La Casa Bianca annaspa fra polemiche e accuse

| Un ex funzionario dei servizi segreti rivela che le agenzie seguivano l’evolversi dell’epidemia da novembre, e il 3 gennaio avrebbero presentato un rapporto a Trump avvisando della pericolosità. Ma il rapporto non si trova più

+ Miei preferiti
Non si placano le polemiche intorno alla drammatica indecisione di Trump, per molti americani e soprattutto per i media, rappresenta il principale imputato per la scarsa serietà con cui ha affrontato gli allarmi che suonavano da più parti. La sua escalation, da “è solo una semplice influenza” a “sarà una battaglia durissima” sono una litania che si ripete ovunque, e secondo i più spietati analisti dimostra l’incompetenza, la sciatteria e l’ignoranza del comandante supremo, per di più in un momento in cui al Paese servirebbe una guida forte, decisa e sicura.

L’ultima rivelazione, la più recente, arriva da un ex funzionario di una non meglio agenzia di controspionaggio statunitense, che ha raccontato di come i servizi seguissero la preoccupante ascesa del coronavirus dallo scorso novembre, settimane prima che l’informazione fosse inclusa nel briefing quotidiano di intelligence destinato alla scrivania del presidente.

Mentre la data esatta del primo rapporto rimane poco chiara, la fonte ha rivelato che da quel mese, l’intelligence ha lanciato diversi avvertimenti sulla potenziale gravità della pandemia. Ma soltanto il 3 gennaio, Trump avrebbe accettato un briefing con i servizi segreti, che a quel punto avevano illustrato al meglio delle loro possibilità la situazione del contagio in Cina e soprattutto il terrificante potenziale della diffusione, che presto avrebbe raggiunto anche negli Stati Uniti. Ma dietro le quinte il lavoro andava avanti da settimane, con la CIA e altre agenzie che setacciavano le loro reti di informatori per scoprire che la situazione stava sfuggendo di mano alla Cina.

Un funzionario della difesa ha negato l’esistenza del rapporto del 3 gennaio: “Gli apparati interni alla Casa Bianca hanno esaminato ogni possibile documento che avrebbe potuto essere identificato come correlato all’argomento, e non hanno trovato nulla”. Poco dopo, alla cortina difensiva si è allineato il Pentagono, negando la presenza del rapporto: “Abbiamo esaminato tutto il materiale relativo a novembre e a dicembre. La prima indicazione che abbiamo ricevuto sono stati i rapporti alla fine di dicembre diffusi anche nel forum pubblico. E i primi rapporti di intelligence che ho visto risalgono a gennaio inoltrato”.

La delicata questione di quando il Presidente sia venuto a conoscenza per la prima volta della minaccia Covid-19 è diventata sensibile con l’aumento vertiginoso del numero di morti negli Stati Uniti: l’amministrazione si sente sotto tiro e Trump ripete che era impossibile immaginare quanto sarebbe stato letale il virus. Il presidente ribadisce di essere venuto a conoscenza della gravità del coronavirus solo “poco prima” dell’entrata in vigore delle restrizioni di viaggio del 2 febbraio.

Ma la fonte - che ha chiesto l’anonimato - insiste: dagli inizi di dicembre, i social media cinesi hanno iniziato a fornire indizi sulla lotta per contenere una malattia respiratoria che all’epoca era stata paragonata alla SARS, l’analoga epidemia virale del 2003. Pechino stessa, dai dati ufficiali, il 31 dicembre ha notificato ufficialmente all’Organizzazione Mondiale della Sanità la presenza sul proprio territorio di casi crescenti di un’epidemia di polmonite dalle cause ancora sconosciute.

Stati Uniti
Il Minnesota chiede 30 anni per Derek Chauvin
Il Minnesota chiede 30 anni per Derek Chauvin
Gli avvocati dell’ex agente accusato di aver ucciso George Floyd si oppongono: il processo dev’essere rifatto, i media avevano già emesso la sentenza prima del tribunale
Trump condannato a 2 anni senza social
Trump condannato a 2 anni senza social
Dopo mesi di discussioni, Facebook ha deciso di chiudere i profili dell’ex presidente fino al 2022. Un silenzio a cui Trump reagisce con rabbia, ma che inaugura una nuova politica dell’azienda
Trump: «Prima di agosto tornerò presidente»
Trump: «Prima di agosto tornerò presidente»
Secondo alcune rivelazioni dei media americani, l’ex presidente sarebbe sempre più convinto di essere vittima di una congiura, e si dice convinto del suo ritorno alla Casa Bianca in brevissimo tempo
Due adolescenti aprono il fuoco contro la polizia
Due adolescenti aprono il fuoco contro la polizia
È successo a Volusia, in Florida: gli agenti hanno tentato di stabilire un contatto, ma i due li hanno investiti di colpi d’arma da fuoco. La giovane è stata ferita, il maschio si è arreso
Sospesa l’esecuzione di Kevin Cooper
Sospesa l’esecuzione di Kevin Cooper
Il governatore della California Newsom ha ordinato una revisione del processo che aveva condannato un afroamericano accusato di aver massacrato una famiglia. Sulla scena erano state rinvenute tracce ematiche molto strane
Un weekend di fuoco: 12 sparatorie, 11 morti e 69 feriti
Un weekend di fuoco: 12 sparatorie, 11 morti e 69 feriti
In otto diversi Stati americani, fra venerdì e domenica, sono scoppiati scontri a fuoco che hanno lasciato a terra un numero impressionante di vittime. Dall’inizio dell’anno, 7.500 persone sono state uccise
La storia di un innocente mandato a morte
La storia di un innocente mandato a morte
L’insistenza degli avvocati di Ledell Lee, giustiziato nel 2017, ha portato a individuare una traccia che corrisponde a un soggetto diverso. Ma i giudici che avevano negato l’esame durante il processo insistono: “L’assassino era lui”
Texas, giustiziato dopo 21 anni nel braccio della morte
Texas, giustiziato dopo 21 anni nel braccio della morte
Quintin Jones, accusato di aver ucciso la prozia mentre era sotto l’effetto di droghe, è il terzo condannato a morte da quando il Covid ha colpito gli USA. Negata all’ultimo istante la richiesta di rinvio
La Trump Organization coinvolta in un’indagine penale
La Trump Organization coinvolta in un’indagine penale
L’ha annunciato il procuratore generale dello Stato di new York, senza citare i motivi e neanche se sull’ex presidente pendono accuse
In arrivo un rapporto sugli avvistamenti UFO
In arrivo un rapporto sugli avvistamenti UFO
L’Office of the Director of National Intelligence sta per consegnare al Congresso un report su alcuni avvistamenti che, malgrado gli sforzi, non è stato possibile classificare