La crisi di Joe Biden

| Dato per superfavorito nella corsa alle primarie Dem, l’ex vice di Obama arranca sempre più nei sondaggi. E anche se continua a dispensare ottimismo, la sua corsa appare sempre più in bilico

+ Miei preferiti
Joe Biden, l’ex vicepresidente di Obama al centro della dura polemica con Trump che ha portato al tentativo di impeachment, si è sempre sentito l’unico candidato Dem a poter scongiurare all’America altri quattro anni di “The Donald”. Ma dopo le primarie nel New Hampshire, la campagna elettorale di “Sleepy Joe”, come lo chiama Trump, appare sempre più in bilico. Da favorito, per mesi saldamente in testa nei sondaggi, si ritrova nella scomoda posizione del quinto posto fra i votati, con nessun delegato, alle spalle di Bernie Sanders, Pete Buttigieg e Amy Klobuchar, tutti reduci da piazzamenti decisamente migliori.

Per fare piazza pulita dei dubbi, Biden ha anticipato la propria presenza in South Carolina, dove il 29 febbraio sono in programma le primarie, dopo i caucus del Nevada: uno stato in cui, secondo i sondaggi, Joe dovrebbe andare sul sicuro, forte dell’appoggio del 31% degli elettori e ben distante dagli inseguitori Tom Steyer, dato al 18,5%, e Bernie Sanders al 17.

Dal suo staff circola serenità: Joe non ha alcuna intenzione di mollare, ma i dubbi serpeggiano. Secondo Quentin James, direttore del comitato “The Collective” che appoggia i candidati afroamericani, “Gli elettori neri si stanno allontanando: l’avevano appoggiato perché ritenuto un bianco progressista capace di battere Trump. Ora è cambiato tutto, e di sprecare il voto non tutti sono d’accordo”.

C’è poi l’incognita del “Super Tuesday” del 3 marzo prossimo, quando è annunciata la discesa in campo di Michael Bloomberg, la vera incognita delle primarie Dem, dato in forte ascesa grazie agli investimenti pubblicitari milionari. Nell’attesa, altri tre candidati hanno dato forfait: l’imprenditore di origine asiatica Andrew Yang, il senatore del Colorado Michael Bennet, e l’ex governatore del Massachusetts Deval Patrick.

Stati Uniti
Trump, la marcia verso il baratro
Trump, la marcia verso il baratro
Affossato da tutti i sondaggi, insultato, contestato e deriso ovunque, Trump si prepara ad una sconfitta di proporzioni abissali. E i Repubblicani sarebbero pronti a chiedergli un passo indietro (del tutto improbabile)
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
La figlia di un candidato: «Non votate per mio padre»
Stephanie Reagan, figlia di Robert, repubblicano in corsa per il distretto del Michigan, ha lanciato un appello perché il genitore non sia eletto: “Leggete i suoi programmi e spargete la voce, vi prego”
Chicago crime scene
Chicago crime scene
Ennesimo weekend nella metropoli dell’Illinois: 52 morti, fra cui un bambino di 20 mesi e una bimba di 10 anni. Polemica feroce con scambio di insulti fra il presidente Trump, il sindaco e il governatore
Il vuoto profondo dell’America
Il vuoto profondo dell’America
Da Paese guida del mondo a partner inaffidabile e rissoso: il ruolo dell’America nella politica internazionale è diventato confuso, di parte e per nulla autorevole
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Vincere alla lotteria 2 volte in 3 anni
Per la seconda volta nella sua vita, Mark Clark ha acquistato il biglietto vincente della “Michigan Lottery”, intascando 4 milioni di dollari
Trump: la politica dell’autodistruzione
Trump: la politica dell’autodistruzione
In vistoso e preoccupante calo nei sondaggi, il presidente è inerme e senza idee di fronte alla recrudescenza di contagi e alle proteste razziali
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Zombie, omicidi, Apocalisse: quando la cronaca supera la fantasia
Cinque morti, fra cui due fratellini di 7 e 17 anni, in una delle vicende più assurde di sempre, che da mesi tiene l’America con il fiato sospeso
Mary Trump, la vendetta della nipotina
Mary Trump, la vendetta della nipotina
È in corso un’altra battaglia per evitare la pubblicazione dell’ennesimo libro dedicato alla discussa figura di Trump. Questa volta l’ha scritto sua nipote, che promette di svelare 50 anni di arcani e porcherie finanziarie del presidente
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
L’imbarazzo di Tulsa e il futuro della campagna di Trump
Una furiosa resa dei conti pare abbia impegnato il presidente e il suo staff nel viaggio di ritorno alla Casa Bianca. Tutti sono al lavoro per studiare come proseguire nella campagna elettorale, senza rinunciare agli eventi
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
Il popolo di TikTok sbeffeggia Trump
L’esordio pubblico del presidente vittima di un passaparola giovanile, con migliaia di prenotazioni di posti da lasciare rigiorosamente vuoti. A lanciare il tam-tam una signora dell’Iowa