La crisi di Joe Biden

| Dato per superfavorito nella corsa alle primarie Dem, l’ex vice di Obama arranca sempre più nei sondaggi. E anche se continua a dispensare ottimismo, la sua corsa appare sempre più in bilico

+ Miei preferiti
Joe Biden, l’ex vicepresidente di Obama al centro della dura polemica con Trump che ha portato al tentativo di impeachment, si è sempre sentito l’unico candidato Dem a poter scongiurare all’America altri quattro anni di “The Donald”. Ma dopo le primarie nel New Hampshire, la campagna elettorale di “Sleepy Joe”, come lo chiama Trump, appare sempre più in bilico. Da favorito, per mesi saldamente in testa nei sondaggi, si ritrova nella scomoda posizione del quinto posto fra i votati, con nessun delegato, alle spalle di Bernie Sanders, Pete Buttigieg e Amy Klobuchar, tutti reduci da piazzamenti decisamente migliori.

Per fare piazza pulita dei dubbi, Biden ha anticipato la propria presenza in South Carolina, dove il 29 febbraio sono in programma le primarie, dopo i caucus del Nevada: uno stato in cui, secondo i sondaggi, Joe dovrebbe andare sul sicuro, forte dell’appoggio del 31% degli elettori e ben distante dagli inseguitori Tom Steyer, dato al 18,5%, e Bernie Sanders al 17.

Dal suo staff circola serenità: Joe non ha alcuna intenzione di mollare, ma i dubbi serpeggiano. Secondo Quentin James, direttore del comitato “The Collective” che appoggia i candidati afroamericani, “Gli elettori neri si stanno allontanando: l’avevano appoggiato perché ritenuto un bianco progressista capace di battere Trump. Ora è cambiato tutto, e di sprecare il voto non tutti sono d’accordo”.

C’è poi l’incognita del “Super Tuesday” del 3 marzo prossimo, quando è annunciata la discesa in campo di Michael Bloomberg, la vera incognita delle primarie Dem, dato in forte ascesa grazie agli investimenti pubblicitari milionari. Nell’attesa, altri tre candidati hanno dato forfait: l’imprenditore di origine asiatica Andrew Yang, il senatore del Colorado Michael Bennet, e l’ex governatore del Massachusetts Deval Patrick.

Stati Uniti
Rimosso il comandante della Roosevelt
Rimosso il comandante della Roosevelt
Brett Crozier, al comando della portaerei il cui equipaggio era minacciato dalla pandemia, punito per aver lanciato l’allarme in modo che i media lo sapessero prima del Pentagono
Minacciato di morte il dottor Fauci
Minacciato di morte il dottor Fauci
Il massimo esperto americano a capo della task force contro la pandemia sarebbe finito sotto protezione perché minacciato da ambienti dell’estrema destra
Trump, lo spettacolo dell’indecisione
Trump, lo spettacolo dell’indecisione
Dall’ottimo lavoro che starebbero facendo la Casa Bianca e la sanità al basso numero di morti, dai governatori esagerati alla fretta di ripartire. Tutte le incertezze del presidente americano
New York, il terzo mondo degli ospedali
New York, il terzo mondo degli ospedali
Letteralmente travolti dalla crescita di casi, gli ospedali della più grande metropoli del mondo sono dei veri campi di battaglia dove manca tutto
USA, record di richieste di disoccupazione
USA, record di richieste di disoccupazione
3,3, milioni in una sola settimana: il record assoluto dal 1967. L’incubo della pandemia ha costretto diverse aziende a chiudere e licenziare, avvicinando lo spettro della recessione
USA, in aumento la vendita delle armi
USA, in aumento la vendita delle armi
File ovunque, richieste di permessi raddoppiate nel giro di poche settimane, corsa ad accaparrarsi munizioni, fucili e pistole. Il ventre dell’America si arma temendo disordini sociali dovuti al coronavirus
Trump chiude l’America
Trump chiude l’America
Viaggi da e verso gli Stati Uniti bloccati per un mese e misure per sostenere la contrazione economica dovuta all’epidemia. Malgrado questo, secondo gli analisti il presidente continua a non essere convinto che l’America rischia un’ecatombe
Amiche per la pelle, scoprono di essere sorelle
Amiche per la pelle, scoprono di essere sorelle
Per 17 anni, Ashley e Latoya hanno condiviso tutta la loro vita, poi una foto ha fatto scattare i dubbi, confermati qualche mese dopo dall’esame del Dna
Nelle scuole della Florida arriva il panic button
Nelle scuole della Florida arriva il panic button
Allarmi a pulsanti, collegati con le forze dell’ordine e il personale scolastico, saranno a breve installati in tutti gli istituti scolastici della Florida. È la vittoria di una mamma che ha perso la figlia nella strage di Parkland
Nuovi dubbi di insabbiamento sul rapporto Mueller
Nuovi dubbi di insabbiamento sul rapporto Mueller
Un giudice federale accusa il procuratore generale William Barr di aver voluto favorire Trump fornendo una versione di parte del rapporto sul "Russiagate"