Kim Kardashian contro una condanna a morte

| La celebre socialite americana collabora da anni con studi legali per individuare errori giudiziari. Come molti altri, si è convinta dell’innocenza di Rodney Reed, che il prossimo 20 novembre sarà giustiziato

+ Miei preferiti
Kim Kardashian, la regina delle influencer e socialite abituata ai red carpet, sta mostrando un lato inedito verso le battaglie sociali. La moglie del rapper Kanye West, madre di quattro figli, ha deciso di unirsi alle proteste che da anni tengono banco negli Stati Uniti contro l’ormai prossima esecuzione di Rodney Reed. Un uomo di colore, da 21 anni rinchiuso nel braccio della morte, condannato alla pena capitale per la morte di Stacey Stites, una 19enne trovata senza vita il 23 aprile 1996 a Bastrop, piccola cittadina del Texas. Un omicidio per cui Reed si è sempre dichiarato innocente, e su cui pesano alcuni dubbi e perplessità piuttosto evidenti, ignorate dal tribunale che l’ha condannato. La prova schiacciante è un campione di sperma di Reed prelevato dal corpo senza vita della ragazza, ma l’uomo ribatte che avevano una relazione segreta e poche ore prima della morte avevano consumato un rapporto. Per contro su Jimmy Fennell, fidanzato della ragazza su cui si erano inizialmente concentrati i sospetti e poi scagionato, pesano diversi sospetti: numerosi testimoni l’hanno visto litigare furiosamente per strada con la povera Stacey poche ore prima dell’omicidio, e fra le cause dell’improvviso scatto d’ira dell’uomo ci sarebbe proprio la scoperta che lei aveva appena avuto un rapporto sessuale con Reed.

Ma la sentenza non sente ragioni, e condanna a morte Rodney Reed, con esecuzione fissata per il prossimo 20 novembre.

La Kardashian si è decisa a scendere in campo per salvare la vita a quello che secondo lei è un uomo che non appare colpevole “oltre ogni ragionevole dubbio”, come impone la legge. A farle nascere dubbi e perplessità la visione di un film che racconta le memorie di Bryan Stevenson, avvocato e attivista che aveva vissuto sulla propria pelle l’ingiusta condanna di Walter McMillian, un altro innocente accusato di omicidio.

All’inizio di questo mese, gli avvocati di Reed hanno presentato un’istanza di rinvio dell’esecuzione al tribunale distrettuale della contea di Bastrop, poiché hanno bisogno di tempo per esaminare le dichiarazioni di due nuovi testimoni che di recente si sono fatti avanti. Il team legale del condannato a morte combatte per anni per arrivare ad un nuovo processo, e nel 2015 un tribunale ha sospeso una prima volta l’esecuzione per consentire nuove analisi forensi.

La Kardashian si sta trasformando in una forte sostenitrice della riforma della giustizia penale: lavora con avvocati e attivisti, e già lo scorso anno ha aiutato a commutare le sentenze di una dozzina di detenuti che, a suo avviso, erano stati condannati ingiustamente. Lo scorso aprile, Kim ha anche annunciato che sta studiando per diventare avvocato.

Galleria fotografica
Kim Kardashian contro una condanna a morte - immagine 1
Kim Kardashian contro una condanna a morte - immagine 2
Kim Kardashian contro una condanna a morte - immagine 3
Kim Kardashian contro una condanna a morte - immagine 4
Kim Kardashian contro una condanna a morte - immagine 5
Stati Uniti
Chi pensa già al dopo Trump
Chi pensa già al dopo Trump
Temendo la sconfitta, i repubblicani prendono le distanze da Trump e cominciano a riflettere sul futuro del partito, totalmente da riformare dopo uno tsunami lungo 4 anni
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Trump chiude la campagna tra polemiche e accuse
Il presidente ne ha per tutti, a cominciare da Anthony Fauci, definito “un idiota”, mentre il suo staff protesta per la decisione di microfoni chiusi a turno durante il prossimo dibattito
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
Violenta e uccide una giovane, poi partecipa alle ricerche
L’agghiacciante vicenda costata la vita a Sydney Sutherland, 25 anni, travolta mentre faceva footing, violentata, uccisa e sepolta in un bosco da un fattorino che poco dopo si è unito alle squadre di volontari che la cercavano ovunque
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Lisa Montgomery morirà l’8 dicembre prossimo
Sarà la prima donna detenuta in un braccio della morte giustiziata da 53 anni a questa parte. Nel 2004 aveva ucciso una giovane mamma incinta all’ottavo mese per strapparle la bimba dal grembo
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
Trump, la vendetta dei suoi ex collaboratori
La CNN ha pronto uno speciale in cui diversi ex alti funzionari dell’amministrazione parlano e giudicano l’operato dell’attuale presidente. Fra i più piccati l’ex generale John Kelly
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
Tutti i guai con la giustizia che aspettano Trump
In caso di sconfitta, decine di procure sono pronte a quella che si annuncia una monumentale resa dei conti con l’ex tycoon, che avrebbe usato tutta la sua influenza e intoccabilità per sgusciare fra le noie con la legge
Il duello si accende, anche a distanza
Il duello si accende, anche a distanza
Trump e Biden in diretta contemporaneamente su due canali diversi si scambiano accuse reciproche: il presidente è apparso più volte in difficoltà, Biden ha sfoderato la lunga esperienza politica
USA 2020, è già record di votanti
USA 2020, è già record di votanti
14 milioni di americani hanno già espresso il proprio voto via posta: gli esperti prevedono un’affluenza record per decidere se ridare fiducia a Trump o voltare pagine con Biden
Trump non vuole presentare le dichiarazioni dei redditi
Trump non vuole presentare le dichiarazioni dei redditi
Il presidente si sarebbe rivolto alla Corte Suprema per bloccare le richieste del Grand Jury di Manhattan. Se non fosse rieletto, rischia una condanna insieme alla figlia Ivanka
Trump galvanizza i suoi, Fauci: «Irresponsabile»
Trump galvanizza i suoi, Fauci: «Irresponsabile»
Il presidente vola in Florida per un comizio affollato in cui promette una vittoria schiacciante, mentre l’infettivologo della Casa Bianca ammonisce: “È in cerca di guai”