La Casa Bianca annaspa fra polemiche e accuse

| Un ex funzionario dei servizi segreti rivela che le agenzie seguivano l’evolversi dell’epidemia da novembre, e il 3 gennaio avrebbero presentato un rapporto a Trump avvisando della pericolosità. Ma il rapporto non si trova più

+ Miei preferiti
Non si placano le polemiche intorno alla drammatica indecisione di Trump, per molti americani e soprattutto per i media, rappresenta il principale imputato per la scarsa serietà con cui ha affrontato gli allarmi che suonavano da più parti. La sua escalation, da “è solo una semplice influenza” a “sarà una battaglia durissima” sono una litania che si ripete ovunque, e secondo i più spietati analisti dimostra l’incompetenza, la sciatteria e l’ignoranza del comandante supremo, per di più in un momento in cui al Paese servirebbe una guida forte, decisa e sicura.

L’ultima rivelazione, la più recente, arriva da un ex funzionario di una non meglio agenzia di controspionaggio statunitense, che ha raccontato di come i servizi seguissero la preoccupante ascesa del coronavirus dallo scorso novembre, settimane prima che l’informazione fosse inclusa nel briefing quotidiano di intelligence destinato alla scrivania del presidente.

Mentre la data esatta del primo rapporto rimane poco chiara, la fonte ha rivelato che da quel mese, l’intelligence ha lanciato diversi avvertimenti sulla potenziale gravità della pandemia. Ma soltanto il 3 gennaio, Trump avrebbe accettato un briefing con i servizi segreti, che a quel punto avevano illustrato al meglio delle loro possibilità la situazione del contagio in Cina e soprattutto il terrificante potenziale della diffusione, che presto avrebbe raggiunto anche negli Stati Uniti. Ma dietro le quinte il lavoro andava avanti da settimane, con la CIA e altre agenzie che setacciavano le loro reti di informatori per scoprire che la situazione stava sfuggendo di mano alla Cina.

Un funzionario della difesa ha negato l’esistenza del rapporto del 3 gennaio: “Gli apparati interni alla Casa Bianca hanno esaminato ogni possibile documento che avrebbe potuto essere identificato come correlato all’argomento, e non hanno trovato nulla”. Poco dopo, alla cortina difensiva si è allineato il Pentagono, negando la presenza del rapporto: “Abbiamo esaminato tutto il materiale relativo a novembre e a dicembre. La prima indicazione che abbiamo ricevuto sono stati i rapporti alla fine di dicembre diffusi anche nel forum pubblico. E i primi rapporti di intelligence che ho visto risalgono a gennaio inoltrato”.

La delicata questione di quando il Presidente sia venuto a conoscenza per la prima volta della minaccia Covid-19 è diventata sensibile con l’aumento vertiginoso del numero di morti negli Stati Uniti: l’amministrazione si sente sotto tiro e Trump ripete che era impossibile immaginare quanto sarebbe stato letale il virus. Il presidente ribadisce di essere venuto a conoscenza della gravità del coronavirus solo “poco prima” dell’entrata in vigore delle restrizioni di viaggio del 2 febbraio.

Ma la fonte - che ha chiesto l’anonimato - insiste: dagli inizi di dicembre, i social media cinesi hanno iniziato a fornire indizi sulla lotta per contenere una malattia respiratoria che all’epoca era stata paragonata alla SARS, l’analoga epidemia virale del 2003. Pechino stessa, dai dati ufficiali, il 31 dicembre ha notificato ufficialmente all’Organizzazione Mondiale della Sanità la presenza sul proprio territorio di casi crescenti di un’epidemia di polmonite dalle cause ancora sconosciute.

Stati Uniti
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Trump, spostato all’8 febbraio il secondo processo per impeachment
Lo hanno stabilito Dem e GOP dopo aver raggiunto un accordo. Intanto dalla Florida, l’ex presidente prende tempo sul suo futuro: “Faremo qualcosa, ma non subito”
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
L’FBI ritrova 33 bambini considerati scomparsi
I federali indagavano da tempo su una rete del sud della California dedita al traffico e la tratta di esseri umani a scopo sessuale. Diversi bambini hanno tentato di tornare indietro: “Molti non si rendono conto di essere vittime”
Che ne sarà di Donald?
Che ne sarà di Donald?
L’oscuro futuro dell’ex presidente, che potrebbe resistere all'impeachment e alle tante inchieste per risorgere mostrandosi nuovamente come outsider della politica. Ma anche svanire, sommerso da problemi legali e finanziari
Anthony Fauci: punto e a capo
Anthony Fauci: punto e a capo
Il celebre virologo, chiamato a collaborare con l’amministrazione Biden, evita le polemiche ma ammette la piacevole sensazione di un approccio ben diverso dalle forti divergenze con Trump
Il primo giorno di Joe
Il primo giorno di Joe
Si è chiuso per due ore nello Studio Ovale per firmare 17 ordini esecutivi che cancellano alcune delle decisioni più odiose di Trump. Il capo della comunicazione detta l’agenda, con la promessa di affrontare un argomento al giorno
Il last minute di Trump
Il last minute di Trump
73 grazie e 70 commutazioni di pena: Donald Trump ricalca la tradizione, peccato che buona parte dei suoi atti di clemenza riguardino ex collaboratori e gente vicina ai suoi business. Fra loro il controverso Steve Bannon
La difficile eredità di Trump
La difficile eredità di Trump
Ci vorranno anni per eliminare i danni e le divisioni che in quattro anni hanno letteralmente diviso in due l’America. La presidenza di Biden sarà una delle più difficili della storia: lo attende una mole enorme di lavoro
Vendesi grazia (o perdono)
Vendesi grazia (o perdono)
Nell'ultimo giorno da presidente, Trump potrebbe concedere oltre 100 fra grazie, perdoni e commutazioni della pena verso gente che – secondo il New York Times – sta sborsando montagne di soldi ai suoi collaboratori più stretti
La fittissima agenda di Biden
La fittissima agenda di Biden
Fin dal primo giorno di insediamento, il presidente eletto ha intenzione di firmare decine di ordini esecutivi: “Lui e Kamala Harris hanno il difficile compito di rimediare in breve tempo ai danni fatti da Trump in quattro anni”
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Una parte dell’America si sta radicalizzando
Gli esperti di terrorismo temono che l’attacco al Campidoglio sia solo l’inizio di un periodo preoccupante. Oltre ai rischi per l’Inuaguration Day, maggiori sono quelli per le azioni future dei gruppi che continuano a ribollire di rabbia