunque arrivasse le chiedevano di raccontare l’episodio del dito medio – ma sono entusiasta di aver rappresentato chi contesta Trump e il suo programma retrogrado. Abbiamo lavorato molto duramente per questa campagna, e ora sono entusiasta di poter dare il mio contributo attivo alla vita di una comunità come Loudoun”.

Galleria fotografica
Juli Briksman e la vittoria del dito medio - immagine 1
Stati Uniti
Gli ultimi istanti di George Floyd
Gli ultimi istanti di George Floyd
Il DailyMail pubblica i filmati delle bodycam degli agenti di Minneapolis che il 25 maggio scorso hanno ucciso l’afroamericano. Nelle immagini tutta la disperazione di Floyd e la durezza degli agenti
Trump sotto indagine per frode bancaria
Trump sotto indagine per frode bancaria
Il giudice Cyrus Vance indaga sulla galassia di società della Trump Organization, di cui non si sa nulla. L’inchiesta sarebbe nata dalle rivelazioni dell’ex legale del presidente, Michael Cohen
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
Annullata la condanna a morte per l’attentatore di Boston
La Corte d’Appello ritiene che Dzhokhar Tsarnaev, insieme al fratello attentatore alla Maratona di Boston del 2013, debba subire un nuovo processo penale. Il primo dibattimento era stato troppo confuso e impreciso
Il muro delle mamme
Il muro delle mamme
Nelle strade di Portland, dove le violenze antirazziali non accennano a diminuire, si schierano come cuscinetto fra i manifestanti e la polizia: non cercano lo scontro e non sono minacciose, vogliono solo proteggere i loro figli
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Presto libera la seguace della «Manson Family»
Per la prima volta, l’istanza per la concessione della libertà vigilata per Lesley Van Houte, la più giovane delle “donne” di Charles Manson, è stata accolta. L’ultima parola spetta al governatore della California
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
Biden vola nei sondaggi, ma la vittoria è lontana
A 100 giorni dalle elezioni, il candidato Dem vola nelle intenzioni di voto, ma non è la prima volta che il risultato elettorale ribalta ogni pronostico. Il coronavirus farà da ago della bilancia alle urne
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Trova una pistola e si spara alla testa a 3 anni
Il piccolo Liam, della Carolina del Sud, ha trovato un’arma incustodita e per un fatale incidente si è sparato. Inutili i tentativi di salvarlo
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
Abigail Disney contro la riapertura dei parchi
“Anteporre il guadagno alla salute dei dipendenti e del pubblico è aberrante”. Secca la risposta dell’azienda di famiglia: “Accuse infondate e pretestuose: abbiamo adottato tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza”
La mascherina, un’arma politica
La mascherina, un’arma politica
Mentre in buona parte dell’Europa e dell’Asia l’uso della copertura facciale nei luoghi chiusi è ormai una consuetudine accettata dai più, negli Stati Uniti no. La mascherina si è trasformata in una battaglia ideologica
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Trump: andrà ancora peggio prima di migliorare
Il presidente si riappropria del briefing sulla pandemia per mostrarsi più comprensivo e perfino assennato: merito dei suoi consiglieri e soprattutto dei sondaggi