La Casa Bianca annaspa fra polemiche e accuse

| Un ex funzionario dei servizi segreti rivela che le agenzie seguivano l’evolversi dell’epidemia da novembre, e il 3 gennaio avrebbero presentato un rapporto a Trump avvisando della pericolosità. Ma il rapporto non si trova più

+ Miei preferiti
Non si placano le polemiche intorno alla drammatica indecisione di Trump, per molti americani e soprattutto per i media, rappresenta il principale imputato per la scarsa serietà con cui ha affrontato gli allarmi che suonavano da più parti. La sua escalation, da “è solo una semplice influenza” a “sarà una battaglia durissima” sono una litania che si ripete ovunque, e secondo i più spietati analisti dimostra l’incompetenza, la sciatteria e l’ignoranza del comandante supremo, per di più in un momento in cui al Paese servirebbe una guida forte, decisa e sicura.

L’ultima rivelazione, la più recente, arriva da un ex funzionario di una non meglio agenzia di controspionaggio statunitense, che ha raccontato di come i servizi seguissero la preoccupante ascesa del coronavirus dallo scorso novembre, settimane prima che l’informazione fosse inclusa nel briefing quotidiano di intelligence destinato alla scrivania del presidente.

Mentre la data esatta del primo rapporto rimane poco chiara, la fonte ha rivelato che da quel mese, l’intelligence ha lanciato diversi avvertimenti sulla potenziale gravità della pandemia. Ma soltanto il 3 gennaio, Trump avrebbe accettato un briefing con i servizi segreti, che a quel punto avevano illustrato al meglio delle loro possibilità la situazione del contagio in Cina e soprattutto il terrificante potenziale della diffusione, che presto avrebbe raggiunto anche negli Stati Uniti. Ma dietro le quinte il lavoro andava avanti da settimane, con la CIA e altre agenzie che setacciavano le loro reti di informatori per scoprire che la situazione stava sfuggendo di mano alla Cina.

Un funzionario della difesa ha negato l’esistenza del rapporto del 3 gennaio: “Gli apparati interni alla Casa Bianca hanno esaminato ogni possibile documento che avrebbe potuto essere identificato come correlato all’argomento, e non hanno trovato nulla”. Poco dopo, alla cortina difensiva si è allineato il Pentagono, negando la presenza del rapporto: “Abbiamo esaminato tutto il materiale relativo a novembre e a dicembre. La prima indicazione che abbiamo ricevuto sono stati i rapporti alla fine di dicembre diffusi anche nel forum pubblico. E i primi rapporti di intelligence che ho visto risalgono a gennaio inoltrato”.

La delicata questione di quando il Presidente sia venuto a conoscenza per la prima volta della minaccia Covid-19 è diventata sensibile con l’aumento vertiginoso del numero di morti negli Stati Uniti: l’amministrazione si sente sotto tiro e Trump ripete che era impossibile immaginare quanto sarebbe stato letale il virus. Il presidente ribadisce di essere venuto a conoscenza della gravità del coronavirus solo “poco prima” dell’entrata in vigore delle restrizioni di viaggio del 2 febbraio.

Ma la fonte - che ha chiesto l’anonimato - insiste: dagli inizi di dicembre, i social media cinesi hanno iniziato a fornire indizi sulla lotta per contenere una malattia respiratoria che all’epoca era stata paragonata alla SARS, l’analoga epidemia virale del 2003. Pechino stessa, dai dati ufficiali, il 31 dicembre ha notificato ufficialmente all’Organizzazione Mondiale della Sanità la presenza sul proprio territorio di casi crescenti di un’epidemia di polmonite dalle cause ancora sconosciute.

Stati Uniti
Sparatoria a Rochester: 16 feriti e due morti
Sparatoria a Rochester: 16 feriti e due morti
Si teme una nuova strage, avvenuta nella città dove la polizia ha ucciso Daniel Prude soffocandolo. Il bilancio resta provvisorio, mentre sono ancora in corso i rilievi
Addio a Ruth Bader Ginsburg, giudice icona delle donne
Addio a Ruth Bader Ginsburg, giudice icona delle donne
Si è spenta a Washington dopo una lunga malattia la seconda donna ad essere ammessa alla Corte Suprema. Paladina delle minoranze silenziose, incorruttibile e schietta, ha chiesto di essere sostituita dal nuovo presidente
Amy Dorris, l’ex modella che accusa Trump di molestie
Amy Dorris, l’ex modella che accusa Trump di molestie
Dopo 23 anni di silenzio, ha raccontato l’aggressione dell’allora tycoon nella suite agli US Opend i Tennis del 1997. “Lo dovevo alle mie figlie, che stanno diventando donne”
La Boeing colpevole degli incidenti del 737 Max
La Boeing colpevole degli incidenti del 737 Max
Un rapporto dettagliato inchioda il colosso aeronautico, accusato di aver creato un “culmine di errori, leggerezze, difetti e cattiva gestione”. Sotto accusa anche l’ente aeronautico americano
Trump in California: «Con gli incendi non c’entra il climate change»
Trump in California: «Con gli incendi non c’entra il climate change»
Il presidente in visita alle zone martoriate della West Coast, non perde occasione per rimbrottare i governatori e negare l’evidenza scientifica. Biden all’attacco
Samantha Cohen, la ragazzina che piaceva a Trump
Samantha Cohen, la ragazzina che piaceva a Trump
Figlia maggiore di Michael Cohen, l’ex avvocato personale del tycoon, ha raccontato un episodio in cui Trump era rimasto colpito dal suo fisico da quindicenne
Agguato a Los Angeles: una taglia sull’aggressore dei due agenti
Agguato a Los Angeles: una taglia sull’aggressore dei due agenti
Una task force della polizia al lavoro per dare volto e nome all’aggressore di due vice sceriffi ricoverati in fin di vita. L’ira di Trump che chiede “pena di morte”
L’ennesimo ritratto di Trump, impietoso
L’ennesimo ritratto di Trump, impietoso
Esce “Rage” (Rabbia), secondo libro che Bob Woodward dedica alla figura del presidente. Questa volta ha raccolto 18 interviste sufficienti per mostrare un modo di fare confuso, improvvisato e immerso nel culto di se stesso
Tredicenne autistico ferito dalla polizia
Tredicenne autistico ferito dalla polizia
È successo a Salt Lake City, dove Linden Cameron è stato ferito a colpi d’arma da fuoco da due agenti, intervenuti dopo una chiamata della madre, che non riusciva a calmarlo
Trump contro il Pentagono
Trump contro il Pentagono
“Non mi amano, perché pensano solo a fare la guerra”: durissimo affondo del Presidente contro il Dipartimento della Difesa. L’ultimo atto di una guerra di nervi che va avanti da tempo