Kim Kardashian contro una condanna a morte

| La celebre socialite americana collabora da anni con studi legali per individuare errori giudiziari. Come molti altri, si è convinta dell’innocenza di Rodney Reed, che il prossimo 20 novembre sarà giustiziato

+ Miei preferiti
Kim Kardashian, la regina delle influencer e socialite abituata ai red carpet, sta mostrando un lato inedito verso le battaglie sociali. La moglie del rapper Kanye West, madre di quattro figli, ha deciso di unirsi alle proteste che da anni tengono banco negli Stati Uniti contro l’ormai prossima esecuzione di Rodney Reed. Un uomo di colore, da 21 anni rinchiuso nel braccio della morte, condannato alla pena capitale per la morte di Stacey Stites, una 19enne trovata senza vita il 23 aprile 1996 a Bastrop, piccola cittadina del Texas. Un omicidio per cui Reed si è sempre dichiarato innocente, e su cui pesano alcuni dubbi e perplessità piuttosto evidenti, ignorate dal tribunale che l’ha condannato. La prova schiacciante è un campione di sperma di Reed prelevato dal corpo senza vita della ragazza, ma l’uomo ribatte che avevano una relazione segreta e poche ore prima della morte avevano consumato un rapporto. Per contro su Jimmy Fennell, fidanzato della ragazza su cui si erano inizialmente concentrati i sospetti e poi scagionato, pesano diversi sospetti: numerosi testimoni l’hanno visto litigare furiosamente per strada con la povera Stacey poche ore prima dell’omicidio, e fra le cause dell’improvviso scatto d’ira dell’uomo ci sarebbe proprio la scoperta che lei aveva appena avuto un rapporto sessuale con Reed.

Ma la sentenza non sente ragioni, e condanna a morte Rodney Reed, con esecuzione fissata per il prossimo 20 novembre.

La Kardashian si è decisa a scendere in campo per salvare la vita a quello che secondo lei è un uomo che non appare colpevole “oltre ogni ragionevole dubbio”, come impone la legge. A farle nascere dubbi e perplessità la visione di un film che racconta le memorie di Bryan Stevenson, avvocato e attivista che aveva vissuto sulla propria pelle l’ingiusta condanna di Walter McMillian, un altro innocente accusato di omicidio.

All’inizio di questo mese, gli avvocati di Reed hanno presentato un’istanza di rinvio dell’esecuzione al tribunale distrettuale della contea di Bastrop, poiché hanno bisogno di tempo per esaminare le dichiarazioni di due nuovi testimoni che di recente si sono fatti avanti. Il team legale del condannato a morte combatte per anni per arrivare ad un nuovo processo, e nel 2015 un tribunale ha sospeso una prima volta l’esecuzione per consentire nuove analisi forensi.

La Kardashian si sta trasformando in una forte sostenitrice della riforma della giustizia penale: lavora con avvocati e attivisti, e già lo scorso anno ha aiutato a commutare le sentenze di una dozzina di detenuti che, a suo avviso, erano stati condannati ingiustamente. Lo scorso aprile, Kim ha anche annunciato che sta studiando per diventare avvocato.

Galleria fotografica
Kim Kardashian contro una condanna a morte - immagine 1
Kim Kardashian contro una condanna a morte - immagine 2
Kim Kardashian contro una condanna a morte - immagine 3
Kim Kardashian contro una condanna a morte - immagine 4
Kim Kardashian contro una condanna a morte - immagine 5
Stati Uniti
La seconda guerra civile americana
La seconda guerra civile americana
Le autorità federali sempre più convinte che dietro agli scontri che stanno mettendo a ferro e fuoco l’America ci sia una regia comune, nata dalla collaborazione fra gruppi estremisti di destra e sinistra
La polveriera americana
La polveriera americana
Terza notte consecutiva di scontri, violenze e saccheggi in 25 città americane. Una folla minacciosa davanti alla casa Bianca, fra i tweet minacciosi di Trump e l’invito alla calma di tutti i governatori
Tutte le guerre di Trump
Tutte le guerre di Trump
Dal Rose Garden della Casa Bianca, il presidente attacca con forza l’OMS e la Cina, ma tralascia gli oltre 100mila morti da coronavirus e le violenze che infiammano l’America per la morte di un afroamericano
L’America scende in piazza
L’America scende in piazza
Non si placano le violenze per la morte di George Floyd, e dopo Minneapolis le proteste esplodono anche in altre grandi città. La minaccia Trump: riportate l’ordine, o mando la Guardia Nazionale
La squadra della morte di George Floyd
La squadra della morte di George Floyd
Tou Thao, l’agente di origini asiatiche che si vede nel video, aveva 6 diverse accuse di violenza sul suo fascicolo. Lo stesso per Derek Chauvin, il poliziotto che ha soffocato l’uomo con il suo ginocchio. Gli altri erano agenti in prova
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
Minneapolis vuole giustizia per George Floyd
La capitale del Minnesota epicentro della protesta per l’inutile e atroce morte dell’uomo di colore. L’agente che ha premuto il ginocchio sul collo già al centro di altri episodi violenti
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Ucciso dalla polizia durante un controllo
Quattro agenti di Minneapolis licenziati dopo aver fermato un uomo di colore per un controllo: uno di loro gli ha tenuto il ginocchio sul collo fin quando l’uomo è morto. Proteste e sdegno da ogni parte del Paese
America on the beach
America on the beach
Il dato comune è che ovunque ci fosse una spiaggia, lo scorso fine settimana è stata presa d’assalto. L’allentamento delle misure ha convinto molti americani che il peggio sia passato, ma non è così: lo dimostrano i 100mila morti
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Tutti i figli di Jeffrey Epstein
Ufficialmente, il miliardario pedofilo non si mai sposato e non ha avuto figli, ma vista la vita che ha condotto, una società specializzata nel rintracciare parentele ha deciso di fare una ricerca. E hanno risposto in centinaia
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Trump: «Anche se il virus torna, non chiuderemo più»
Stanco dei pareri degli esperti, il presidente americano fa di testa sua, minando anche uno storico accordo con la Russia che risale alla fine della Guerra Fredda