La Casa Bianca annaspa fra polemiche e accuse

| Un ex funzionario dei servizi segreti rivela che le agenzie seguivano l’evolversi dell’epidemia da novembre, e il 3 gennaio avrebbero presentato un rapporto a Trump avvisando della pericolosità. Ma il rapporto non si trova più

+ Miei preferiti
Non si placano le polemiche intorno alla drammatica indecisione di Trump, per molti americani e soprattutto per i media, rappresenta il principale imputato per la scarsa serietà con cui ha affrontato gli allarmi che suonavano da più parti. La sua escalation, da “è solo una semplice influenza” a “sarà una battaglia durissima” sono una litania che si ripete ovunque, e secondo i più spietati analisti dimostra l’incompetenza, la sciatteria e l’ignoranza del comandante supremo, per di più in un momento in cui al Paese servirebbe una guida forte, decisa e sicura.

L’ultima rivelazione, la più recente, arriva da un ex funzionario di una non meglio agenzia di controspionaggio statunitense, che ha raccontato di come i servizi seguissero la preoccupante ascesa del coronavirus dallo scorso novembre, settimane prima che l’informazione fosse inclusa nel briefing quotidiano di intelligence destinato alla scrivania del presidente.

Mentre la data esatta del primo rapporto rimane poco chiara, la fonte ha rivelato che da quel mese, l’intelligence ha lanciato diversi avvertimenti sulla potenziale gravità della pandemia. Ma soltanto il 3 gennaio, Trump avrebbe accettato un briefing con i servizi segreti, che a quel punto avevano illustrato al meglio delle loro possibilità la situazione del contagio in Cina e soprattutto il terrificante potenziale della diffusione, che presto avrebbe raggiunto anche negli Stati Uniti. Ma dietro le quinte il lavoro andava avanti da settimane, con la CIA e altre agenzie che setacciavano le loro reti di informatori per scoprire che la situazione stava sfuggendo di mano alla Cina.

Un funzionario della difesa ha negato l’esistenza del rapporto del 3 gennaio: “Gli apparati interni alla Casa Bianca hanno esaminato ogni possibile documento che avrebbe potuto essere identificato come correlato all’argomento, e non hanno trovato nulla”. Poco dopo, alla cortina difensiva si è allineato il Pentagono, negando la presenza del rapporto: “Abbiamo esaminato tutto il materiale relativo a novembre e a dicembre. La prima indicazione che abbiamo ricevuto sono stati i rapporti alla fine di dicembre diffusi anche nel forum pubblico. E i primi rapporti di intelligence che ho visto risalgono a gennaio inoltrato”.

La delicata questione di quando il Presidente sia venuto a conoscenza per la prima volta della minaccia Covid-19 è diventata sensibile con l’aumento vertiginoso del numero di morti negli Stati Uniti: l’amministrazione si sente sotto tiro e Trump ripete che era impossibile immaginare quanto sarebbe stato letale il virus. Il presidente ribadisce di essere venuto a conoscenza della gravità del coronavirus solo “poco prima” dell’entrata in vigore delle restrizioni di viaggio del 2 febbraio.

Ma la fonte - che ha chiesto l’anonimato - insiste: dagli inizi di dicembre, i social media cinesi hanno iniziato a fornire indizi sulla lotta per contenere una malattia respiratoria che all’epoca era stata paragonata alla SARS, l’analoga epidemia virale del 2003. Pechino stessa, dai dati ufficiali, il 31 dicembre ha notificato ufficialmente all’Organizzazione Mondiale della Sanità la presenza sul proprio territorio di casi crescenti di un’epidemia di polmonite dalle cause ancora sconosciute.

Stati Uniti
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
Trump e il fisco, una vecchia battaglia
La Corte Suprema ha obbligato il presidente a presentare le sue dichiarazioni dei redditi, ma ha anche sancito che resteranno segrete fin dolo le elezioni. È il primo candidato della storia a cui riesce l’impresa
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Texas, giustiziato Billy Joe Wardlow
Nel 1993, a 18 anni, aveva ucciso un uomo mentre tentava di rubargli un camion per fuggire con la fidanzata. L’esecuzione era stata rinviata per la pandemia
Scomparsa una star di «Glee»
Scomparsa una star di «Glee»
Per la conferma ufficiale della morte manca ancora il corpo, ma secondo la polizia non ci sono speranze: Naya Rivera - la cheerleader Santana Lopez della serie televisiva – è scomparsa nelle acque di un lago artificiale in California
Trump fra scuole, libri e polemiche
Trump fra scuole, libri e polemiche
La candidatura di Kanye West, l’ordine di riaprire le scuole, i libri che lo mettono in cattiva luce, la pandemia che avanza inesorabile: la settimana “impossibile” del presidente
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Sfuggito all’11 settembre, muore di Covid-19
Stephen Cooper, ripreso in una delle più celebri foto della tragedia di New York, è stato sopraffatto dal coronavirus in Florida, dove aveva scelto di vivere
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari